VW ID.3: batteria danneggiata dopo 1 anno di utilizzo

Le stazioni di ricarica più potenti dovrebbero essere usate con parsimonia.

La VW ID.3 è stata vittima di un fenomeno molto particolare. A causa della sua tecnologia, la batteria al litio si degrada a ogni ciclo di carica/scarica. Tuttavia pochi lo sanno: i motivi esatti e dettagliati di questa usura li conosciamo solo da pochi anni.

Il movimento degli ioni tra l’anodo e il catodo provoca la formazione di nanocristalli sugli elettrodi, che successivamente impediscono il trasferimento di elettroni. Più velocemente si carica, più si incoraggia la formazione di questi piccoli cristalli di metallo.

Una VW ID.3 si stanca molto rapidamente

La storia di questo proprietario di una VW ID.3, raccontata da Battery Life, è il punto di partenza. La sua avventura è insolita, e non è affatto rappresentativa del tipico guidatore di veicoli elettrici.

Il nostro uomo ha guidato più di 22.000 km in un anno in una ID.3 “1ST”, con una batteria da 58 kWh (valore netto).

Dopo un chilometraggio annuale che potrebbe essere descritto come infrequente per questo tipo di veicolo, il proprietario si è reso conto che la sua auto aveva perso tra il 7% e 10% della capacità di carica. In concreto, non aveva più 58 kWh a disposizione, ma 54 kWh.

È un po’ come avere il fondo del tuo serbatoio di benzina o diesel inutilizzabile dopo un anno, riducendo l’autonomia raggiungibile con un rifornimento.

Volkswagen conferma

Per essere sicuro, ha portato la sua auto in un centro VW per far controllare la batteria. Il risultato è chiaro: la batteria ha perso l’8% della sua capacità in 14 mesi e 25.000 km. Può sembrare molto, ma bisogna ricordare che la maggior parte del degrado della batteria in un veicolo elettrico si verifica nelle prime migliaia di chilometri, prima di assestarsi gradualmente per formare una sorta di curva logaritmica.

Soprattutto, questa usura pronunciata si spiega con il fatto che l’ID.3 è stata ricaricata quasi esclusivamente su terminali molto veloci da 100 kW e “scaricata regolarmente sotto il 10%”!

Buone abitudini in un’auto elettrica

Che si tratti del tuo smartphone, della tua auto elettrica o di qualsiasi dispositivo a batteria al litio, ci sono alcune semplici regole per limitare la naturale e inevitabile usura dell’accumulo di energia. La prima è quella di evitare una ricarica troppo potente e rapida, che riscalda la batteria e accelera la creazione di nano-cristalli. La seconda è quella di mantenere il SOC (State of Charge) tra il 20% e l’80%. Questo perché agli estremi del SOC, la resistenza interna della batteria aumenta, aumentando così la temperatura. Questo spiega anche perché la velocità di ricarica rallenta quando la batteria si avvicina al 100%.

VW ID.3 batteria

Sfortunatamente, non tutti i produttori lo segnalano o lo rendono chiaro. Tuttavia, al momento in cui ai clienti Tesla è stato dato libero accesso alla rete Supercharger, il marchio ha detto loro che non dovrebbero abusare di queste stazioni di ricarica veloce. Le stazioni di ricarica più potenti dovrebbero quindi essere usate con parsimonia, durante le grandi partenze autostradali. Altrimenti, favorite la buona vecchia presa domestica, sia monofase che trifase.

Infine, ricordate che molti produttori garantiscono le loro batterie per 8 anni o 160.000 km con una capacità residua del 70%. In concreto, se si scende sotto questo valore prima di una delle due scadenze, si può chiedere una garanzia. Alcuni vanno anche oltre: recentemente Toyota e Subaru hanno annunciato una garanzia di 10 anni o 240.000 km per la bZ4X e la Solterra.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

BMW M240i x Drive: la versione più sportiva della serie 2 non M

Ford Kuga restyling: un volto nuovo di zecca!

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media