Guidare l’auto in inverno: i migliori consigli per farlo in sicurezza

Guidare l’auto in inverno: i migliori consigli per farlo in sicurezza con le giuste dotazioni e il corretto stile di guida anche sulla neve.

Un conto è guardarla scendere e lentamente imbiancare i tetti delle case, magari con una tazza di camomilla tra le mani, altra cosa è invece dover salire in macchina e affrontare uno spostamento sotto la neve.

Che sia per esigenze di lavoro o magari invece per fare un break sugli gli sci insieme ad amici e parenti sotto Natale non ha importanza: ci sono alcune regole da tenere presenti, che tutti possono facilmente comprendere e seguire, in modo da non trovarsi in difficoltà al volante. Quest’ultimo, innanzitutto, dovrà essere sempre toccato con movimenti dolci così come dovrà essere la cautela a guidare l’utilizzo di acceleratore e freni.

Obblighi delle dotazioni invernali

E’ bene anche ricordare quelli che sono gli obblighi degli automobilisti, i quali dal 15 novembre e fino al 15 aprile – cinque lunghi mesi – devono montare il treno di gomme invernali, per scegliere il quale sarà utile il consiglio degli esperti Gomme Planet. O comunque dovranno avere le catene a bordo (è utile ricordare che in zone con particolari caratteristiche climatiche l’obbligo di dotazioni invernali scatta dal 15 ottobre). E’ una regola che vale per certe strade in tutta Italia, ben definite e al di fuori dei centri abitati, anche se i Comuni hanno la possibilità di adottare provvedimenti ad hoc pure all’interno di questi ultimi.

Monitorare il meteo: come guidare

La cosa più importante da fare in caso di neve è essere preparati all’evenienza. Come? Innanzitutto, prima della partenza, è sempre utile rimanere aggiornati – tramite app, soprattutto – su quelle che sono le condizioni meteo in arrivo. L’altra operazione riguarda la situazione di ‘pulizia’ della vettura. Già, perché vi sono alcune parti la cui importanza è cruciale per una guida corretta: vetri, tutto l’impianto delle luci e la coppia di specchietti non dovranno presentare residui di neve o di ghiaccio e risultare sgombri. Il motivo è presto detto: la visuale libera è il primo presidio salvavita. Con un’attenzione speciale da riservare poi a tetto e parabrezza.

Dal tetto, in caso si renda necessaria una frenata un po’ più decisa, infatti, la neve potrebbe scivolare sul parabrezza e impedire di vedere la strada per qualche secondo prezioso. Quanto al parabrezza deve essere libero di default, sempre e comunque, poiché è una grande finestra di comando su tutto ciò – panorami e pericoli – che sta intorno. Una buona abitudine che, in generale quando nevica e c’è maltempo, è bene sviluppare riguarda i tempi tecnici degli spostamenti. Vale a dire che programmare il tragitto e partire con un po’ di anticipo sarà utile a rendere la guida più tranquilla perché, oltretutto, renderebbe gli eventuali stop nelle zone di sosta veramente rilassanti.

In caso di neve alta

In caso di neve alta, è bene poi evitare di mettersi nella scia lasciata da altre macchine: è una specie di binario che potrà limitare e di molto gli spostamenti dell’auto. Occorre tenere gli occhi bene aperti sulla segnaletica, soprattutto laterale, e controllare i movimenti delle automobili che viaggiano davanti il che sarà utile a farsi un’idea anche di eventuali punti critici lungo la strada. Infine, conviene aumentare la distanza di sicurezza – anche nel nome dell’aderenza al manto stradale – visto che lo spazio per la frenata in caso di neve si allunga e porta con sé rischi di tamponamento.

Scritto da Alessandro Paladini
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Toyota Prius 2020, arrivano Alexa e CarPlay anche nella versione a 7 posti

Toyota RAV4 2020: interni e info della ibrida giapponese da offroad

Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.