Notizie.it logo

Il motore della Ferrari Formula 1 è illegale disastro in FIA

motore ferrari formula 1

Leggiamo insieme l'articolo firmato Auto Bild e confrontiamo le informazioni che abbiamo.

Il motore Ferrari Formula 1, quello più potente e cattivo di tutti è illegale. Lo afferma Auto Bild, una nota rivista online Tedesca che non ha mai sbagliato un colpo nelle previsioni e nelle affermazioni. L’Italia risponde a suon di patriottismo invocando il complotto, ma la realtà, è che Ferrari ha perso e ha avuto un sacco di problemi. Una Mercedes al sesto titolo a cui importa poco di non essere riconosciuta come la reginetta del Circus, dato che come sappiamo, avrà numerosi introiti da parte di sponsor e organizzazione ufficiale. Sembra una “cattiveria” sportiva da parte di Mercedes ma alla fine nella major automobilistica del mondo, cos’altro bisogna fare? La FIA che era sembrata di parte tedesca fino ad oggi, sembra invece che abbia coperto il cavallino per tutta la durata della stagione. Vediamo cosa dice l’articolo ufficiale di Auto Bild, pubblicato pochi giorni prima del Gran Premio del Messico.

Motore Ferrari Formula 1 Illegale

Così cita Auto Bild: tradotto

Una cosa è certa: il vantaggio di potenza che la Ferrari ha sui rettilinei in questa stagione è enorme. La concorrenza parla fino a 55 CV (40 kW).Convertito in tempi Ferrari vince su parti di pista con molti rettilinei fino a 0,8 secondi. Questo è quello che dice, ad esempio, Renault e Mercedes . “Il vantaggio è assurdo e giuridicamente impossibile da ottenere, poiché la tecnologia è già molto satura di evoluzioni”, afferma un membro di alto livello di una squadra concorrente a Ferrari. Il capo del team Ferrari Mattia Binotto conosce le accuse e si oppone ad essa: “la proiezione non è così grande, come si sostiene.”

Richiesto l’intervento della FIA

Tuttavia, la FIA è richiesta ora. Al momento esiste solo una dichiarazione dell’autorità automobilistica. Quindi, diversamente dal caso della Renault, non vi fu alcuna protesta ufficiale contro la Ferrari. (…)Chiudete entrambi gli occhi per evitare un enorme scandalo, che alla fine potrebbe portare all’uscita della Ferrari?

Cambio batterie e modifiche illegali

Già nel 2018 è stato ipotizzato che la Ferrari cambi forzatamente le batterie in modo che possano sbloccarsi per un certo periodo di tempo in più rispetto ai 163 cavalli supplementari consentiti provenienti dall’unità motore elettrico. La FIA ha dichiarato ufficialmente il sistema Ferrari legale durante il GP Monaco . Ufficiosamente, l’ABMS ha imparato dai circoli della FIA e della Formula 1, ma uno aveva dei dubbi. Con la competizione uno era persino sicuro: “La Ferrari imbroglia e la FIA lo sa.

Ma non importa, perché sarebbe un enorme scandalo “.

Quest’anno, si ritiene che la Ferrari dovrebbe trasportare una parte del fluido lubrificante nella camera di combustione con una perdita “controllata” nel radiatore dell’olio per attivare ulteriore potenza. Ciò sarebbe vietato, poiché in base alle normative l’olio può essere utilizzato solo per la lubrificazione del motore.

Charles Leclerc angelo di Ferrari

Se si scoprisse che il Motore Ferrari Formula 1 abbia davvero nonconformità con gli standard e i regolamenti del circus il disastro sarebbe pesante per Maranello.

L’ultima opzione per la casa è di puntare sull’opinione pubblica, con Charles Leclerc. Il Monegasco dal cervello fino e il cuore grande che sta facendo innamorare anche la concorrenza. Non capiamo però FIA cosa voglia davvero fare. Facendo gli opportuni controlli potrebbe risolvere tutti i dubbi in meno di un GP, così condannando o salvando definitivamente Ferrari. A questo punto le carte sono in tavola, chi metterà da parte gli interessi per salvare la Formula 1?

© Riproduzione riservata

2
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
1 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
Manrico Francescon

Accusa infamante e non suffragata da prove ma solo deduzioni ed invidia.

Alessandro Paladini

Le accuse in Formula 1 sono lecite e all’ordine del giorno. Quello che preme sapere è se la FIA lo sapeva già prima e non ha voluto parlare. Chi sbaglia paga e si risolve, ma se l’organo che regolarizza è cieco il problema è assai più grave.

Leggi anche