Ricevere il premio come miglior auto dell’anno è qualcosa che tutte le case automobilistiche tentano ogni anno di conquistare; qualche anno fa trionfava la Fiat 127.

Sono passati 45 anni lunghissimi anni ma se ancora se ne parla vuol dire che una sorta di misticità i fatti del 1972 lo hanno lasciato. In particolare una notizia riguardante il settore automobilistico, la nostrana Fiat 127 viene incoronata come Auto dell’Anno proprio nel 1972, per fondati e chiari motivi.

Tre sono le generazioni di questa auto che, senza ombra di dubbio, ha fatto epoca, ha rivoluzionato spostamenti e abitudini degli italiani, ha dato un forte imput alle auto che, dopo di essa, hanno continuato il fortunato corso dei gloriosi anni ’80 Fiat.

La prima generazione risale al 1971, la generazione vincitrice del premio. Le motivazioni sono abbastanza semplici da comprendere e si rifanno direttamente al grande successo di vendita che in un solo anno aveva portato numeri davvero notevoli.

Più piccola della 128 (altra grande auto di successo), più grande della 126, rappresentava il giusto mezzo, l’auto per tutti, l’auto per muoversi in città o per fare una gita fuori porta, grazie alla sua ben progettata abitabilità interna invidiabile per l’epoca.

Economica, grazie al suo motore di 900 cc dalla potenza di 47 CV (numeri che oggi fanno sorridere), 750 kg di massa e 140 km/h di velocità, praticamente il giusto compromesso in tutto.

Con la seconda generazione del 1977 si dà quel tocco di sportività che mancava, la 127 Sport (1978) è senza dubbio oggi uno degli esemplari più ricercati dai collezionisti, 750 kg di peso, motore da 1.000 cc con una potenza di 70 CV, per l’epoca numeri da capogiro.

Con la terza generazione si aggiungono versioni dotate di ulteriore versatilità come quella alimentata a gasolio o quella in versione station wagon (o giardinetta).

Senza la 127, Auto dell’Anno 1972,  senza il suo successo probabilmente un altro campione d’incassi, la Fiat Uno, non avrebbe goduto della fama che tutti conosciamo.

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Commenti