Campionato Blancpain GT Series: i piloti più interessanti degli ultimi anni

Blancpain GT Series è una competizione automobilistica organizzata dalla Stéphane Ratel Organisation



È una delle specialità che, ogni anno, chiama a raccolta un numero sempre più elevato di appassionati del mondo del Gran Turismo e motorsport. Stiamo parlando della Blancpain GT Series, ovvero una competizione automobilistica organizzata dalla Stéphane Ratel Organisation, con l’approvazione della Féderation Internationale de l’Automobile (FIA), alla quale prendono parte le vetture da corsa dette “grand tourer”, ovvero auto da strada modificate e migliorate dalle case produttrici, rispettando le normative GT3 della FIA, così da poter essere guidate sui circuiti di gara.

A partire dal 2014, la serie è divisa in due campionati diversi, la “Blancpain GT Series Endurance Cup” già esistente dal 2011, e la “Blancpain Sprint Series Cup”, che vede il coinvolgimento di diverse case costruttrici, ognuna con i suoi top driver. Ma parlando di top driver, chi sono i piloti di blancpain gt più interessanti degli ultimi anni?

Mirko Bortolotti

Il primo di cui parleremo è l’italiano Mirko Bortolotti. Il pilota trentino è l’attuale campione in carica, nel 2017 si è infatti laureato campione del Blancpain GT Series e della Blancpain GT Series Endurance Cup, in quest’ultimo caso con la collaborazione dei colleghi Christian Engelhart e Andrea Caldarelli del team austriaco Grasser Racing grazie alle sue Lamborghini Huracàn GT3.

La loro vittoria è arrivata all’ultimissimo round della stagione a Barcellona. Ai tre piloti ufficiali, Bortolotti, Engelhart e Caldarelli, alla guida della vettura numero 63, è bastato aggiudicarsi il terzo posto per vincere il titolo del 2017, in seguito a una gara della durata di tre ore condotta per tutto il tempo nelle prime posizioni.

Le vittorie del 2017 non sono però certamente le uniche che hanno visto Bortolotti come protagonista. Già nel 2013 si era assicurato il mondiale piloti del Renault World Series Eurocup Megan Trophy con una vettura dell’Oregon Team mentre pochi anni prima, nel 2011, gareggiando in questo caso per la Formula 2, diventa campione del mondo con ben tre gare di anticipo vincendo all’autodromo di Monza. Proprio grazie a questa vittoria, ha la possibilità di provare la Wiliams F1 nei test di Formula 1, riservati soltanto ai giovani piloti, programmato per il mese di novembre sul circuito di Abu Dhabi.

Qualche anno più indietro, nel 2008, vince il campionato in F3 italiana aggiudicandosi nove vittorie e sei pole position per il team Lucidi Motors. Nello stesso anno partecipa ad alcune sessioni di test con la Ferrari F2008 dove ha stabilito il record ufficiale del circuito relativo alla vettura di quello stesso anno con un tempo di 59″111.

Alex Riberas

L’altro campione è lo spagnolo Alex Riberas, leader del campionato Blancpain con il compagno di team WRT Christopher Mies, alla guida della AUDI R8. Ultimamente ha conquistato la vittoria a Misano e a Monza riuscendo a salire sul podio altre tre volte nella stagione.

Alex Riberas ha iniziato la sua carriera gareggiando con i kart. Il debutto in monoposto nella Formula Renault avviene nel 2010 dove si assicurerà quattro vittorie per poi esordire, nel 2013, nelle corse a ruote coperte gareggiando con la Porsche, alla quale rimarrà fedele fino al 2016. Dal 2014 partecipa al campionato IMSA in classe GTD come membro del team Seattle/Alex Job Racing. Nel 2016 vince la competizione a Laguna Seca e si garantisce la quinta posizione in Campionato. Da novembre dello stesso anno diventa pilota ufficiale per la Ferrari e corre nell’Asian Le Mans Series aggiudicandosi la vittoria nella gara di Buriram con Olivier Beretta e Rino Mastronardi e posizionandosi secondo al culmine della stagione 2016/2017. Nel 2017 compete nel Campionato Pirelli World Challenge con la 488 GT3 del team R. Ferri Motorsport.

Raffaele Marciello

Infine, un altro campione italiano, Raffaele Marciello, attualmente pilota della Mercedes AMG GT3 nella scuderia AKKA ASP che proprio in questa ultima stagione 2018 è riuscito ad aggiudicarsi il titolo nella Sprint Cup, in coppia col collega Michael Meadows, e nell’Overall nella Blancpain GT Series, con quello dell’Endurance Cup ancora sub judice in seguito alla squalifica dei suoi rivali della Black Falcon.

Dopo l’inizio con i kart nel 2013, nel 2010 passa alle monoposto, correndo nell’inedito campionato della Formula Abarth riuscendo a vincere la gara di apertura a Misano. Grazie anche ad altre due vittorie diventa membro della Ferrari Driver Academy. Nel 2013 si è laureato campione d’Europa di Formula 3 con il maggior numero di vittorie in assoluto.

Nel 2014, la Ferrari Driver Academy conferma che Marciello avrebbe corso in Gp2 in quell’anno per la Racing Engineering, ottiene una vittoria e poi si posiziona ottavo in classifica.

Nella stagione 2015, come membro del team Trident Racing riesce ad ottenere quattro vittorie nei gran premi di Silverstone, Monaco, Sochi e Abu Dabi chiudendo in settima posizione.

È nel 2017 che Marciello firma il contratto con la Mercedes entrando a far parte del team AKKA ASP insieme a Edoardo Mortara e Michael Meadows competendo nella Blancpain GT Series. A Raffaele Marciello sono stati sufficienti due anni per consacrarsi nell’Olimpo delle gare Gran Turismo: il passaggio alle ruote coperte con la Mercedes si è rivelata la scelta vincente.

Una delle sue ultime “imprese” è stata la partecipazione all’Intercontinental GT challenge per giocarsi il titolo vinto però da Christopher Mies, Christopher Haase e Kelvin Van der Linde sulla Audi R8 del Team Land.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Eicma 2018, orgoglio tutto Italiano

Honda CB500 X, perfezionata su ogni lato

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media