Giorgetto Giugiaro: storia del designer italiano

Giugiaro design, la sua arte, la sua genialità. Un pezzo di storia della professionalità made in Italy esportata in tutto il mondo. La Italdesign Giugiaro è un azienda italiana fondata a Torino il 13 Febbraio del 1968 da Giorgetto Giugiaro e Aldo Mantovani sotto il nome di SIRP Società Italiana Realizzazione Prototipi.

La fondazione di Giorgetto Giugiaro

L’azienda nasce come centro di servizi per il Mondo delle automotive; sin dalla sua creazione l’italdesign stringe importanti rapporti di partnership con importantissime case automobilistiche: Alfa Romeo, FIAT, Hyundai, Mitsubishi. La società nasce per il progetto Alfa Sud, e lo studio di progettazione di tale vettura inizia non a caso proprio nel 1968. Dopo di che inizia la collaborazione con la casa tedesca Wolkswagen per la realizzazione di tre vetture storiche: la Volksvagen Passat, la Volksvagen Scirocco e la Volksvagen Golf.

In questi anni la italdesign è all’avanguardia nella realizzazione di studi stilistici e soluzioni ingegneristiche.

All’interno dell’azienda dal 1981 diventa operativa la sezione Giugiaro Design: una sessione dedicata al design industriale e dei trasporti. A seguire nel 2003 viene fondata la Giugiaro Architettura, che come campo di applicazione ha la progettazione civile e industriale, architettura di interni, allestimenti fieristici, arredo urbano e pianificazione urbanistica e paesaggistica.

La Volksvagen acquisterà più del 90,1% del capitale della italdesign Giugiaro il 25 Maggio del 2010, assimilando di fatto l’azienda interamente al gruppo tedesco, e verrà posta sotto la holding Lamborghini, sussidiaria italiana di Audi. Giugiaro rimarrà in possesso del restante 9,9% sino al 2 Luglio 2015, quando verrà ceduta anche la rimanente quota, con le dimissioni da tutte le cariche che ancora ricopriva da parte di Giorgetto.

Alfa Romeo Gt Junior e Alfa Sud

L’Alfa Romeo Giulia GT è un’autovettura coupé, costruita dall’Alfa Romeo, su meccanica del modello “Giulia”, dal 1963 al 1975. La carrozzeria, opera di un giovanissimo Giorgetto Giugiaro all’epoca in forze alla Bertone,[1] andava a coprire il pianale, con passo accorciato da 251 a 235cm, della Giulia Berlina. Sostituendo la Giulietta Sprint, da cui derivano i due volumi e mezzo, mantenne invariata anche la classica collocazione motore e cambio anteriore, con trazione posteriore

La progettazione dell’alfa Sud parte nel 1967, sotto la responsabilità tecnica dell’ingegnere Rudolf Hruska. Lo schema delle sospensioni rimase uguale a quello della Giulietta, il motore dal canto suo venne aggiornato attraverso l’adozione di due carburatori Weber da 40mm che porta la potenza a 106Cv dai 92 della TI delle vecchie sprint e spider. La linea è affidata interamente a Giorgetto Giugiaro, che perfeziona gli stilemi già presentati sulla sua 2000 Sprint del 1961 portandoli alla perfezione, aiutato dalle proporzioni minori della vettura

Wolksvagen Golf e Passat

C’è una storia tutta italiana dietro uno dei fenomeni automobilistici più importanti di sempre. È quella della Golf che quest’anno compie 40 anni, legata a doppio filo con la storia di due designer italiani dalla testa ai piedi: Giorgetto Giugiaro, papà del primo modello nel 1974 e Walter de Silva, capo dello stile del gruppo Volkswagen, l’uomo che ha disegnato le ultime due generazioni. Maestro e allievo che ora si ritrovano insieme dopo che il colosso di Wolfsburg ha acquistato la Italdesign

Fiat Panda, Uno e Punto

La’ ideazione dell’aspeto formale della Fiat Panda venne affidato nell’estate del 1976 alla neonata italdesign, di Giorgetto Giugiaro e Aldo Mantovani, in omaggio ad un vecchio modello FIAT degli anni dieci. Da li in poi i due stilisti incominciarono a collaborare con l’ufficio tecnico della FIAT, dove tra l’altro fu avviata la progettazione dell’auototelaio a trazione anteriore, siglato progetto 141, che prometteva di essere particolarmente complessa, date le richieste di montare le diverse motorizzazioni 126 e 127, su corpi vettura a 3 e 5 porte. Quest’ ultima soluzione venne abbondonata

Inizialmente la Fiat Uno doveva nascere con il marchio di Lancia: nel 1979, Gian Mario Rossignolo, responsabile della Lancia, cercava una sostituta dell’Autobianchi A112 e quindi incaricò Giorgetto Giugiaro di disegnare la nuova vettura. Rossignolo mostrò a Giugiaro la sua idea di una piccola vettura di lusso, e questi gli disegnò un ‘auto molto compatta caratterizzata dalla notevole abitabilità in rapporto alle dimensioni e una linea estremamente moderna per quegli anni

Fiat Punto è una famiglia di autovetture di tipo utilitaria prodotta dalla casa automobilistica FIAT in tre serie:la prima , nata nel 1993 e disegnata da Giorgetto Giugiaro; la seconda nata nel 1999 e disegnata all’interno del centro stile Fiat; e la terza, nata nel 2005 e disegnata dalla Italdesign Giugiaro. Quest’ultima generazione è stata a sua volta declinata in tre modelli; il modello di esordio chiamato Grande Punto, che ha di fatto segnato l’inizio della terza generazione, affiancato nel 2009 dal modello Punto Evo, una sorta di evoluzione del primo, ed entrambi sostituiti da un terzo modello: la Punto 2012. All’esordio di quest’ultima l’intera famiglia della Fiat Punto è stata venduta, dal 1993, in 8,7 milioni di esemplari.

Dalla Matiz al restyling della mini

Non è difficile captare le differenze, per quanto minime, tra la prima serie di mini e la seconda. La differenza principale sta nell’anteriore: la calandra è in stile “single frame”, e si prolunga anche sul paraurti (la prima serie invece, sul paraurti, aveva solo una finta calandra ). La panca posteriore con una seduta più profonda migliora, se pur di poco, l’abitabilità. Inoltre i fari anteriori, che sulla prima serie facevano parte del cofano motore mostrandosi come un tratto distintivo, adesso sono parte della vettura. Il cambio automatico, ora disponibile su tutti i modelli a benzina, non è più di tipo CVT, come quello precedentemente montato sulle prime MINI, ma si tratta di un vero e proprio cambio automatico con ingranaggi epicicloidali e convertitore di coppia. I modelli con tale accessorio variano nel peso (maggiore) e nelle prestazioni (consumi, velocità max, accelerazione), sensibilmente sfavorevoli rispetto al cambio manuale di serie. Questa serie fu sviluppata e disegnata in collaborazione con la Italdesign di Giorgetto Giugiaro.

La Matiz è una monovolume compatta prodotta dalla casa automobilistica coreana Daewoo a partire dal 1998. Nasce come erede del modello Daewoo Tico.

In Italia è stata commercializzata dall’estate del 1998 al dicembre 2004 con il marchio Daewoo mentre dal gennaio del 2005 fino al 2010 la Matiz è stata venduta con marchio Chevrolet (dopo l’acquisizione della casa coreana da parte della General Motors). Su vari mercati è stata venduta anche come Chevrolet Spark. Grazie allo stile di Giorgetto Giugiaro la Matiz in Italia ha avuto un buon successo commerciale.

Scritto da Gaetano Lagattolla
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Station wagon: vendite in Italia

Auto: in arrivo il certificato di revisione

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media