Bmw R 18: le caratteristiche della tedesca

La casa motoristica tedesca sforna un autentica opera d'arte, vediamo tutte le caratteristiche della Bmw R 18.

Non sempre le case motoristiche si prodigano nel costruire due ruote per tutte le tasche e che si adattano a tutti gli stili di guida. Ne è un esempio lampante la Bmw R 18: dal prezzo estremamente elevato in primis, ma soprattuto ben costruita con materiali di qualità, partendo dal motore, passando per la ciclistica e finendo con le rifiniture.

Insomma, non stiamo parlando di una moto per tutti, ma andiamo a vedere come è fatta questa opera d’arte su 2 ruote.

Bmw R 18: Motore Boxer più grande di una utilitaria

L’unicità della Bmw R 18 parte già dalla propulsione: il boxer targato BMW delle dimensioni di 1.802cc risulta essere pià grande di molte utilitarie attualmente in circolazioni (persino superiore ad utilitarie dall’indole più sportiva), sebbene non sia assolutamente pensato per fornire prestazioni sportive; esso eroga infatti 91cv già a 4.750rpm mentre la coppia massima è di 158nm (superiore a modelli come la Ducati Multistrada V4, con 125nm di coppia massima) a soli 3.000rpm.

Un motore che da tutto già (anzi, soltanto) ai bassi regimi, pensato per offrire il piacere di una guida fluida, piacevole e tranquilla senza nessun tipo di tentennamento nella distribuzione. La mancanza dell’albero controrotante anti-vibrazioni (tipico dei boxer BMW) ed altre chicche restituiscono al meglio le sensazioni delle grandi moto prodotte negli anni 90′-2000.

Il cambio a 6 rapporti serve a gestire delle marce molto lunghe, il serbatoio da 16L è capiente (ma la moto consuma parecchio) ed il pacchetto elettronico è ben fornito, con 3 mappe motore, controllo di trazione e ABS.

Bmw R 18: ciclistica pensata per macinare chilometri

Anche la ciclistica della Bmw R 18 risulta essere di altissimo livello, con un telaio in tubi d’acciaio a doppio anello montato su delle sospensioni top di gamma: all’anteriore troviamo una forcella telescopica da 49mm e 120mm di escursione, mentre al posteriore, con 90mm di escursione, la due ruote tedesca monta una sospensione Cantilever: quest’ultima consiste in un forcellone con una struttura triangolare supplementare la quale agisce su un ammortizzatore disposto orizzontalmente, il quale può lavorare in compressione o in estensione.

Ben 300mm di freni a disco (2 d’avanti e solo uno dietro) sono incaricati di frenare la propulsione della Bmw R 18.

A chiudere il cerchio, la gommatura: i cerchi a raggi da 19′ all’anteriore e 16′ al posteriore sono il non plus ultra della comodità di guida, ma portano il guidatore a fare i conti con un’angolo di piega molto ridotto.

120/70 e 180/65 è la misura degli pnemautici, almeno questa, perfettamente in linea con i modelli più diffusi.

Bmw R 18: il prezzo

Come detto in apertura di articolo, la Bmw R 18 non è nel modo più assoluto una moto per tutte le tasche, dato il suo prezzo di listino di oltre 20.000€ (22.990€), ma ciò è chiaramente dovuto all’altissima qualità del prodotto, il quale non è sicuramente entry-level.

LEGGI ANCHE >>> Triumph Tiger 900: scheda tecnica

Scritto da Andrea Palumbo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIctory Judge: caratteristiche e prezzo della cruiser di casa Polaris

Kymco Maxxer 450i: prezzo e scheda tecnica del quad di casa Kymco

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media