Neopatentati, nuovi limiti di potenza per elettriche e plug-in

Nuovi limiti di potenza per i neopatentati per elettriche e plug-in.

In Italia le leggi non sono mai molto chiare. Spesso e volentieri è necessario attendere specifiche circolari per capire quale sia l’interpretazione giusta della nuova norma. E proprio una circolare del Ministero dell’Interno ha chiarito il limite di potenza massima delle auto elettriche e Plug-in che possono guidare i neopatentati.

Con l’approvazione del decreto infrastrutture erano arrivate alcune piccole modifiche al codice della strada che hanno riguardato anche i limiti di potenza massima delle auto elettriche e Plug-in che i neopatentati possono guidare legalmente. Vediamole.

I nuovi limiti di potenza per i neopatentati per elettriche e plug-in

Tutti coloro che hanno passato l’esame di guida per la patente B, si sa, per il primo anno non possono guidare auto con un rapporto potenza/tara superiore ai 55 kW/t e una potenza massima superiore ai 70 kW, ossia 95 CV.

Il decreto infrastrutture ha aggiunto, ma solo per le elettriche e le Plug-in, il limite di 65 kW/t che va a sostituire quello di 55 kW/t. Siccome non è stata fatta menzione del limite della potenza massima, l’interpretazione era che comunque i neopatentati non avrebbero potuto guidare elettriche e Plug-in con potenze superiori ai 70 kW. Il Ministero degli interni, negli ultimi giorni, è intervenuto con una specifica circolare in cui ha voluto chiarire i limiti delle auto elettriche e Plug-in che possono essere guidate dai neopatentati.

Cosa cambia per i neopatentati: limiti di potenza per elettriche e plug-in

Quanto specificato all’interno della circolare è molto importante perché cambia radicalmente la situazione. Non essendoci più la soglia generica dei 70 kW, i neopatentati potranno guidare legalmente molti più modelli elettrici e Plug-in.

Potranno mettersi alla guida di molti più modelli Plug-in visto che con la precedente interpretazione della norma, le auto dotate di questa alimentazione accessibili legalmente si contavano sulle dita di una mano.

Si tratta comunque di una scelta discutibile perché potenzialmente i neopatentati potranno mettersi legalmente alla guida anche di modelli dalle prestazioni elevate, non certamente adatti a chi ha poca esperienza al volante di un’auto. Insomma, per il Governo non va bene che un neopatentato possa guidare una Hyundai Kona endotermica ma va benissimo se si mette alla guida di una Porsche Taycan.

Una scelta alquanto bizzarra, il governo italiano ci sorprende sempre.

Leggi anche:

  • Come riparare i pneumatici: consigli utili
  • Quali sono i bonus e gli ecoincentivi del 2022: come ottenerli
Scritto da Michele Zacchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leggi anche
Contentsads.com