Come pulire gli interni dell’auto

Generalmente, quando decidiamo di effettuare la pulizia della propria auto, ci concentriamo principalmente sulla parte esterna, probabilmente perché è la parte immediatamente visibile alle altre persone, una sorta di “biglietto da visita”.

Generalmente, quando decidiamo di effettuare la pulizia della propria auto, ci concentriamo principalmente sulla parte esterna, probabilmente perché è la parte immediatamente visibile alle altre persone, una sorta di “biglietto da visita”.

Ovviamente è giusto pulire a fondo la carrozzeria della propria vettura, ma la stessa cura dovrebbe essere rivolta anche agli interni dell’auto; mantenere pulito e igienizzato l’abitacolo, infatti, rende più salubre l’ambiente nel quale, a volte, passiamo alcune ore nel corso della giornata, senza contare che così facendo elimineremo anche i possibili cattivi odori.

È quindi opportuno, in linea di massima, effettuare una pulizia degli interni dell’auto almeno una volta ogni 3-4 settimane al massimo.

Pulire la propria auto: come farlo al meglio

Per prima cosa è necessario rimuovere dall’abitacolo tutti gli oggetti eventualmente presenti (documenti, effetti personali, vari tipi di accessori ecc.); l’abitacolo deve rimanere completamente libero.

Pulizia dei tappetini

La pulizia vera e propria degli interni inizia dalla pulizia dei tappetini anteriori e posteriori; è necessario rimuoverli dall’abitacolo, sbatterli contro una superficie o contro un muro per rimuovere lo sporco più grossolano incastrato nelle fibre; per lo sporco più persistente si può utilizzare una spazzola con setole dure.

Rimosso lo sporco grossolano si può raffinare la pulizia ricorrendo a una scopa elettrica senza fili, un accessorio che presenta molti vantaggi quando si pulisce un’autovettura perché svincolato dalla necessità di essere nei pressi di una presa di corrente elettrica, senza contare l’ingombro del cavo. Le scope aspirapolvere, inoltre, sono particolarmente maneggevoli e leggere e consentono di pulire a fondo anche nei punti più difficili.

Eventualmente, dopo aver aspirato tutti i residui di polvere, si può effettuare anche un leggero lavaggio con acqua e un panno morbido. Se i tappetini sono particolarmente sporchi si può aggiungere all’acqua un cucchiaio di bicarbonato di sodio. I tappetini andranno riposizionati sull’auto solamente dopo aver terminato la pulizia interna dell’abitacolo.

Nota importante – Se i tappetini sono stati lavati con acqua, è fondamentale, prima rimetterli all’interno dell’abitacolo una volta terminate tutte le pulizie, assicurarsi che siano perfettamente asciutti; così facendo si eviterà la dannosa formazione di muffe all’interno dell’abitacolo.

Pulizia della tappezzeria interna

A questo punto è necessario procedere con la pulizia della tappezzeria interna dell’auto; lo strumento necessario è, ancora una volta l’aspirapolvere senza filo; per esempio un aspirapolvere senza filo Dyson; esistono vari modelli fra cui scegliere a seconda delle proprie esigenze domestiche (a questa pagina si può effettuare un test che aiuta nella scelta); tutti i prodotti, comunque, garantiscono una pulizia profonda di tutte le superfici e sono dotati di tecnologia antigroviglio che previene il fastidioso aggrovigliamento di peli e capelli intorno al rullo.

Per essere sicuri di non trascurare alcun punto della tappezzeria, ci si aiuti spostando i sedili dell’auto con l’apposito meccanismo.

Pulizia di cruscotto, volante ecc.

Una volta che l’aspirapolvere è stato passato su tutte le superfici interne (ivi compresi i sedili), si può procedere con la pulizia del cruscotto, del volante, del cambio e delle parti interne delle portiere; a tale scopo è consigliabile ricorrere a specifici prodotti per cruscotti auto che fanno tornare come nuove queste parti dell’autovettura. Per questa operazione utilizzare un panno morbido in microfibra.

Pulizia del quadro strumenti

La pulizia del quadro strumenti va effettuata con una certa delicatezza, ricorrendo a un panno morbido leggermente spruzzato con un detergente per vetri o con alcol denaturato.

Pulizia dei vetri interni

Una volta terminata la pulizia di tutte le parti interne è necessario pulire a fondo i vetri, operazione che garantisce la massima visibilità al conducente e ai passeggeri.

Per la pulizia dei vetri si può ricorrere a un comune detergente per vetri, come quelli che si utilizzano per pulire i vetri delle finestre di casa.

Tag: consigli
Condividi
';