Nuova BMW X8 M: le nuove immagini del SUV estremo

Il nuovo SUV sembra avere dei piani ben precisi.

L’anno scorso, abbiamo rivelato che BMW sta lavorando a un mastodontico SUV ad alte prestazioni: la BMW X8 M. Ora, finalmente, possiamo mostrarne le immagini in azione. Super lussuosa ma anche super aggressiva, siederà in cima alla prossima linea di Monaco.

Anche se in un pesante camuffamento, è possibile distinguere alcuni interessanti tocchi di design. Nella parte anteriore, la X8 sembra optare per i fari sdoppiati unici, e nella parte posteriore il SUV usa una coppia di scarichi a doppio strato.

A quanto pare la X8 sarà disponibile in tre varianti, tra cui un ibrido incentrato sulla potenza. Quest’ultimo userà l’elettricità per spingere oltre le prestazioni, non le miglia. A questo punto, la divisione M di BMW è ancora un ambiente completamente privo di elettricità.

Tuttavia, nel breve e medio termine, i “PHEV di potenza” sono la risposta. La X8 M, conosciuta come Project Rockstar, è l’eccitante risultato del raccolto neo-SUV. È un incrocio tra la X6 M e la M5 Competition; aspettatevi una trazione posteriore su richiesta.

Ciò che fa la differenza qui è, naturalmente, un motore elettrico da 200bhp che supporta il V8.

La generazione iNext

La tecnologia del motore elettrico di quinta generazione derivata dal SUV iNext, che sarà in vendita nel 2021, dovrebbe essere utilizzata nella X8 M.

Tuttavia, mentre la X8 M utilizzerà l’elettrificazione, eviterà molte delle innovazioni della iNext, dando la priorità alle alte prestazioni rispetto al funzionamento pulito.

BMW X8 SUV

Come Mercedes, BMW sta stringendo la cinghia con la condivisione della piattaforma, quindi sono previste poche altre auto di punta.

Mentre la i8 si parcheggia nel museo di BMW, speravamo che il sostituto sarebbe apparso nel 2022 con un motore a benzina a quattro cilindri da 335 CV, ma si dice che la proposta sia stata accantonata…

Il capo della BMW M sugli ibridi di potenza

“L’esperienza di guida definitiva è tutta una questione di precisione, agilità e dinamica“, ha detto Markus Flasch. “Nessuno di questi deve cambiare solo perché c’è una batteria. Sappiamo che dobbiamo stare attenti perché non si tratta solo di prestazioni longitudinali, ma di qualcosa di più. Si tratta di come l’auto ti fa sentire”.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Extreme E: McLaren si unirà nel 2022

Nuova Mercedes EQE: cosa c’è da sapere

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media