McLaren Speedtail: svelato il modello Albert

La nuova creatura targata McLaren è un nuovo gioiellino tra le supercar.

La McLaren Speedtail “Albert” è stata commissionata da McLaren Beverly Hills, e prende il nome da un prototipo del 2018. Quest’ultimo è stato utilizzato per convalidare la posizione di guida centrale dell’auto, l’ergonomia del conducente, la visibilità e le posizioni della telecamera posteriore.

Il prototipo Albert è stato anche il primo Speedtail ad essere guidato su strade pubbliche, anche se con i pannelli anteriori di una 720S.

Il nome Albert risale a una linea di auto di prova che hanno preceduto la McLaren F1 nel 1992. Questi prendevano il nome da Albert Drive, dove la F1 è stata progettata e costruita a Woking. Questa Speedtail a tutti gli effetti presenta “uno dei temi di pittura più complessi” mai intrapresi da MSO, che ha richiesto 12 settimane per essere completato.

Questo includeva due settimane di mascheratura, sei settimane di pittura e altre quattro settimane per asciugare e assemblare i pannelli finiti.

Il design bicolore comprende Magnesium Silver – il colore con cui la McLaren F1 fu mostrata per la prima volta al Gran Premio di Monaco nel 1992.

McLaren Speedtail: il modello Albert

“Essendo una delle ultime Speedtail ad essere costruite al McLaren Production Centre, era molto importante per noi che ‘Albert’ onorasse il ricco patrimonio del marchio.

In particolare rendendo omaggio all’icona che è la McLaren F1″, ha detto Parris Mullins del rivenditore. “Siamo fortunati di essere stati in grado di procurare ‘Albert’ per uno dei nostri migliori clienti e siamo assolutamente entusiasti del risultato finale”.

La Albert Speedtail farà il suo debutto pubblico al Sunset GT – un evento di auto di lusso che si tiene a Los Angeles l’8 agosto.

McLaren Speedtail: la storia completa dell’ingegneria

Quando abbiamo visto per la prima volta in anteprima la sorprendente McLaren Speedtail a bassa resistenza e a tre posti, i dettagli sulla catena cinematica erano scarsi. Woking ha rifiutato persino di confermare che il suo marchio V8 biturbo fosse sotto il coperchio del motore aerodinamico. Tuttavia ora sappiamo che, grazie in parte a un aumento di quattro volte nella densità di potenza della batteria, il motore elettrico della Speedtail da solo genera 309bhp e 258lb ft di coppia.

Il V8 porta 746bhp e 590lb ft di coppia al tavolo. Le due cifre di potenza si sommano a più di 1035bhp, perché le due unità di potenza non forniscono le loro uscite di picco allo stesso tempo. La Speedtail confeziona la sua batteria in basso dietro l’abitacolo, con il motore elettrico collegato al V8 e l’unità elettronica di potenza compatta in alto dietro le teste degli occupanti. Tutto ciò per sfruttare il flusso d’aria di raffreddamento. A differenza della P1, la Speedtail non ha una gamma solo EV, ma è più leggera e McLaren sostiene 0-186 mph in soli 12,8 secondi.

Il motore elettrico utilizza la tecnologia derivata dalla Formula E – una serie in cui il ramo McLaren Applied fornisce le batterie. Ha inoltre rivendicato l’installazione della batteria a più alte prestazioni per una vettura stradale di produzione. È interessante notare che McLaren ha contato sia il raffreddamento che l’integrazione in quell’affermazione. La batteria della Speedtail è quattro volte più densa di energia di quella della P1, e quindi capace di un rapporto potenza-peso di 5,2kW/kg. Come ci si aspetterebbe, quel tipo di trasferimento di potenza genera una discreta quantità di calore, quindi le celle sono immerse in un olio leggero elettricamente isolante per una rapida dissipazione. Le maggiori velocità di trasferimento consentono una maggiore efficienza termica e ripetibilità – ed è il primo sistema di questo tipo visto al di fuori di una pista da corsa.

La McLaren Speedtail costa 1,75 milioni di sterline ed è la nipote della McLaren F1. È stato anche il primo modello del piano aziendale Track 25 di Woking.

Snellimento focalizzato sull’aerodinamica

La cosa più sorprendente della nuova hyper GT deve essere il suo aspetto allungato e aerodinamico. Con i suoi 5137 mm, la nuova Speedtail è più lunga di mezzo metro della P1. Tuttavia è più stretta, e ogni centimetro quadrato è progettato per ridurre al minimo la resistenza. La parte anteriore della Speedtail sembra una versione strabica della solita “faccia” McLaren, poiché i condotti e le prese d’aria sono stati ristretti per ridurre la resistenza. A partire dallo splitter anteriore scolpito, McLaren ha utilizzato tutti e cinque i metri della vettura per piegare, rimboccare e dirigere il flusso d’aria sul percorso di minore resistenza.

Le prese d’aria nella parte anteriore dell’auto facilitano l’aria attraverso i lati della Speedtail, intorno ai passaruota e attraverso le prese d’aria delle porte. Anche quest’ultime, situate dietro il tettuccio in vetro, si fondono gradualmente nella carrozzeria per evitare che il flusso d’aria si separi dalla superficie dell’auto. La Speedtail è all’altezza del suo nome nella parte posteriore, e presenta una carrozzeria posteriore estesa per migliorare ulteriormente l’efficienza aerodinamica. A differenza di un design più brusco, McLaren dice che la parte posteriore della Speedtail pulisce il flusso d’aria e trascina le turbolenze, consentendo una maggiore velocità massima.

Sotto, pale posteriori lisciano il flusso d’aria su entrambi i lati di un grande diffusore lungo. Sulla superficie superiore della vettura, invece, alettoni mobili lavorano per generare il livello ottimale di deportanza in qualsiasi momento. È interessante notare che quegli alettoni non hanno nemmeno cuciture, e in realtà piegano la flessione della carrozzeria in fibra di carbonio della Speedtail. Il risultato? Nessuna fessura del pannello significa minimo disturbo dell’aria.

McLaren Speedtail albert

McLaren Speedtail: trucchi del mestiere

Gli ingegneri McLaren hanno utilizzato una manciata di tecniche innovative per ridurre il peso e la turbolenza della nuova Speedtail. All’asse anteriore, i rivestimenti in fibra di carbonio – che ricordano le auto di F1 del 2009 – coprono le ruote da 20 pollici e 10 raggi, limitando l’effetto aerodinamico che causano. La Speedtail prende in prestito anche un’idea dalla prossima Audi e-Tron.

Proprio come il SUV elettrico di Audi, la McLaren Speedtail offre telecamere elettriche al posto dei tradizionali specchietti retrovisori, riducendo la resistenza intorno ai lati della vettura. In modalità Velocity – che abbassa anche l’auto di 35 mm a soli 1120 mm nel suo punto più alto – le telecamere si inseriscono all’interno dell’auto, riducendo maggiormente la scia aerodinamica della Speedtail.

Come ci si aspetterebbe, la Speedtail utilizza la monoscocca in fibra di carbonio e i pannelli della carrozzeria in fibra di carbonio a deposizione di titanio 1K più leggeri. Pesa quindi solo 1430 kg senza fluidi, ma McLaren ha rasato i grammi in modi più sottili. Il vetro elettrocromico oscura la parte superiore del parabrezza, eliminando la necessità di alette parasole, e la stessa tecnologia è applicata alla sezione superiore delle porte e le luci posteriori dei quarti posteriori. Questo varrà almeno 300 g, giusto?

McLaren Speedtail: un interno da caccia

La McLaren Speedtail può essere la prima “hyper GT car” che l’azienda di Woking abbia mai realizzato, ma all’interno prende in prestito le idee della McLaren F1. La tanto citata configurazione a tre posti è anche qui, col sedile del conducente spostato più avanti, e la maggior parte della strumentazione dell’auto è digitale. Tutti gli altri interruttori sono realizzati in alluminio lucido, e il pulsante di accensione del motore – così come l’interruttore per la modalità di velocità dell’auto – si trova sul soffitto dell’abitacolo a forma di goccia, sopra la testa del conducente.

Tra tutta la pelle cucita a mano e i materiali su misura, McLaren ha anche introdotto la pelle “direzionale” che dovrebbe permettere agli occupanti di scivolare facilmente nell’auto, ma di essere stabili quando effettivamente si guida.

Personalizzare la bestia

I 106 clienti dell’auto sono in grado di scegliere tra tre ampie collezioni o look – ciascuno contenente almeno tre ulteriori varianti. Ogni aspetto dell’auto può essere facilmente personalizzato. proprio per questo motivo, McLaren pensa che ciò toglierà gran parte del fastidio di ordinare la nuova supercar.

La collezione Urbane doveva offrire un look fresco e sofisticato alla nuova hypercar. Il tema Stratosphere è un primo esempio di quello che McLaren ha chiamato un “look dalle tonalità fredde”. La collezione Visionary sembra essere un po’ più audace, con uno dei temi chiamato Astral “ispirato alla ricchezza del patrimonio nautico del Regno Unito”.

Dynamic sembra essere la collezione più appariscente, Instagram-friendly, ed è probabilmente meglio rappresentata dal tema Bloodline. Come si può capire dal nome, è tutta un’esplosione di rosso e nero lucido con pezzi di rame e bianco.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le auto elettriche con più autonomia del 2021

Mercedes Vision EQXX: cosa sapere

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media