A differenza del climatizzatore manuale, ormai in dotazione in qualsiasi tipo e modello di auto, il climatizzatore automatico e in più “bizona”, ha un meccanismo di funzione (interfaccia) elettronico molto più dettagliato.

Il climatizzatore automatico bizona, dispone di un termometro esterno, un termometro interno e  un sensore che rileva l’ intensità dei raggi solari.
In questa modalità, il passeggero può scegliere, a differenza del guidatore, una temperatura diversa. Si avrà dunque una temperatura per la zona destra e una per la zona sinistra.
inoltre, i vari sensori raccolgono dei dati dove successivamente il climatizzatore andrà a regolare automaticamente la velocità della ventola e la potenza di raffreddamento.
L’ aria viene fatta circolare in modo ottimale, perché l’indirizzamento del flusso d’aria è automatico.
Questo tipo di climatizzatore è disposto anche di altre funzioni, come la modalità ricircolo, che viene attivata per esempio, quando piove o quando si mette le retromarcia, per evitare che l’aria inquinata entri nell’abitacolo.
E  se non si ha l’esigenza del climatizzatore, lo si può tranquillamente spegnere. In questo caso l’ aria viene indirizzata al vetro, in modo da non disturbare i passeggeri ed evitare l’ appannamento.
Ma proprio per questo ultimo dettaglio, basta premere un pulsante, cosi da permettere all’aria di venire indirizzata automaticamente al vetro.

Infine, se si preferisce, questo tipo di climatizzatore può essere usato anche manualmente.

Ti potrebbe interessare anche

Commenti