Fiat Toro: tutto sul nuovo pick-up della casa torinese

Finalmente, è pronto per invadere il mercato sudamericano dove Fiat presenta modelli inediti per tutte le tasche e, forse, ad arrivare anche nel nostro Paese. Fiat Toro è un pick-up che può far gola a molti, ideale non solo per il lavoro. Fiat, del resto, non presenta nuovi modelli sul mercato europeo da un po’ di tempo, fatto salvo della versione full electric dell’iconica 500.

Attualmente, l’iconica casa torinese punta sui restyling. Quello della sua vettura più venduta, la sopracitata 500, la versione X, più spaziosa e sportiva, con motorizzazioni anche ibride, la L, più larga e ideale per la famiglia, l’intramontabile Panda, anch’essa proposta anche con propulsione ibrida e in diverse varianti speciali e la Tipo, con la sua versione berlina, station wagon e 5 porte.

Fuoristrada veri marchiati Fiat sul mercato europeo non si vedono più dai tempi della Freemont, vista anche la produzione tutta italiana di modelli come la Jeep Compass e la sempre apprezzata Renegade. Al momento, comunque, Fiat sta puntando tutto su Brasile e Argentina, con il continente sudamericano a far registrare le migliori quote di mercato alla casa nata sotto la Mole Antonelliana. Visto il successo in Sudamerica di modelli come il Fiat Toro, però, si sta pensando di proporre la linea indirizzata al mercato d’oltreoceano anche in Italia, partendo proprio dal gettonatissimo pick-up.

Fiat Toro in Italia? Tutta la verità in merito

Come detto, Fiat in Sudamerica è un cavallo vincente degno dei migliori casino gratis online senza deposito. Così come nel vecchio continente, anche il Sudamerica vede nei suv e, nel caso specifico, nei pick-up, una scelta di punta da parte degli acquirenti immessi nel mercato automotive. Il territorio, del resto, si contraddistingue per vaste lande con manto sterrato, la cui percorrenza, viene ovviamente agevolata da vetture propense al fuoristrada. Il Fiat Toro risponde perfettamente a quest’esigenza, presentandosi come un prodotto importante nella scena automobilistica sudamericana.

Non supera i cinque metri di lunghezza e presenta un design tanto semplice quanto d’impatto. Il frontale spicca per i gruppi ottici eleganti, disposti su due livelli. Il paraurti è muscoloso e presenta una griglia che sfoggia il nuovo logo Fiat. L’ultimo restyling del Fiat Toro dovrebbe arrivare verso la fine del 2022 e l’inizio del 2023, anche in Italia.

Il modello si contraddistingue da quello precedente per un cofano più ondulato sul frontale che, in ogni caso è stato completamente ridisegnato. I fari sono a LED, mentre all’interno è stato adottato un nuovo schermo da sette pollici e l’ultimo aggiornamento del sistema UConnect, con uno schermo verticale in grado di arrivare fino a oltre dieci pollici.

Motorizzazioni

Fiat Toro sarà presentato con motorizzazioni differenti. Le versioni attualmente note sono la Endurance, la Freedom S-Design, la Volcano e la Ultra. Saranno dotate di un propulsore Turbo Flex 270 1.3 con cambio automatico a sei rapporti. La versione Ranch, invece, presenterà un due litri Turbo Diesel TD350 con cambio automatico a nove rapporti e quattro ruote motrici. In quest’ultimo restyling, il motore da un litro e tre di Fiat Toro non subirà alcuna modifica e la potenza erogata sarà di 185 CV a 5.750 giri/min, alimentato a etanolo e 180 CV per la benzina.

La versione diesel arriverà, invece, a 170 CV. Non si è ancora sicuri del prezzo di partenza di nuovo Fiat Toro. Si pensa, però, che con i tassi di conversione, il mezzo sarà disponibile all’acquisto in versione base a partire da 17.400 euro, fino ad arrivare ai 28.500 del modello con tutti gli optional. Insomma, Fiat Toro potrebbe rappresentare il primo anello di congiunzione tra la fantasiosa offerta di Fiat in Sudamerica e quella più calma e stabile europea.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leggi anche
Contents.media