Mobilità Elettrica: la nuova sfida del noleggio auto a lungo termine

Come molti altri settori, anche il noleggio a lungo termine, sempre più diffuso nonostante la contrazione delle immatricolazioni e, in generale, del settore della mobilità anche a causa della pandemia tuttora in corso, sta cogliendo la sfida ecologista del momento.

Come molti altri settori, anche il noleggio a lungo termine, sempre più diffuso nonostante la contrazione delle immatricolazioni e, in generale, del settore della mobilità anche a causa della pandemia tuttora in corso, sta cogliendo la sfida ecologista del momento. La tendenza green è sempre più forte in numerosi rami del mercato automobilistico, con un costante aggiornamento delle tecnologie delle auto elettriche e hybrid plug-in, le uniche al momento in grado di garantire una mobilità a zero emissioni, o comunque ad emissioni di anidride carbonica notevolmente ridotte.

I vantaggi di noleggiare a lungo termine green

La maggiore attenzione riservata da parte degli automobilisti all’ambiente sta portando ad un’autentica transizione energetica, con evidente e netta preferenza per le auto elettriche o ibride (anche grazie agli eco incentivi statali). Il problema che si presenta in questo quadro è il costo più elevato per l’acquisto di un veicolo all’avanguardia e a zero emissioni: da qui, il vantaggio notevole garantito dalle formule di noleggio a lungo termine, sia per i privati, che per le aziende che consente di guidare un auto ad alimentazione elettrica o plug-in hybrid pagando un canone contenuto.

La possibilità di noleggiare un’auto per periodi che possono spingersi fino a cinque anni, garantisce, dietro il pagamento di un canone mensile fisso, l’accesso a un costo contenuto a veicoli d’avanguardia e di comprovata affidabilità. Sfruttare queste formule per entrare in possesso di auto a zero emissioni, in fondo, si rivela un passo essenziale per la transizione ad una mobilità elettrica ed a basso costo, vantaggiosa sia per le aziende, sia per gli automobilisti privati e, in ultima analisi, soprattutto per l’ambiente.

Si tratta di una tendenza chiara ed evidente sin dall’analisi delle quote di mercato che le auto elettriche ed ibride si sono guadagnate negli ultimi mesi, nel ramo del noleggio. Infatti, le auto elettriche hanno raggiunto quota 7,27%, assestandosi sopra le full-hybrid (poco sopra il 6%), ma sotto le ibride plug-in (che superano in percentuale il 12%). Con un rapido calcolo, ci si rende conto che, nel terzo trimestre 2021, la mobilità elettrica copre dunque circa il 25% delle immatricolazioni nell’ambito del noleggio a lungo termine. È chiaro allo stesso tempo che il mercato sta riadattandosi, con la preferenza per le auto diesel e benzina che scende al 50% (o al 72%, se si considerano anche le mild-hybrid, in ascesa di oltre il 14% sul mercato complessivo delle automobili a noleggio lungo termine).

In breve, sia che si guardi ai veicoli commerciali leggeri, sia che si analizzino le quote di noleggio delle automobili per privati, la mobilità elettrica sta vedendo crescere tutti i suoi valori percentuali, in maniera più o meno importante, nonostante una congiuntura non esattamente favorevole per la mobilità nel suo complesso.

La mobilità elettrica continua comunque a fare passi avanti, con la complicità non soltanto della maggiore attenzione alle tematiche ambientali da parte dei clienti delle agenzie di noleggio, ma anche grazie a dei vantaggi concreti che possono essere garantiti soltanto dalla locazione a lungo termine. Tra questi, il mantenimento di un alto valore residuo al termine del contratto di locazione: se si considera che una formula di noleggio lungo termine solitamente copre in media un arco di tempo di 3 anni, ci si rende subito conto che un’automobile alimentata a benzina o diesel tendenzialmente perde valore molto più rapidamente, rivelandosi così poco vantaggiosa per l’automobilista; un’auto elettrica, invece, mantiene il suo valore con più facilità nel corso degli anni, caratterizzandosi dunque come un buon investimento per chiunque voglia entrarne in possesso tramite noleggio; queste variazioni hanno un’ovvia ricaduta sul canone mensile.

Syntonia Spa: la forza di un’Agenzia esclusiva

L’applicazione della formula del noleggio a lungo termine al campo della mobilità elettrica sembra destinata a rivelarsi cruciale nel più vasto panorama della lotta per l’ambiente e per un sensibile miglioramento delle condizioni climatiche globali. Ne è ben consapevole Alberto Repetto, co-fondatore di Syntonia Spa, azienda che da 12 anni si occupa di servizi di noleggio a lungo termine ed è partner esclusivo di Arval.

La società nasce nel 2009 dall’esperienza di Alberto Repetto e Marco Gandolfi, professionisti che lavorano nel settore del noleggio a lungo termine da decenni e che si sono occupati dello start-up, dello sviluppo e della gestione di importanti aziende regionali e nazionali.

“Abbiamo una fisionomia che deriva dalle nostre esperienze corporate, perché la nostra formazione manageriale si è sviluppata in seno ad alcune delle principali multinazionali del noleggio a lungo termine. Anche e soprattutto questo aspetto ci ha portato ad essere agenzia esclusiva di Arval”, testimonia Gandolfi.

Syntonia attraverso la divisione corporate cura gli interessi delle medie e grandi imprese, mentre le PMI sono servite attraverso una presenza capillare sul territorio dalla sua rete di agenti con contatti diretti presso officine e carrozzerie.

La forza di Syntonia è quella di essere agente in esclusiva di Arval: “È stata una scelta voluta da entrambe le parti, nata quando siamo partiti operando principalmente dalla Liguria, nella quale Arval ha pensato di riservarsi il vantaggio competitivo di avere un’agenzia in esclusiva. Noi siamo di fatto lo strumento commerciale di Arval sul territorio”, spiega Marco Gandolfi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Esonero bollo auto: chi può beneficiarne e come fare domanda

Chevrolet Silverado elettrico: arriverà nel 2023

Leggi anche
Contents.media