Arera proroga la sperimentazione 6 kW: i nuovi termini

Arera ha deciso di prorogare sino al 31 dicembre 2025 la sperimentazione 6 Kw. Ricarica fast di notte e la domenica.

Arera ovvero l’ente che che regola l’energia e l’ambiente in Italia ha scelto di prorogare sino a dicembre 2025 la sperimentazione gratuita dei 6 Kw utili per ricaricare le auto elettriche nelle ore notturne. In questo articolo vedremo in dettaglio i nuovi termini stabiliti da questo organo di controllo.

LEGGI ANCHE: Mini Aceman, prezzo e uscita

Arera proroga la sperimentazione 6 Kw, i nuovi termini

Questa sperimentazione a cui avevano aderito già 2 mila utenti entro marzo 2023 sarà ora prorogata sino alla fine del 2025 con anche la possibilità di aderire se non lo si aveva già fatto precedentemente, grazie alle nuove finestre di adesione.

Di conseguenza maggiore potenza per gli utenti di veicoli elettrici che decidono di caricare la propria auto nelle ore notturne, infatti l’aumento sarà disponibile dalle ore 23 alle ore 7 del mattino e la domenica per tutto il giorno.

Un salto in avanti verso quella che sarà destinata a diventare la quotidianità per milioni di italiani da qui ai prossimi anni con l’ elettrico che diventerà il carburante del futuro.

LEGGI ANCHE: Abarth 600e, il nuovo suv mostra i muscoli nella versione sportiva

Il testo della delibera

Venga prorogata fino al 31 dicembre 2025 l’applicazione dei criteri sperimentali di gestione dei misuratori elettronici installati presso i punti di prelievo che hanno aderito alla sperimentazione;

Venga chiarito che l’applicazione di tali criteri sperimentali ad un punto di prelievo non deve venire influenzata da eventuali operazioni di cambio venditore disposte dal cliente aderente;

Tenendo conto delle osservazioni formulate da GSE, dal 15 febbraio al 31 dicembre 2024, siano riaperti i termini per consentire l’adesione di nuovi clienti;

Un’eventuale ulteriore riapertura dei termini per aderire della sperimentazione 541/2020 oltre il 31/12/2024 possa venire disposta con successivo provvedimento solo a fronte di una revisione dei requisiti di ammissibilità dei dispositivi di ricarica che faccia esplicito riferimento a quanto previsto dall’Allegato X alla norma CEI 0-21.

Un vantaggio per i 2 mila utenti che vi hanno già aderito e che andranno sicuramente a salire grazie alla presenza di ulteriori wallbox nelle abitazioni.

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com