Come caricare un’auto elettrica: tutti i dettagli

Tutto ciò che dovete sapere sulla ricarica delle auto elettriche.

Caricare un’auto elettrica è più semplice di quanto si pensi, e sta diventando sempre più facile. Ci vuole ancora un po’ di pianificazione rispetto a una macchina tradizionale con motore a combustione interna, in particolare nei viaggi più lunghi, ma man mano che la rete di ricarica cresce e l’autonomia della batteria delle auto aumenta, è sempre meno probabile che tu venga colto impreparato.

Caricare un’auto elettrica: le opzioni da scegliere

Ci sono tre modi principali per ricaricare il tuo EV a casa, al lavoro o utilizzando un punto di ricarica pubblico sul bordo della strada o in una stazione di servizio. Inoltre, se hai una Tesla, c’è la rete Supercharger dell’azienda che comprende oltre 800 siti, dai servizi autostradali a numerosi hotel e centri commerciali. Trovare uno qualsiasi di questi caricabatterie è abbastanza semplice, con la maggior parte dei veicoli elettrici dotati di navigatore satellitare con i siti tracciati, oltre ad applicazioni per cellulari che ti mostrano dove sono e chi li gestisce.

B

Le stazioni di ricarica pubbliche offrono una serie di modi per pagare, spesso tramite una carta speciale o un’applicazione di pagamento sul tuo telefono. Detto questo, molte stazioni di ricarica sono sempre più dotate di tecnologia contactless, il che significa che è possibile pagare con una normale carta di debito o di credito.

In definitiva, dove e quando si carica dipende da come e dove si usa l’auto.

Tuttavia, se un veicolo elettrico si adatta al tuo stile di vita, è probabile che la maggior parte della tua ricarica sarà fatta a casa durante la notte, con solo brevi ricariche ai punti di ricarica pubblici quando sei in giro. Il tempo necessario per caricare l’auto dipende essenzialmente da tre cose: la dimensione della batteria dell’auto, la quantità di corrente elettrica che l’auto può gestire e la velocità del caricatore.

Le dimensioni e la potenza della batteria sono espresse in chilowattora, o kWh, e più grande è il numero più grande è la batteria, e più tempo ci vorrà. I caricabatterie forniscono elettricità in kilowatt (kW), con qualsiasi cosa da 3kW a 150kW possibile; più alto è il numero più veloce è il tasso di ricarica. Usa il caricabatterie più semplice e anche una Nissan Leaf con una batteria da 40kWh richiederà fino a 12 ore per una carica completa. Al contrario, gli ultimi dispositivi di ricarica rapida, che si trovano di solito nelle stazioni di servizio, possono aggiungere fino all’80% di una carica completa in mezz’ora.

Quindi quale caricabatterie è il migliore?

Caricare un’auto elettrica: tipi di caricabatterie

Ci sono essenzialmente tre tipi di caricabatterie: lento, veloce e rapido. I caricabatterie lenti e rapidi sono di solito utilizzati nelle case o per le colonnine di ricarica su strada. Per un caricabatterie rapido è necessario visitare una stazione di servizio o un hub di ricarica dedicato. Alcuni sono collegati, il che significa che come una pompa di benzina il cavo è attaccato e si collega semplicemente all’auto, mentre altri richiedono l’uso del proprio cavo, che si deve portare in giro in macchina. Ecco una guida per ciascuno.

Caricare un’auto elettrica: caricabatterie lento

Questo è tipicamente un caricabatterie domestico che utilizza una normale spina domestica. Con batterie di dimensioni sempre maggiori ci si può aspettare tempi di ricarica fino a 24 ore per alcuni dei modelli EV puri più grandi. Anche alcune vecchie colonnine di ricarica sul lato della strada forniscono questo tasso, ma la maggior parte è stata aggiornata per funzionare a 7kW sui caricatori veloci.

Quasi tutti ora usano un connettore di tipo 2 grazie ai regolamenti UE del 2014, che richiedono che diventi la spina di ricarica standardizzata per tutti i veicoli elettrici.

Caricare un’auto elettrica: caricabatterie veloci

Tipicamente erogando elettricità tra 7kW e 22kW, i caricabatterie veloci stanno diventando sempre più comuni, in particolare a casa. Conosciute come wallbox, queste unità di solito caricano fino a 7kW, riducendo il tempo necessario per ricaricare la batteria di circa la metà. Montate nel vostro garage o sulla vostra auto, queste unità dovranno essere installate da un elettricista.

Attualmente sono presenti alcune sovvenzioni che coprono fino al 75 per cento del costo di acquisto. I prezzi partono da circa 400 sterline dopo la sovvenzione. Tuttavia, alcune case automobilistiche pagheranno per un caricabatterie e l’installazione quando si acquista uno dei suoi EV, quindi vale la pena tenere d’occhio le offerte.

I caricabatterie veloci pubblici tendono ad essere postazioni non collegate, e di solito sono collocati sul ciglio della strada o nei parcheggi degli hotel. Dovrai pagare man mano per queste unità, sottoscrivendo un account con il fornitore di ricarica o utilizzando la normale tecnologia della carta bancaria senza contatto.

caricare un'auto elettrica come fare

Caricare un’auto elettrica: caricabatterie rapido

Come suggerisce il nome, questi sono i caricatori più veloci e potenti. Di solito funzionano a una velocità compresa tra 43kW e 150kW, e possono funzionare in corrente continua o alternata. In alcuni casi possono ripristinare l’80% della carica anche della batteria più grande in soli 20 minuti. Di solito si trovano presso i servizi autostradali o gli hub di ricarica dedicati, quindi è perfetto quando si pianifica un viaggio più lungo. La maggior parte dei caricatori rapidi funzionano a 50kW, ma ce ne sono sempre di più che possono caricare a 100 e 150kW. Tesla, tra l’altro, ha alcune unità da 250kW.

Tuttavia, anche questa cifra è migliorata dalla società di ricarica Ionity, che ha iniziato un roll out di caricatori da 350kW in una manciata di siti. Purtroppo, però, non tutte le auto possono gestire questa quantità di carica.

Caricare un’auto elettrica: cosa sono le schede RFID?

Un RFID, o Radio-Frequency Identification, vi dà accesso alla maggior parte dei punti di ricarica pubblici. Riceverete una carta diversa per ogni fornitore di energia, che dovrete far passare sopra un sensore sulla colonnina di ricarica per sbloccare il connettore e permettere il flusso di elettricità. Il vostro account sarà poi addebitato con la quantità di energia che usate per ricaricare la vostra batteria.

Tuttavia, molti fornitori stanno eliminando gradualmentequeste carte a favore di un’applicazione per smartphone. Non solo, ma stanno sfruttando anche il pagamento con carta bancaria: quest’ultima è leggermente più costosa in quanto non richiede la registrazione dei vostri dati.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le auto elettriche più veloci

Come caricare l’auto elettrica a casa: tutti i dettagli

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media