Notizie.it logo

Concept MINI Beachcomber

Concept MINI Beachcomber

Il nuovo modello concettuale della Mini Beachcomber abbandona le porte.

E anche il tettuccio. Proprio così, la Mini ha sfornato l’essenza di un concetto. La Beachcomber si basa sulla Mini crossover. Tuttavia, il crossover non è più solo un’idea, in quanto sarà presto in fase di assemblaggio.

E non è da sola, perché la Mini ha approvato la versione coupé e roadster. Tutti e tre i modelli saranno prodotti nell’impianto inglese della Mini a Oxford.

A proposito della Mini, le loro vendite sono scese del sei percento nel 2009. O dovremmo dire ‘solo’ del sei percento, perché quell’anno è stato a dir poco disastroso per quanto riguarda il mercato automobilistico. Negli USA, tuttavia, le vendite mini sono calate dei 16 percento, ma il segmento (quello delle auto piccole di prestigio) è sprofondato di uno scoraggiante 40 percento.

Ciononostante, gli USA rimangono il
mercato più grande della Mini.

In quanto al concetto della Beachcomber, diciamo che è un’enfasi sul concetto. Mentre in parte evoca piuttosto bene l’originale Mini Moke – soprattutto la griglia scanalata – la Beachcomber ha abbastanza possibilità di andare in produzione come una Lamborghini supercompatta. Forse meno. Detto ciò, la Beachcomber ha quattro ruote motrici. E se c’è una cosa che ci piace più delle portiere a forbice invertite è che non ci sono per niente porte.

E neanche il sopra, come se non bastasse. Quindi che succede se si dovesse essere invischiati in una grandinata improvvisa? La Mini ha affermato che un tettuccio morbido e sportelli leggeri verranno inclusi. Ecco, problema risolto.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.