Corso guida sicura: tutto quello che bisogna sapere

Corso guida sicura: non si tratta di una normale autoscuola ma di un addestramento a situazioni di criticità, potenzialmente riscontrabili sulla strada.

Cosa è un corso di guida sicura?

Per corso di guida sicura intendiamo ogni attività formativa, teorica e pratica, che preveda il superamento di situazioni critiche che possono accadere sulle strade, quando ci troviamo alla guida di un mezzo, garantendo così la sicurezza di marcia del proprio veicolo.

Un corso di guida sicura deve al contempo prevedere lo sviluppo di un’adeguata percezione delle situazioni di rischio, in maniera tale da permettere di prevenire i pericoli della strada e della viabilità.

Non ultimo un corso di guida sicura deve poter giungere, tra i propri obbiettivi, ad una corretta autovalutazione del guidatore, poiché anche il miglior guidatore in condizioni di stress psicofisico o non al 100% fisicamente, può alterare in negativo la propria capacità al volante e ridurre le capacità di agire nel momento.

Il corso di guida sicura mette il guidatore di fronte ad argomenti che durante la tradizionale autoscuola non vengono toccati. Ragion per cui una patente presa in una autoscuola non è garanzia di un guidatore coscienzioso.

Cosa apprendi da un corso di guida sicura?

Il corso di formazione di guida sicura si basa su un approccio multidisciplinare e sull’acquisizione di concetti inerenti alla fisica dei corpi in movimento ma anche della tecnica dei materiali (basti pensare al diverso comportamento degli pneumatici a seconda delle condizioni atmosferiche).

Advertisements

Inoltre non si può certo prescindere dall’elettronica, ormai oggi presente all’interno delle nostre auto, che obbliga il guidatore ad essere quantomeno conscio del comportamento del suo mezzo in determinate condizioni atmosferiche o date dall’asfalto.

Ancora come non considerare gli aspetti più squisitamente umani, ragion per cui bisogna prendere in considerazione anche variabili sociologiche (ad es. l’utilizzo del telefonino in auto da parte di molte persone) e psicologiche (ad es.

alcuni guidatori tendono ad operare un transfer delle loro capacità mutuandole da quelle del veicolo in loro possesso).

Sono tanti gli esempi che si possono fare, ma volendo dare un quadro generale, è necessario preparare il guidatore ad affrontare gli imprevisti del traffico e della strada: egli dovrà quindi comprendere un addestramento specifico alle tecniche di arresto di emergenza del veicolo di fronte ad un ostacolo improvviso, a quelle di evitamento, alle perdite di aderenza su asfalti a basso coefficiente di grip, all’aquaplaning e alle emergenze ambientali.

Ovviamente prima ancora che a superare gli ostacoli, l’obbiettivo di un corso di guida sicura è quello di insegnare agli allievi a prevenirli. Infatti, sperimentando la guida in situazioni di criticità, si sviluppa alla stessa maniera una maggiore consapevolezza dei pericoli della circolazione stradale.

Si può definire un alleato delle autoscuole?

Di certo il corso di guida sicura può essere considerato un completamento dell’autoscuola: se in quest’ultima si impara il codice della strada, teoricamente e praticamente, in un corso di guida sicura si impara ad affrontare situazioni non previste, sempre su un piano pratico ma che comunemente possono capitare sulle strade.

Quindi possiamo a buon diritto considerare l’autoscuola come l’università, il corso di guida che garantisce una specializzazione in veicoli e nel Codice della Strada.

Scritto da Gaetano Lagattolla
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Patente: come prepararsi al quiz

Luigi Fagioli: tutti i trofei della sua vita

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media