Le dieci migliori super GT del 2021

Una classifica in cui si uniscono estetica e funzionalità.

La super GT di oggi acquisisce un’eredità forgiata e raffinata nel corso di un secolo di produzione di auto sportive. Tutto ciò attraverso leggende con motore anteriore e trazione posteriore come l’Alfa Romeo 8C e vetture del calibro della Jaguar E-Type, Aston Martin DB4 e Ferrari 250.

Nessun’altra parte del mercato delle auto ad alte prestazioni ha un curriculum migliore.

Queste sono auto destinate alle idilliache missioni di attraversamento dei continenti ad alta velocità. Sono auto da “avere la botte piena e la moglie ubriaca”, con eccellenti modi di fare e un sacco di spazio per i bagagli, spesso con un paio di sedili posteriori occasionali inclusi.

Le migliori combinano tutto questo con velocità, potenza, maneggevolezza e coinvolgimento del guidatore di prim’ordine.

In alternativa lusso da limousine, come preferite.

Aston Martin DBS Superleggera

Se c’è un marchio da cui ci si aspetta che l’esecuzione di una super GT lussuosa, potente e bella sia perfetta, è Aston Martin. Con l’ultima DBS Superleggera, questo è esattamente ciò che l’iconico marchio britannico ha fatto. Questo nuovo modello di punta è stato uno di una piccola manciata di auto a cui è stato assegnato il punteggio pieno di cinque stelle.

Si tratta di un’auto impressionante e ben strutturata.

I 715 CV e i 664 lb ft sviluppati dal suo V12 biturbo da 5,2 litri permettono alla DBS di coprire il terreno con un’urgenza allarmante e crescente. Nonostante tutto quel pugno di prestazioni, la grande Aston non sembra mai intimidatoria, nervosa o tesa; qualcosa che non si può dire della Ferrari 812 Superfast. La superba maneggevolezza, e una guida che è tesa ma ancora utilmente flessibile, si aggiungono alle sue eccezionali credenziali da gran turismo.

Ci sono alcuni piccoli difetti, però. Non è esattamente leggera, e il cambio a otto velocità può essere un po’ aggressivo alle basse velocità. L’abitacolo, inoltre, è un po’ troppo simile a quello della DB11.

Escludendo queste piccole sfaccettature, l’auto è fenomenale ed è disponibile in entrambe le forme coupé e Volante cabrio.

Aston Martin DB11 AMR

Il fatto che Aston Martin abbia rivendicato i primi due posti di questa lista è una testimonianza del successo nel trasformare la leggendaria casa automobilistica in una vera forza nella produzione di auto esotiche. Almeno dal punto di vista del posto di guida.

Pensate alla AMR come una DB11 2.0. Quasi tre anni dopo il lancio della DB11 V12 originale nel 2016, è stata ritirata e sostituita dal modello che vedete qui. La potenza del V12 biturbo da 5,2 litri è aumentata di 30 CV rispetto al vecchio modello, raggiungendo i 630 CV. Gli ammortizzatori ridisegnati si comportano in modo ancora più dolce di prima, e anche la trazione è stata migliorata. Anche se la guida dell’auto è comprensibilmente ferma, c’è abbastanza compostezza in offerta per garantire che rimanga una GT confortevole e senza sforzo.

Non è così completa come la DBS Superleggera, ma considerando che il modello di punta costa circa 50.000 sterline in più, si spera che non pesti troppo i piedi al suo fratello maggiore.

Bentley Continental GT

Il riallineamento sportivo della Bentley Continental GT ha avuto un buon inizio con il 12 cilindri, e da allora si è spostato verso l’alto con la versione V8 di Crewe. Quest’ultima ancora più sportiva. La GT è un’auto che mantiene tutta la sontuosità dei materiali tattili, il lusso di alto livello e la raffinatezza da turismo di prim’ordine che ci aspettiamo dal suo costruttore.

La performance e la stabilità a quattro ruote motrici su tutta la superficie, di entrambe le versioni, saranno grandi richiami per i clienti. Dopo l’arrivo della versione V8, che si trova sotto la W12 nella gerarchia della Conti GT, è difficile immaginare come Bentley avrebbe potuto soddisfare meglio il particolare brief dinamico di quest’auto. In particolare, ora si rivolge a una gamma più ampia di preferenze dei clienti rispetto a qualsiasi suo predecessore.

Certo, ci sono un paio di super GT rivali che raggiungono l’importantissimo compromesso tra agilità di guida, coinvolgimento e comfort di viaggio in modo leggermente migliore. Tuttavia, considerando il peso del lusso che deve sopportare, la Continental GT ha fatto una strada notevolmente lunga come auto da guidare. Guarderemo con interesse quanto ancora possa offrire.

Ferrari Roma

Come le sue opzioni V12 sono diventate più selvagge, più veloci e più emozionanti negli ultimi anni, sono diventate anche più esigenti e imponenti da guidare. Ciò ha lasciato un vuoto nella gamma di modelli Ferrari, per un coupé super GT convenzionale e più rilassato che la nuova Roma ha riempito piuttosto efficacemente.

Bella, usabile, confortevole ma anche dinamicamente coinvolgente, la Roma riprende da dove l’ampiamente applaudita 550 Maranello si è fermata quasi due decenni fa. Il fatto che sia alimentata da un V8 turbo da 612 CV, e che abbia sedili posteriori “occasionali”, la rende diversa dalla ricetta della 550. Tuttavia, la raffinatezza e l’ampiezza dell’auto, e il suo look da GT classica attentamente studiato, sembrano certamente omaggi allo spirito della 550.

La Roma non è bella solo all’esterno. Con i suoi interni, Maranello ha inseguito Bentley e Mercedes-AMG per ricchezza di materiali e ambiente di lusso. Con il nuovo layout di infotainment e strumentazione a doppio schermo della vettura, ha tentato anche un’aria di vera sofisticazione tecnologica. In entrambi i casi, ha goduto di un successo notevole, anche se non del tutto convincente.

Polestar 1

Batterie e motori elettrici possono attualmente sembrare le ultime cose che si potrebbero scegliere in un’auto pensata per viaggiare. Tuttavia, gli ibridi plug-in hanno una risposta pronta al problema insolubile dell’autonomia. Con la Polestar 1, una casa automobilistica della Volvo Car Group ha dimostrato piuttosto abilmente quanto possa essere attraente una GT veloce con una presa di ricarica.

Il modello di debutto della Polestar trae potenza da due motori elettrici sul suo asse posteriore, ma anche da un motore a benzina a quattro cilindri da 300 cavalli. Complessivamente la sua potenza di picco si avvicina ai 600 cavalli, e sulla coppia di picco, grazie a quei motori elettrici, batte la maggior parte delle altre auto in questa lista. Essendo così trasformativamente elettrificata, tuttavia, è un’auto con una grande accelerazione istantanea dalle basse velocità.

Arrivando solo con la guida a sinistra, e con uno spazio limitato nel bagagliaio a causa della sua disposizione meccanica, non sarà la super GT più facile da usare. Tuttavia conquisterà gli acquirenti con il suo stile alternativo, gli interni avvolgenti e l’esperienza di guida sfaccettata che può farle cambiare il suo carattere movente come un comico impressionista virtuoso.

Un EV da 70 miglia: un’auto GT facile da usare tutti i giorni o l’auto del futuro? La scelta è vostra.

Rolls-Royce Wraith

Quasi nulla nel mondo dei motori è più meraviglioso della più aristocratica delle auto blu. Rolls-Royce ha introdotto la versione gran turismo a due porte della sua berlina Ghost di ultima generazione nel 2013, e con essa ha annunciato l’auto più focalizzata sul conducente nella sua storia.

L’elegante due porte è semplicemente piccola per gli standard Rolls, naturalmente. Può ospitare gli adulti nei suoi sedili posteriori splendidamente arredati, e ha spazio nel bagagliaio per un ottimo stoccaggio. Nella parte anteriore, scambia alcune delle stravaganze e delle formalità degli interni dei suoi modelli fratelli per un ambiente più casual, intimo e sobrio. Ancora una volta, però, l’idea di Rolls continua a includere pelli morbide, brillanti lavori di lucentezza e rivestimenti in legno.

La maneggevolezza della Wraith ha un bordo più inamidato e nitido di quello della Ghost, rendendo l’auto ben capace di affrontare lunghi viaggi dinamici. I livelli di aderenza sono ben bilanciati. Il motore V12 della Wraith ha una potenza abbondante, la tipica morbidezza aristocratica e un’elevata reattività. Tutto ciò nonostante si controlli ancora la sua attività a distanza, attraverso il misuratore della “riserva di potenza” della Rolls piuttosto che un comune contagiri. Se volete la vostra riserva di potenza con ancora meno riserva, c’è anche il Wraith Black Badge, che è arrivato nel 2016 e ha portato sguardi più furtivi, sospensioni pneumatiche più tese, un cambio automatico ricalibrato e 52lb ft extra di coppia.

Qualunque sia la versione scelta, quest’auto è semplicemente deliziosa da guidare, oltre ad essere un modo sublime di viaggiare.

super GT rolls royce

Ferrari 812 Superfast e GTS

La 812 Superfast prende spunto dal suo predecessore, e incorpora anche alcuni dettagli dell’edizione speciale F12tdf. Il che non è un cattivo inizio.

Con 789 CV da un suggestivo motore a 12 cilindri che potrebbe davvero essere il più grande del suo genere, la 812 Superfast si trova testa e spalle sopra i suoi concorrenti più vicini. L’agilità della F12tdf, causata principalmente dal suo aggressivo sistema a quattro ruote sterzanti, è stata attenuata, ma senza smorzarne la prontezza dinamica e l’equilibrio. La nuova 812 GTS derivata è anche la prima Ferrari convertibile con motore anteriore V12 dalla SA Aperta del 2010, basata sulla 599.

Ad ogni modo, se vi piace il vigore incisivo, il ritmo puro e il dramma combattivo con cui la 812 Superfast si comporta, potreste scoprire che nient’altro nella classe lo farà.

McLaren GT

La GT della McLaren ha contribuito a riportare il “super” nella classe delle super GT. A prima vista, la GT sembra avere più in comune con una supercar che con un’elegante gran turismo, con il suo telaio in carbonio e il motore centrale, rigorosamente a due posti. Tuttavia, con le linee tra le classi di veicoli che diventano sempre più confuse in tutto il settore, non sembra del tutto sorprendente che ora abbiamo una McLaren che può presumibilmente mescolarsi con artisti del calibro di Bentley e Aston Martin.

Naturalmente, McLaren ha tirato un trucco simile con l’eccellente 570GT. Dove quell’auto era un adattamento di un modello esistente, la GT è un modello a sé stante. Così si ottiene ancora più spazio di archiviazione, un abitacolo più sontuosamente rifinito, e una messa a punto delle sospensioni leggermente più morbida. Il suo motore da 4,0 litri è anche meno potente rispetto a quello della 720S, ma 612 CV e 465 lb ft assicurano che la GT sia ancora sorprendentemente veloce in linea retta. Inoltre, da quando l’auto è stata lanciata nel 2019, McLaren ha potenziato la sua attrezzatura standard con più di 20.000 sterline di kit senza aggiungere un centesimo al suo prezzo di listino.

L’auto è una meraviglia da guidare su strade impegnative: incisiva e agile, con uno sterzo sensibile e preciso. Infatti, se il piacere di guida è in cima alla vostra lista di requisiti, questa potrebbe essere l’auto GT per voi.

C’è un compromesso, però. Per quanto sia comoda per gli standard McLaren, non è del tutto perfetta.

Porsche Taycan Turbo S

La verità è che la brillante Porsche Taycan, completamente elettrica, è un’auto sportiva a corto raggio o una pseudo berlina sportiva migliore di un super GT a lungo raggio. Poiché ciò ha molto più a che fare con lo stato di sviluppo delle nostre infrastrutture pubbliche di ricarica delle auto elettriche, che con l’auto stessa, merita di essere in questa classifica.

La Taycan farà esplodere qualsiasi ipotesi che potreste avere sul potenziale dell’EV come auto da guidare. È in tutto e per tutto una Porsche prima e un’auto elettrica poi, e si comporta e gestisce come tale. È pesante, ma certamente non sembra così sulla strada. L’accelerazione di rollio è incredibilmente reattiva e monumentalmente forte dalle basse velocità. La visibilità è di prim’ordine, le dimensioni dell’auto sono piacevolmente compatte per una quattro porte. Inoltre, la gestione è così supremamente agile, in bilico e coinvolgente che una Tesla Model S difficilmente regge il confronto.

In un lungo viaggio, l’impressionante capacità di ricarica rapida della Taycan di solito permette di riportarla a piena carica in meno di mezz’ora con i più veloci caricatori pubblici da 350kW. Nonostante ciò, è anche innegabilmente vero che una missione di attraversamento del continente, in una macchina con una gamma utilizzabile ad alta velocità di circa 200 miglia nel migliore dei casi, sarebbe un azzardo audace. Sarebbe anche eccitante come super GT, però, e non solo per l’adrenalina.

Mercedes-AMG S63 Coupé

La Mercedes Classe S Coupé ha confezionato l’ultima e la più grande tecnologia di propulsione, sospensioni e sicurezza in un’elegante ammiraglia a due porte. Quando si è una potenza industriale delle dimensioni di Daimler, si può impacchettare un sacco di tecnologia. La Mercedes-AMG S63 Coupé, quindi, è un’auto con tutti i sistemi attivi semi-autonomi di Mercedes per il mantenimento della corsia, il limite di velocità e l’assistenza alla frenata. Tutto ciò con i più recenti sistemi di connettività a bordo, e con le sospensioni idrauliche attive basate sulla telecamera Magic Body Control di Mercedes. Quest’ultima scansiona la superficie della strada davanti a sé e prepara le sospensioni specificamente per i dossi che sta per incontrare.

Il V8 biturbo da 4.0 litri di AMG fornisce alla S63 tutta la potenza e la coppia di cui ha bisogno. Le sospensioni raggiungono un compromesso intelligente tra isolamento e impegno del guidatore che contribuisce a mantenervi interessati all’esperienza di guida.

Se vi interessa tutto ciò, dovrete muovervi in fretta e prenderne una finché potete. La Classe S Coupé di generazione C217 è ormai fuori produzione, ed esiste un’offerta limitata nelle scorte dei concessionari e dei distributori. Inoltre, non sarà sostituita come parte della nuova famiglia di modelli della Classe S, dato che Mercedes sceglie di ridimensionare il programma di espansione dei modelli che ha portato avanti per più di un decennio.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I dieci migliori crossover compatti del 2021

Le dieci migliori auto elettriche per famiglie del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media