Aston Martin Valhalla e il design della supercar ibrida

La Aston Martin Valhalla e il design spiegato da Marek Reichman.

La nuova Aston Martin Valhalla è la risposta alla Ferrari SF90 Stradale. Accoppia un V8 Mercedes-AMG altamente teso con una coppia di motori elettrici, per una potenza combinata di 937bhp.

È un’auto che rappresenta un enorme salto di design da altri modelli del marchio, così come l’anteprima del concept RB-003 che è stato presentato nel 2019.

In un’intervista con il direttore creativo di Aston Martin, Marek Reichman, è stata spiegata l’origine di un design completamente nuovo e radicalmente diverso. Tutto ciò, mantenendo i legami con le auto di produzione tradizionali del marchio.

Aston Martin Valhalla: l’importanza del suo design

La Valhalla è la prima auto a motore centrale su cui ha lavorato?

“No, la Valkyrie aveva questa distinzione. Si potrebbe anche dire che il concept DP100 che abbiamo realizzato per il gioco Gran Turismo fosse un altro.

La gente pensa che progetti del genere non siano molto dettagliati, ma in realtà devi fare tutto, anche occuparti di dettagli come la distorsione del peso.

Quali sono le caratteristiche più distintive della Valhalla?

“Beh, ha una griglia, cosa che le altre hypercar non hanno. Ciò significa che, a differenza di altre, quest’auto ha un volto. Ci sono anche le sue proporzioni ottimizzate che fanno la differenza. Anche la curvatura a S nella parte anteriore che la identifica inconfondibilmente come una Aston.

Puoi mettere la mano sopra lo stemma e la gente sa ancora esattamente cos’è. L’abbiamo provato”.

Quali sono state le parti più difficili, dal punto di vista dei designer?

“Cerchiamo sempre di fare in modo che le bocchette di raffreddamento dell’auto, le parti pratiche attraverso le quali respira, abbiano un’eleganza che si adatti al carattere e allo scopo dell’auto. Quest’auto ne ha molte. Non si può prescindere dalla natura funzionale delle prese d’aria, ma farle funzionare è una sfida seria.

Assicurarsi che le superfici che sono critiche per l’aerodinamica dell’auto siano anche eleganti è un’altra sfida”.

Quali sono le caratteristiche che contraddistinguono gli interni della Valhalla?

“La nostra idea è quella di dare un senso di calma e un senso di potenza. Vogliamo anche evitare l’eccessiva complicazione, e la qualità gioca un ruolo importante. L’effetto che cerchiamo è, in effetti, dove Hermes incontra Apple”.

Di quali elementi del design della Valhalla è più soddisfatto?

“Incorporare la griglia in questo modo è un buon risultato, direi. Si aggiunge alla provenienza dell’auto e alla sua sicurezza. Fa riferimento all’eredità della Valhalla senza essere in alcun modo retrospettiva. Sono anche piuttosto orgoglioso dello snorkel a tre elementi sul tetto dell’auto. Raccoglie l’aria per diversi scopi ed è assolutamente necessario, ma è anche molto bello”.

Quando avete iniziato a lavorare su quest’auto?

“Il lavoro sul concept è iniziato nel 2018, ma molte cose sono cambiate da quei giorni. L’auto di pre-produzione che stiamo mostrando qui rappresenta 10-12 mesi di lavoro, ma ora ha la forma dei modelli di produzione che inizieremo a inviare ai clienti nel 2023″.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Koenigsegg Jesko: l’hypercar da 1578 CV fa il suo debutto

Hyundai Kona N: prezzo a partire da €41,358

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media