Qual è la durata della batteria di un’auto elettrica?

Esistono piccoli accorgimenti per fare in modo che la batteria sia quanto più longeva possibile.

Qual è la durata della batteria di un’auto elettrica? Gli acquirenti di EV sono spesso preoccupati per l’ansia da autonomia. Si tratta di quella sensazione di essere a corto di batterie a chilometri da un punto di ricarica. L’esperienza con i telefoni cellulari ha insegnato ai consumatori che, nel tempo, le batterie che li alimentano possono perdere efficienza, con la conseguente necessità di una ricarica più frequente.

Quindi ci si dovrebbe preoccupare? Ebbene, la buona notizia è che le celle EV sono più resistenti di quanto si pensi. Inoltre, ci sono modi per assicurarsi che le batterie della tua auto sopravvivano meglio di molte altre.

Durata della batteria di un’auto elettrica

Dopo l’ansia da autonomia, la durata della batteria è una delle preoccupazioni più comuni. Tutte le batterie si degradano nel tempo e con l’uso, il che significa che diventano meno efficienti man mano che invecchiano.

Inoltre, la tecnologia delle batterie non è economica, e quando le celle avranno bisogno di essere sostituite costeranno molto di più dell’auto. Eppure non sono tutte cattive notizie, perché ci sono modi per aumentare la durata della batteria della tua auto, mantenendola più sana ed efficiente più a lungo.

Ancora più importante, mentre le prestazioni possono degradare nel tempo, alla fine le cellule dovrebbero ancora fornire almeno il 70 per cento della loro capacità anche dopo 200.000 miglia.

Per esempio, un certo numero di taxi Tesla Model S ha accumulato oltre 300.000 miglia ciascuno in tre anni, e tutti hanno mantenuto almeno l’82% della salute delle loro batterie.

Perché la batteria di un’auto elettrica perde la carica o si degrada?

I continui progressi nella tecnologia delle batterie significano che i problemi che circondano il degrado delle prestazioni vengono ridotti continuamente. Tuttavia, anche le più recenti celle agli ioni di litio non sono completamente immuni alla perdita di prestazioni nel tempo.

Forse il più grande contributore è il ciclo di utilizzo e ricarica. Lo svuotamento frequente delle celle seguito da una carica completa può, nel tempo, danneggiare la capacità della batteria di mantenere il suo stoccaggio ottimale di energia.

Questo è il motivo per cui i produttori, in genere, raccomandano di caricare solo all’80% e non lasciare mai che l’autonomia scenda a zero miglia. Anche la ricarica rapida gioca un ruolo importante, perché incanalare così tanta energia elettrica e così rapidamente genera temperature molto più elevate nel pacco batterie. Il raffreddamento a liquido delle celle aiuta a mitigare questo fenomeno, ma l’uso frequente di un caricatore rapido causerà danni ai pacchi di ioni di litio.

In modo simile, ma meno estremo, le auto che vengono utilizzate in climi più caldi tendono a subire una riduzione delle prestazioni leggermente maggiore rispetto a quelle in condizioni più fresche.

Come posso prendermi cura della batteria della mia auto elettrica?

Fortunatamente, ci sono modi in cui puoi aiutare a preservare la potenza e l’efficienza della tua batteria nel tempo. Uno dei modi principali per proteggere le celle è gestire attentamente la carica e la scarica delle celle. Ciò significa cercare di evitare che la capacità scenda al di sotto del 20% e non aggiungere più dell’80%. Al di sopra di quest’ultima cifra è quando le batterie tendono a diventare più calde, il che impone un pedaggio alla chimica delicata delle celle.

Fortunatamente, la maggior parte dei veicoli elettrici ora ti dà la possibilità di programmare la ricarica della tua auto. Allo stesso modo, è meglio non scaricare completamente la batteria. La maggior parte dei veicoli elettrici si assicurerà sempre che rimanga un minimo di energia, anche se questo non permetterà all’auto di muoversi. Tuttavia, è meglio evitare di immagazzinare l’auto per lunghi periodi e lasciare che l’elettricità si esaurisca.

durata della batteria di un'auto elettrica dettagli

Parlando di ricarica, è meglio usare solo con parsimonia i caricabatterie rapidi a corrente continua. Se l’auto deve essere usata in condizioni estreme di caldo o freddo, allora assicurati sempre che l’auto sia collegata alla carica (con il limite massimo impostato all’80%, ovviamente), indipendentemente dall’autonomia. Questa tecnica di carica di mantenimento permette al sistema di gestione termica della batteria di continuare a lavorare e mantenere le celle alla temperatura ottimale per la longevità.

Infine, il modo in cui guidi il tuo EV può influenzare la durata della batteria. Proprio come la ricarica rapida, l’esaurimento rapido delle celle può causare danni che nel tempo porteranno a una riduzione dell’efficienza e dell’autonomia. In definitiva, più velocemente si guida più si provoca un dannoso accumulo di calore nella batteria. Quindi è meglio andarci piano se si desidera una maggiore longevità.

Garanzie per le batterie delle auto elettriche

I produttori sono consapevoli del fatto che i potenziali acquirenti di EV potrebbero essere scoraggiati dalla possibilità di un guasto prematuro e costoso della batteria. La verità è che, se trattata correttamente, la maggior parte delle moderne unità agli ioni di litio durerà probabilmente tutta la vita dell’auto. Anche così, la maggior parte delle aziende copre la batteria con una garanzia estesa separata.

La maggior parte delle garanzie auto sono di circa tre anni e 60.000 miglia. Per esempio, Audi, BMW, Jaguar, Nissan e Renault coprono le celle per 8 anni e 100.000 miglia. Hyundai aumenta il limite di chilometraggio a 125.000. Tesla ha lo stesso periodo di 8 anni ma un limite di chilometraggio di 150.000 sulla Model S e Model X. Ad ogni modo, la preoccupazione per la manutenzione dell’auto elettrica è piuttosto comprensibile, ma basta prestare attenzione ai segnali del tuo EV.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Manutenzione dell’auto elettrica: tutti i dettagli

Quanto sono sicure le auto elettriche?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media