I dieci migliori fuoristrada e 4×4 del 2021

Ecco quali sono i nostri preferiti.

Creare una lista definitiva dei migliori fuoristrada e 4×4 è un’ impresa folle. Alcuni di questi veicoli sono progettati per avanzare su pendii pieni di massi, dove un solo cavo dei freni rotto porterebbe a un brusco arresto delle attività. Altri sono progettati per sfrecciare a velocità eroica, e in un modo completamente in contrasto con le auto la cui incredibile trazione li trasporterà su terreni impossibilmente scivolosi a passo d’uomo.

Poi ci sono gli specialisti della sopravvivenza nel deserto, meccanicamente inarrestabili. Ognuno potrebbe essere definito un fuoristrada, e ogni razza ha la sua particolare miscela di forze.

In ogni caso, questi sono i nostri fuoristrada e 4×4 preferiti.

Land Rover Defender

Dopo un preambolo durato più di un decennio, Land Rover ha finalmente lanciato l’auto negli showroom del 2020. Essendo passato da una costruzione a telaio a scala a una monoscocca, e per molte altre ragioni, questo nuovo Defender è più un successore che un sostituto diretto.

Alcuni temevano che non sarebbe stato capace di avere le stesse prestazioni; ebbene, il nuovo Defender può fare quasi tutto. Con angoli di avvicinamento e di partenza di circa 40 gradi, e un’altezza da terra di ben 291 mm grazie alle sue sospensioni pneumatiche regolabili in altezza, quest’auto ha tutte le giuste statistiche vitali. Eppure è lo stile con cui affronta la guida in fuoristrada che impressiona davvero. In particolare, il modo in cui alleggerisce il carico sul conducente per selezionare la giusta modalità di trasmissione, per mantenere la giusta quantità di slancio in avanti e per mantenere la giusta linea attraverso quei solchi.

Land Rover offre motori diesel a quattro e sei cilindri, benzina a quattro e sei cilindri e con un ibrido plug-in e versioni V8 che saranno presto lanciate. Il diesel D250 sarebbe la nostra scelta, che combina una coppia utile con una rispettabile economia di carburante, guidabilità e raffinatezza. Inoltre, non ha bisogno di costare tanto come alcune delle altre versioni dell’auto.

Le capacità 4×4 dell’auto sono fuori discussione, e il modo in cui affronta il suo lavoro in fuoristrada la fa sembrare un’auto costruita per persone che non amano nemmeno il fuoristrada.

Ma offrire tutto questo in un’auto che si guida e gestisce così bene anche su strada mette la ciliegina sulla torta, e fa sì che quest’auto stia testa e spalle sopra i suoi rivali.

Il miglior 4×4 di gran lunga ha ricevuto una nuova vita.

Jeep Wrangler

Jeep non rivitalizza molto spesso la Wrangler, ma l’ultima generazione è più utilizzabile che mai su strada e più capace fuori. Il fatto che Jeep abbia conservato con cura il tanto amato design, i cui fari circolari, la griglia a lamelle e la rigorosa geometria sono ancora riconoscibili dalle jeep originali Willys MB, è solo una parte del fascino. L’interno è ora più spazioso e meno scarsamente rifinito, il che va di pari passo con la migliore efficienza dei motori ridimensionati dell’auto e le migliori maniere di guida.

Naturalmente, la Wrangler è ancora spettacolare fuori dai sentieri battuti, specialmente nell’assetto Rubicon a tre porte. Quest’ultimo ha il suo telaio a scala, i differenziali bloccanti, i pneumatici tassellati, gli assi articolati specializzati, i rinforzi sottoscocca e le eccezionali statistiche sugli angoli di avvicinamento e di partenza. Semplicemente, tuttavia, non sarebbe così piacevole da vivere ogni giorno come il Land Rover Defender, motivo per cui è al secondo posto in classifica.

Toyota Land Cruiser

Un’altra icona, il cavallo di battaglia scelto nell’Outback australiano, un posto dove la rottura semplicemente non è possibile. Questo è un fuoristrada della vecchia scuola con una costruzione body-on-frame. Per il traino, il wading e il basso rapporto, la Land Cruiser ottiene un punteggio molto alto. Le versioni Utility di base-spec, identificabili dalle loro ruote in acciaio, sono veramente accessibili.

Ma mentre potete scegliere il 2.8 litri turbodiesel Toyota con sospensioni pneumatiche e sedili in pelle, non aspettatevi che sia come un SUV monoscocca di Audi o Mercedes-Benz. È una bestia diversa, meno sofisticata sulla M40, ma ha una reputazione di affidabilità meccanica davvero gelosamente considerata da ogni suo concorrente.

Mercedes-Benz Classe G

I migliori fuoristrada tendono a rimanere nei paraggi. Sia il Wrangler che il Land Cruiser sono stati con noi per decenni, e lo stesso vale per la G-Wagen (tecnicamente ora la Classe G, ma ci perdonerete la nostalgia). Questa Mercedes ha recentemente ricevuto l’unica riprogettazione veramente sostanziale nei suoi 40 anni di storia. Sotto, troverete ancora un telaio ladder-frame, anche se la sospensione anteriore è ora completamente indipendente e l’intero set-up è stato parzialmente sviluppato da AMG.

Il risultato è un’auto con differenziali bloccanti, una migliore altezza da terra e le stesse immense capacità off-road di prima. Il passaggio allo sterzo a pignone e cremagliera ha fatto la differenza più grande. La nostra scelta è il diesel a sei cilindri in linea nel G350d, anche se è possibile ottenere un AMG G63 completo con un V8 a benzina twin-turbo che fa quasi 600bhp.

Ford Ranger Raptor

Parcheggia per un momento qualsiasi considerazione sensata che potresti avere, perché il Ranger Raptor è un pick-up magico. Il punto di forza si nasconde sotto la carrozzeria, dove assali ampiamente riprogettati, molle potenziate e ammortizzatori Fox motorsport prendono il posto delle molle a balestra all’anteriore e del vecchio leveraggio di Watt. L’assetto è stato messo a punto per lavorare al meglio senza carico aggiuntivo e in velocità, e la distanza da terra è aumentata del 30%. Abbiamo già descritto quest’auto come un’auto sportiva da pista.

Punti deboli? Non c’è niente di più di un 2.0 litri quattro cilindri turbodiesel sotto il cofano, e a poco meno di 50.000 sterline, è abbastanza costoso. Come veicolo commerciale funzionante le sue capacità sono limitate; come metodo per coprire terreni molto accidentati a velocità scandalosa è quasi senza eguali.

fuoristrada ford ranger raptor

Land Rover Discovery

Ci si potrebbe chiedere perché la quinta generazione della Land Rover Discovery non sieda più in alto in questa lista, anche dato il calibro delle auto di cui sopra. È, nel grande schema, terribilmente competente in fuoristrada. Ovunque la Discovery vada, lo fa con una tranquilla sicurezza.

Non è, tuttavia, così grintosa, scattante o tenace come alcune auto in questa lista quando il gioco si fa veramente duro. Un lifting per l’anno di modello 2021 ha portato nuovi motori a sei cilindri per l’auto di entrambe le varietà a benzina e diesel. La sospensione è aggiornata e alcune caratteristiche interne sono fresche, e ha mantenuto una macchina piacevole e molto versatile.

Bowler Bulldog

Volete che il mondo sappia quanto siete seri riguardo al vostro weekend nel fango? Quale modo migliore di dimostrarlo, se non acquistando un’auto che assomiglia un po’ all’offroader più iconico del mondo, ma che in realtà è un’auto da rally raid per clienti altamente specializzati? Questo è precisamente ciò che si ottiene con la Bowler Bulldog; un fuoristrada costruito sull’ultima piattaforma “cross sector” dell’azienda motoristica di nicchia con sede nel Derbyshire. È progettato abbastanza bene da aver convinto la stessa Land Rover ad acquisire l’intera azienda non molto tempo fa.

Il Bulldog è costruito su un telaio monoscocca su misura e utilizza sospensioni a lunga escursione adattate da quello che si trova su una Discovery e Range Rover Sport, con molle e ammortizzatori pesanti. Sono disponibili sia motori a benzina che diesel sovralimentati, con un enorme serbatoio di carburante che offre la gamma di attraversamento del deserto che molti appassionati di rally richiedono. Optate invece per un benzina da V8 5.0 litri con 567 CV, se lo volete: il risparmio del carburante e l’autonomia scendono… di un bel po’.

Le prestazioni del Bulldog variano da quelle di una hot-hatchback a quelle di un’auto sportiva, a seconda della scelta del motore. La sua guida e la sua maneggevolezza sono incredibilmente precise e controllate sulla strada, ma anche instancabilmente robuste e molto divertenti su solchi, ghiaia, fango e sabbia.

Suzuki Jimny

Suzuki commercializza il Jimny come l’unico off-roader leggero al mondo, il che è molto vero. L’auto pesa poco più di 1100 kg, ma utilizza un telaio ladder-frame con sospensioni ad asse rigido ad ogni estremità, e un cambio a quattro ruote motrici a basso rapporto. Non ci sono, ahinoi, differenziali bloccanti. Tuttavia, con un prezzo che partiva da meno di 16.000 sterline quando l’auto era ufficialmente in vendita, non ci si aspetterebbe che ci siano.

Inoltre, vi garantiamo che vi innamorerete dell’aspetto da kei car del Jimny, ed è giusto così, perché il suo motore a benzina aspirato da 1,5 litri non è particolarmente economico. Purtroppo, il suo bagagliaio è minuscolo e le sue maniere su strada sono solo un gradino o due sopra la tristezza.

Suzuki UK ha ritirato il Jimny dalla vendita nel 2020 a causa della sua incompatibilità con l’inasprimento delle leggi sulle emissioni, ma le importazioni grigie sono ancora disponibili. Si dice che l’auto farà presto un ritorno di basso profilo negli showroom britannici come veicolo commerciale.

Isuzu D-Max AT35

L'”AT” sta per Arctic Trucks, ovvero gli specialisti islandesi delle spedizioni che modificheranno il vostro fuoristrada per andare quasi ovunque sulla terra. L’Isuzu D-Max è già tra i pick-up più robusti e capaci, e i pneumatici dedicati al fuoristrada di Arctic Trucks, l’aumento di 125 mm dell’altezza di marcia e le sospensioni aggiornate fanno emergere il suo vero potenziale.

Tenete a mente, tuttavia, che questo è un fuoristrada molto specializzato. Può essere economico da gestire, ma certamente non è economico da comprare, e si paga la fenomenale abilità con la qualità di guida. Si noti che Artic Trucks rivolgerà la sua attenzione anche al Nissan Navara e al Toyota Hilux, i quali sono marginalmente più ospitali nella guida normale.

fuoristrada isuzu

Ariel Nomad

Ammortizzatori costruiti secondo le specifiche del World Rally Championship, in un dispositivo a motore centrale che vanta 350bhp per tonnellata? Si sta parlando della Nomad, fuoristrada di Ariel con sede nel Somerset dopo la Atom, devastantemente veloce e reattiva.

Qui si ottengono pneumatici nodosi, sospensioni a doppio braccio oscillante rafforzate rispetto a quelle della Atom, e quegli incredibili ammortizzatori Öhlins. Sono dotati di molle a doppio tasso per dare all’auto elasticità e controllo a vari gradi di escursione. Nel frattempo, lo sterzo non è assistito e l’inclinazione dei freni può essere alterata, quindi anche se la Nomad coprirà terreni accidentati a velocità supersoniche, rimane nel suo complesso una favolosa auto da guidare.

È, tuttavia, solo a trazione posteriore e non fa di meglio rispetto ai fuoristrada di questa lista. Tuttavia, adoriamo il Nomad anche solo per il fatto di esistere.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Green pass: tutto quello che c’è da sapere per chi viaggia in auto

Le dieci migliori auto a sette posti del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media