Passaggio di Proprietà

Il passaggio di proporietà è l’atto con il quale si trasferisce la titolarità di un veicolo. Infatti in caso di acquisto di un veicolo usato è necessario registrare il passaggio di proprietà all’unità territoriale ACI  o Pubblico Registro Automobilistico (PRA), il quale rilascerà il certificato di proprietà digitale  (CdP), con cui poi ci si dovrà recare alla Motorizzazione Civile per l’aggiornamento del libretto di circolazione. La documentazione necessaria è la seguente:

  • certificato di Proprietà (CdP)
  • libretto di circolazione originale e in copia
  • atto di vendita firmato
  • documento di identità e il codice fiscale dell’acquirente in duplice copia
  • documento di identità del venditore
  • modulo TT2119 che si ritira presso gli sportelli dell’automobilista presso il PRA
  • autentica della firma del venditore

Avendo a disposizione il Certificato di Proprietà è tutto più semplice e immediato e basta una marca da bollo da 16 euro per aver già svolto buona parte delle operazioni necessarie alla regolarizzazione del trapasso, che si completa con ulteriori 80 euro circa tra bollettini, spese e simili.

Un po’ più complessa è la fattispecie che si richiama nel momento in cui non si dispone del CdP (e nemmeno del foglio complementare), in quanto smarrito o sottratto. In questo caso è necessario rivolgersi direttamente al PRA per richiedere il duplicato, contestualmente alla richiesta del passaggio di proprietà. Se il certificato di proprietà è stato smarrito o sottratto, va effettuata denuncia alle forse dell’ordine e ciò diventa documentazione da presentare in sede di richiesta duplicato. Una volta ottenuta la copia si può procedere secondo l’iter normale.

Complicanze nel passaggio di proprietà possono registrarsi in caso di intestazione di veicoli a persone defunte oppure in caso di cointestatari, o ancora in caso di cambio destinazione d’uso del mezzo. In questi casi l’operare non è così semplice e immediato e la burocrazia tende a complicarsi, ma con un po’ di pazienza si risolve tutto.

Qualora il certificato di proprietà fosse redatto in lingua straniera è necessario disporre della traduzione ufficiale.

 

Ti potrebbe interessare anche

Commenti