Notizie.it logo

Blocco mezzi pesanti: come funziona

Blocco mezzi pesanti: come funziona

Normativa che va ad interessare i veicoli con un determinato peso, il blocco dei mezzi pesanti ha una sua specifica regolamentazione.

In parole del tutto semplici ed immediate si tratta di un divieto di transito in senso stretto, che interessa una particolare categoria di veicoli, i veicoli pesanti che superano le 7,5 tonnellate di peso totale, quindi praticamente quasi tutti i mezzi adibiti al trasporto su strada di merci. Tale divieto ha una regolamentazione specifica che viene rinnovata ogni anno, il calendario viene aggiornato in funzione delle giornate in cui il blocco è attivo. Ma quando è attivo il blocco dei mezzi pesanti?

In linea generale si può affermare che le domeniche di tutto l’anno dalle 09:00 alle 22:00 i mezzi pesanti non possono circolare, ma non sono solo quelle le giornate in cui è vietato il transito.

Andiamo a scoprire quali sono le altre giornate e le eventuali eccezioni alla regola.

Sempre parlando sui generis i giorni festivi vedono la normativa in funzionamento, quindi per fare un esempio scontato sicuramente giornate come il 25 dicembre o il giorno di Pasqua il blocco dei mezzi pesanti sarà in funzionamento.

Ma esistono anche delle eccezioni alla regola che prevedono casi ben definiti. Se ad esempio un veicolo è diretto all’estero ed è provvisto di regolare documentazione a testimonianza potrà godere di un anticipo sull’orario del blocco e potrà muoversi alle 20:00; un altro esempio è dato dai veicoli che invece sono diretti in Sardegna, sempre provvisti di regolare documentazione potranno muoversi anche 4 ore prima della fine del blocco, quindi alle 18:00; un altro esempio è dato dai mezzi che sono diretti agli aeroporti e che quindi trasportano merci destinate all’estero.

Gli orari del blocco, poi, variano in funzione del periodo e ad esempio nei mesi di luglio ed agosto l’orario di inizio dello stesso è alle ore 07:00 con termine sempre alle ore 22:00.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche