Etilometro: come funziona

Mettersi alla guida in stato di ebbrezza, è risaputo, può provocare guai non solo alla salute ma anche dal punto di vista penale. Scopriamo l’etilometro.

L’assunzione di alcol, anche quando è di piccole quantità, altera la condizione psicofisica del guidatore e inficia negativamente sulla guida.

L’organismo impiega circa un’ora per assorbire l’alcol ingerito, ma nonostante ciò, quest’ultimo rimane in circolo per diverse ore.

Cos’è e come funziona test dell’etilometro

Lo strumento del quale si avvalgono le forze dell’ordine per misurare la concentrazione dell’alcol è l’etilometro. Quest’ultimo, permette di quantificare l’etanolo disciolto nel sangue e, quindi, presente nell’organismo. Si tratta di una misurazione efficace, poiché, l’etanolo viene quasi interamente assorbito dal fisico e viene espulso in minima parte dalle urine e dal sudore.

L’alcol, tramite il sangue, passa nei polmoni e da lì viene espirato. L’etilometro, misura, quindi, il tasso alcolemico attraverso l’aria espulsa dai polmoni, raccolta ed analizzata. Si tratta di uno strumento che può essere chimico, monouso o elettronico.

Il primo si compone di una fiala contenente un composto chimico, che reagisce in presenza dell’etanolo contenuto nell’aria che viene espirata e di un palloncino che funge da contenitore e raccoglie la quantità di aria occorrente per effettuare il test.

L’etilometro elettronico, invece, si compone di un corpo macchina, un boccaglio ed un display e si avvale si sensori di gas che rilevano la presenza di alcol.

Valori

Secondo il codice della strada, il limite del tasso alcolemico è di 0,5 g/l . Oltre tale limite il soggetto viene identificato come guidatore in stato di ebbrezza con le conseguenze di veder applicate le norme e le sanzioni previste dal codice della strada in situazioni del genere.

Il nuovo codice della strada approvato nel 2010, stabilisce che per i conducenti di età inferiore ai 21 anni, vi debba essere tolleranza zero. Come pure per i neopatentati che hanno patente da meno di 3 anni e per i conducenti professionali o di autoveicoli con patente C, D, E. A queste categorie è vietato bere alcol durante la guida, mentre per gli altri vale la regola di non superare il tasso alcolemico di 0,5 g/l

Se si viene fermati con tasso alcolemico sopra la norma il veicolo non può essere condotto dal suo conducente in stato di ebbrezza, per cui la dove non è possibile affidarlo a terzi, lo stesso viene fatto recuperare da un soggetto autorizzato ad esercitare tale attività, di soccorso stradale. Per condurlo in un luogo, indicato dallo stesso trasgressore, oppure, in mancanza presso l’autorimessa del soggetto che ha proceduto al recupero stesso.

Test etilometro online

Come si è detto, il consumo di alcol, non ha effetti solo sulla dieta, ma anche su chi guida e, il più delle volte, possono essere molto gravi.

Da questa consapevolezza è nata l’idea dell’etilometro online: quando non si è sicuri del proprio tasso alcolemico, e non si vogliono rischiare multe o incidenti, si ha la possibilità, accedendo ad appositi siti web, di calcolarlo in maniera del tutto gratuita.
Tali siti, espongono una tabella con parametri che corrispondono all’utente in questione: e grazie all’alcol test on line si possono ottenere le informazioni che si cercano, e che possono aiutare, nel caso, si abbia esagerato, a evitare problemi alla salute e al portafoglio.
Bisogna essere chiari sul fatto che un test del genere non sostituisce affatto un test alcolimetrico vero e proprio, ma in ogni caso il calcolatore offre comunque una stima precisa di quanto può essere pericoloso mettersi alla guida in una dato momento e in una determinata condizione psicofisica. Quindi, se si hanno dei dubbi, è consigliabile accedere all’etilometro online.

Scritto da Gaetano Lagattolla
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Autovelox mobili e fissi: come funzionano e differenze

Additivi per gasolio: a cosa servono e perché usarli

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media