Tokyo 2020: Toyota non parteciperà alla cerimonia d’apertura

Toyota ritira i video promozionali, mentre il presidente non parteciperà alla cerimonia d'apertura

Toyota, sponsor di Tokyo 2020, non eseguirà spot televisivi legati alle Olimpiadi. Secondo un sondaggio dei media locali, due terzi del popolo giapponese dubita che gli organizzatori possano rendere i giochi sicuri durante la pandemia da COVID-19. Ebbene, il presidente Akio Toyoda e altri dirigenti non parteciperanno alla cerimonia di apertura.

“È vero che Toyota non parteciperà alla cerimonia di apertura, e la decisione è stata presa considerando vari fattori, tra cui l’assenza di spettatori”, ha detto un portavoce. “Non manderemo in onda nessuna pubblicità relativa ai giochi in Giappone”, ha aggiunto.

Tokyo 2020: le Olimpiadi ai tempi della pandemia

Le dichiarazioni

Circa 60 aziende giapponesi, che hanno pagato più di 3 miliardi di dollari per i diritti di sponsorizzazione delle Olimpiadi del 2020, si trovano ora di fronte a un dilemma: legare o meno i loro marchi a un evento che finora non è riuscito a ottenere un forte sostegno pubblico.

A soli quattro giorni dalla cerimonia di apertura a Tokyo, il 68% degli intervistati – in un sondaggio del quotidiano Asahi – ha espresso dubbi sull’effettiva sicurezza dalle infezioni. Il 55% si oppone, infatti, ai giochi in corso.

Tre quarti delle 1.444 persone nel sondaggio telefonico hanno detto di essere d’accordo con la decisione di bandire gli spettatori dagli eventi. Mentre i casi di COVID-19 aumentano a Tokyo, ora sotto il suo quarto stato di emergenza, la preoccupazione pubblica è cresciuta.

Ospitare un evento con decine di migliaia di atleti, funzionari e giornalisti stranieri potrebbe accelerare i tassi di infezione nella capitale del Giappone. Ciò porterebbe a varianti più infettive o letali.

Thomas Bach, Presidente del Comitato Olimpico Internazionale, spera che il pubblico giapponese diventi euforico una volta iniziata la concorrenza nei giochi. Le Olimpiadi di Tokyo, ad ogni modo, si terranno dal 23 luglio all’8 agosto.

“Continueremo a cooperare e lavorare a stretto contatto con gli organizzatori per garantire un ambiente sicuro per i giochi”, ha detto il portavoce del governo Katsunobu Kato.

A Tokyo, la scorsa domenica, è stato segnalato il primo caso di COVID-19 tra gli atleti, di cui 11.000 dovrebbero rimanere durante i giochi. Dal 2 luglio, invece, gli organizzatori di Tokyo 2020 hanno segnalato 58 casi positivi tra atleti, funzionari e giornalisti.

Qualsiasi focolaio nel villaggio potrebbe scatenare il caos sulle competizioni, perché quelli infettati o isolati non potrebbero competere. I funzionari olimpici e gli organizzatori di eventi individuali, tuttavia, hanno piani di emergenza per affrontare le infezioni tra gli atleti.

Tokyo 2020

Una nuova impennata di casi

Un portavoce di Tokyo 2020 sostiene che il villaggio sia un luogo sicuro per rimanere, aggiungendo che il tasso di infezione tra gli atleti fosse quasi dello 0,1 per cento. La scorsa domenica, tuttavia, sei atleti britannici, insieme a due membri dello staff, sono stati costretti a isolarsi dopo che qualcuno sul loro volo per il Giappone è risultato positivo.

“Molti atleti possono partecipare a feste o cerimonie prima di andare a Tokyo. Così c’è il rischio di essere infettati nei loro paesi”, ha detto Koji Wada, professore presso l’Università internazionale di Tokyo. L’ultima impennata di casi arriva dopo quattro ondate precedenti, la più letale delle quali a gennaio. I nuovi casi di COVID-19 hanno raggiunto quota 1.410 lo scorso sabato, il massimo dall’inizio dell’anno, con più di mille nuove infezioni per cinque giorni consecutivi.

La maggior parte di questi nuovi casi è tra i più giovani, poiché il Giappone è riuscito a far vaccinare la maggior parte della popolazione anziana con almeno un’iniezione. Tuttavia, solo il 32% della popolazione complessiva ne ha finora ricevuta una.

Tokyo 2020: critiche e dimissioni

Gli organizzatori olimpici, lo scorso lunedì, hanno respinto chiamate per il licenziamento del compositore olimpico Keigo Oyamada. Si tratta di un evento verificatosi per via di alcuni commenti controversi fatti negli anni novanta. Oyamada, che è coinvolto nei preparativi per la cerimonia di apertura, ha parlato di bullismo verso un compagno di classe disabile.

Altri funzionari si sono dimessi poco prima dei giochi per commenti inappropriati. Si tratta di Yoshiro Mori a febbraio, ex capo di Tokyo 2020, e Hiroshi Sasaki a marzo, direttore creativo. Nell’ambito politico, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha detto che non avrebbe visitato il Giappone per i giochi o il primo ministro Yoshihide Suga, dopo che i media hanno riportato commenti offensivi su di lui.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Corvette Z06 è prevista per il model year 2023

Kia EV6: il nuovo crossover offrirà una gamma di 328 miglia

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media