Come driftare come un professionista

Sei pronto a derapare come un professionista? Ecco tutti i consigli, ma fallo sempre nella massima sicurezza.

Vuoi driftare come un professionista? Fare drifting con una Nissan GT-R non è una cosa facile da fare, quindi ecco alcuni consigli su come farlo. Guidare una macchina stradale è una cosa, ma guidare una Nissan GT-R da 1390bhp capace di andare di traverso a 190 miglia all’ora, cosa che ha fatto recentemente per stabilire un nuovo record mondiale, è una cosa completamente diversa.

Solo che – non per la prima volta – mi sbagliavo. La GT-R è una delle auto più facili in cui abbia mai provato a fare drifting. Forse non dovrebbe essere una sorpresa, ma lo era per me. Si scopre che un’auto che può derapare a 190 miglia all’ora richiede la stessa serie di attributi di un’auto che si vuole far driftare a 50 miglia all’ora. Chi lo sapeva?

Driftare come un professionista: scegli la tua posizione

Un grande spazio vuoto con il permesso del proprietario del terreno è l’ideale. Ovviamente è il genere di cose che si addicono di più a un parcheggio vuoto che a una rotonda. Nissan ha optato per l’aeroporto internazionale di Fujairah negli Emirati Arabi. Abbastanza largo e lungo per raggiungere le 190 miglia orarie.

Driftare come un professionista: scegli la tua auto

L’ideale è che sia a trazione posteriore, relativamente potente e che abbia un differenziale a slittamento limitato e un controllo della carrozzeria decente.

Più lungo è il passo, più tempo ci vuole per fare le cose, e un’auto con motore anteriore è di solito più facile da controllare di una con il motore più indietro. Anche una quantità decente di bloccaggio dello sterzo è un bonus.

La GT-R, commissionata per Nissan da Driftworks e costruita da GReddy in Giappone, è tutte queste cose. Anche la 370Z da corsa lo è, ma è più difficile da far driftare rispetto alla GT-R appositamente preparata.

Driftare come un professionista: dagli il colpo di grazia

L’auto e la curva sono a posto? Bene. Ecco la parte cruciale. Ora hai bisogno di girare in dentro e di scostare il retrotreno per iniziare a scivolare, e ci sono diversi modi per farlo. I drifter di solito usano un freno a mano idraulico, mentre alcune auto hanno abbastanza potenza per farlo solo con l’acceleratore. In alternativa, potresti aver bisogno di molto acceleratore e di disinserire la parte posteriore dell’auto (come ha fatto la Nissan). Possono farlo un sollevamento dell’acceleratore e un grande colpo di sterzo, forse anche trascinando leggermente i freni.

In entrambi i casi, per far girare le gomme dovrai applicare molta potenza in una marcia che ti lascia vicino alla parte superiore della gamma di giri. Se niente di tutto ciò funziona, puoi inserire la frizione, alzare i giri del motore, poi mollare la frizione per disincastrare le gomme posteriori.

Driftare come un professionista: guarda dove vuoi andare

Congratulazioni, l’auto ora sta andando di traverso! Ora, forse questa è la parte cruciale. Guarda dove vuoi andare, non dove punta l’auto. Il modo più veloce è quello di lasciare andare il volante e lasciare che il bloccasterzo si avvolga da solo, perché l’inerzia delle ruote anteriori le fa proseguire nella direzione in cui stavano andando. Tuttavia, non tutti riescono a fare questa cosa, per cui gira in fretta lo sterzo, e nel frattempo non diminuire la potenza.

come driftare come un professionista

Driftare come un professionista: attenzione alla potenza

Ecco la parte cruciale. Troppa potenza: andrai in testacoda. Non abbastanza potenza: le gomme posteriori riacquisteranno aderenza, e un trasferimento di peso – più il blocco opposto che hai applicato – cercherà di far girare l’auto nell’altra direzione.Tra i due c’è una via di mezzo felice in cui le gomme posteriori girano, si gioca contro l’angolo di sterzata e tutto diventa perfetto. La GT-R da record ha una massa di blocco dello sterzo e una potenza apparentemente illimitata, che aiuta molto.

Tra l’altro, alcune hot hatch sono dotate della modalità drift.

Driftare come un professionista: come uscire dal drifting

Ok, forse questa è la parte importante. La GT-R modificata ha un’ampia carreggiata posteriore per minimizzare il trasferimento di peso, e rendere questo processo graduale, non brusco. Se vuoi uscire dalla derapata verso una linea retta, guarda dove vuoi andare e dirigi l’auto verso quel punto. Potresti dover ridurre brevemente e leggermente la potenza – non spegnerla – in modo che l’angolo di imbardata si riduca e tu realizzi la traiettoria desiderata. Per ora, mantieni le gomme posteriori che girano. Spegni il bloccaggio mentre l’auto si raddrizza, mantenendo la potenza, in modo che mentre l’auto prende velocità in avanti le ruote posteriori scendano gradualmente per adattarsi alla velocità della strada.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Consigli per la manutenzione invernale dell’auto

Svelata la nuova VW Taigo: un compatto coupé-SUV in arrivo in Europa

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media