Drift Mode nelle hot hatch: come funziona

Drift Mode nelle Hot Hatch, in questo articolo scopriamo le auto più famose che adottano questa modalità di guida e come funziona.

Le hot hatch, un segmento che gli appassionati di guida adorano in quanto permettono di avere ottime prestazioni in auto che solitamente non sono deputate al divertimento ed alla sportività. Inoltre possono tranquillamente essere utilizzate come auto da tutti i giorni e solcare gli asfalti dei più importanti autodromi nei track day se ci si vuole divertire in pista.

Nelle ultime nate che sono entrate a far parte del segmento ve ne sono alcune equipaggiate con la “Drift Mode” in questo articolo vi spieghiamo cos’è e come funziona.

Drift Mode Hot Hatch: come funziona

La “Drift Mode” o modalità derapata, se si vuole italianizzare il concetto è una modalità che permette di ripartire la coppia al posteriore su auto dotate di trazione integrale. Perché si è vero le hot-hatch nella loro storia sono state quasi sempre a trazione anteriore ma la maggior parte delle moderne è dotata della trazione integrale.

Le ruote anteriori vengono utilizzate come ruote di trazione per gli spostamenti da tutti i giorni.

Una modalità di guida nata per favorire quel divertimento “ignorante” in grado di strapparti sempre il sorriso all’uscita di una curva e nonostante sia principalmente una funzione goliardica è stata quella che ha fatto riavvicinare, oltre che per le elevatissime prestazioni, il pubblico di appassionati al segmento.

Drift Mode Hot Hatch: auto simbolo

La genesi di questa modalità è avvenuta nel lontano 2016 con l’avvento sul mercato della terza generazione di Focus RS che è stata la prima ad essere dotata di questa modalità.

In quel caso la coppia della trazione integrale, dotata di frizione Haldex, veniva ripartita del 70% al posteriore e solo per il 30% sull’ anteriore.

Altre case hanno seguito questa scelta, infatti ora la possiamo trovare su altre bombe come Mercedes AMG A45, Audi RS3 e Toyota GR.

BMW ha fatto l’inverso dato che la trazione integrale XDrive della nuova Serie 2 ha di base più coppia ripartita al posteriore e solo in caso di necessità si può sfruttare la trazione anteriore.

Ciò nonostante non stiamo parlando di una trazione posteriore pura, quindi i traversi sono, come per le altre, occasionali.

Drift Mode Hot Hatch: come si fa

Ogni casa ha un metodo diverso per far entrare in funzione la Drift Mode. Di seguito alcuni esempi pratici secondo le varie case.

Mercedes lo fa attuare facendo passare il cambio in modalità manuale, selezionando il programma di guida Race e disattivando l’ESP.

Audi lo rende possibile attuando tra i sette programmi del drive select quello che fa rima con Drift. Lo stesso programma è disponibile anche su Cupra dato che il Formentor condivide il medesimo pianale.

Golf sulla nuovissima 8R ha uno schema simile ad Audi e Mercedes: frizione Haldex, trazione integrale e torque vectoring. Include una funzione specifica chiamata anch’essa “Drift”.

Infine la Yaris GR ha di norma una gestione della coppia del 60% all’anteriore e del 40% al posteriore. Selezionando la “Sport” la coppia viene ripartita del 70% al posteriore e del 30% all’anteriore (la loro “Drift Mode”) e la Track è la più equilibrata ed affilata, la coppia è ripartita al 50% su ciascuno dei due assi.

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Victory Vision: le caratteristiche della Gran Turismo per eccellenza

Suzuki Adess 110: uno scooter interessante sotto vari punti di vista

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media