LMDh: novità per Le Mans del 2023

Tutti i dettagli sul regolamento.

BMW è l’ultimo marchio a tornare a Le Mans nel 2023, ed entrerà con un’auto che utilizza il più economico regolamento LMDh. Quest’ultimo stabilisce che mentre la combustione deve essere sviluppata in casa, la batteria, il motore e le trasmissioni sono tutte parti standard.

BMW M motorsport non svilupperà nemmeno il telaio, che sarà fatto da un partner esterno.

Il concetto LMDh garantisce il massimo controllo dei costi e offre una vasta gamma di possibili applicazioni, compresa la serie IMSA in Nord America, un mercato estremamente importante per BMW M.

Che cos’è la LMDh?

Si tratta dell’acronimo di Le Mans Daytona hybrid, il nuovo set di regolamenti creato dall’IMSA, che è responsabile delle gare di auto sportive in Nord America.

Questo cambiamento ha già attirato i due produttori di maggior successo nella storia di Le Mans, Porsche e Audi, per tornare a La Sarthe nel 2023.

L’IMSA è di proprietà della famiglia France – lo stesso impero che ha costruito la NASCAR – così come le sue gare di punta come la 24 Ore di Daytona, la Dodici Ore di Sebring e la Petit Le Mans. Dal 2022 la FIA permetterà alle auto LMDh di competere a Le Mans e in altre gare del World Endurance Championship (WEC).

Le regole LMDh appena finalizzate permettono ai costruttori di fornire i propri motori capaci di fino a 470kW, che saranno accoppiati con un motore elettrico ‘spec’ da 50kW fornito da Bosch. La potenza totale del sistema ibrido è di 500kW.

Ci sono quattro costruttori autorizzati a costruire un telaio LMDh: ORECA, Ligier, Multimatic e Dallara. I produttori possono acquistare un telaio basato su LMP2 da una di queste quattro aziende. Possono inoltre drappeggiare la propria carrozzeria ispirata alle auto stradali sopra la parte superiore.

Non solo ciò è più economico che progettare un’auto da zero, ma permette alle marche di sfruttare un veicolo con un linguaggio di design che riflette ciò che è venduto nei concessionari.

I costi della LMDh

IMSA ha lavorato duramente per garantire che le sue regole LMDh siano accessibili, limitando il prezzo dell’intero powertrain ibrido a 350.000 dollari e il telaio a 409.000 dollari. Si stima che il costo totale per costruire un’auto LMDh senza motore sarà di circa 1,55 milioni di dollari. Questo è un affare se lo si confronta con il programma 919 LMP1 della Porsche. Alla fine della sua vita è stato stimato costare fino a 197 milioni di dollari all’anno per funzionare.

Allo stesso tempo, la F1 è sulla strada verso il suo nuovo limite di bilancio obbligatorio di 190 milioni di dollari. Porsche e Audi non sono gli unici interessati alla classe dei prototipi americani. Il braccio americano di Honda, Acura, così come Mazda e McLaren hanno tutti segnalato la loro intenzione di costruire auto adatte al regolamento. Lexus ha dichiarato apertamente il suo interesse per le regole LMDh. In particolare ora che una convergenza con LMH è stata confermata.

LMDh regolamento

“Se arrivasse un momento in cui potessimo prendere un’auto dalla Daytona 24 e farla correre a Le Mans, sarebbe un cambio di gioco”, ha detto il presidente della Toyota Racing Development. A differenza del regolamento LMH della FIA, il regolamento LMDh dell’IMSA non richiede ai produttori di sviluppare versioni stradali delle loro auto da corsa. Anche se ciò significa che non otterremo speciali omologazioni da milioni di dollari, questo rafforza gli investimenti a lungo termine e segnala un futuro più forte per la categoria.

Abbinare i regolamenti LMH e LMDh utilizzando un sistema di equilibrio delle prestazioni è un colpo da maestro da parte degli organizzatori. Pensate, il campo di Le Mans 2022 è già confermato per avere Audi, Porsche, Toyota, Peugeot e Scuderia Cameron Glickenhouse in lotta per la vittoria assoluta. Tutto ciò con artisti del calibro di Mazda, McLaren, Acura e Lexus anche pronti a unirsi alla mischia.

E la Formula E?

Mentre la LMDh sta attirando alcuni dei più grandi nomi delle corse, la Formula E sta cominciando a perdere il suo splendore. In termini più semplici, il beneficio di correre in Formula E non è più superiore al costo. Questo è particolarmente preoccupante per la categoria, visto quanto è economico per competere. Per fare un esempio, Jaguar ha speso meno di 15 milioni di dollari per gestire il suo team di Formula E a due auto nella stagione 2018/19.

Per rendere lo sport più attraente, la Formula E vuole vedere i budget annuali scendere a circa 4,3 milioni di dollari all’anno. I produttori affermati stanno iniziando un esodo, ma i nuovi devono ancora mettere la mano sul fuoco per riempire i posti vacanti.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Migliori auto elettriche usate del 2021

I dieci migliori concept retrò di auto: la classifica

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media