Le dieci migliori auto a sette posti del 2021

Ecco la top 10 con le nostre auto a sette posti preferite.

Una volta che il pubblico di acquirenti si è reso conto che fosse del tutto possibile acquistare una grande auto a sette posti, era in corso il declino delle vendite del veicolo multiuso ‘one-box’ . Tuttavia, per i pochi di successo continua ancora.

Ora ci sono miriadi di dimensioni e tipi di SUV che offriranno fino a sette posti per chi ne ha bisogno. Non tutti lo faranno, e allo stesso tempo vi daranno accesso all’intera gamma di motori. Anche se l’usabilità di quei sedili più arretrati è spesso limitata.

Ecco, quindi, le migliori auto a sette posti al di fuori della classe MPV e le ragioni per cui ci piacciono. Tutte le auto qui offrono fino a sette posti rivolti in avanti, anche se non necessariamente di serie.

Una o due nuove auto includono ancora seggiolini per bambini rivolti all’indietro (la Tesla Model S lo fa ancora, per esempio).

Volvo XC90

Aumentare il vostro budget e comprare un’auto più grande non vi garantisce un’opzione a sette posti. Tuttavia, pochi saranno sorpresi di vedere che le nostre prime tre opzioni sono tutti grandi SUV. Il migliore di loro rimane la Volvo XC90. Anche se la maggior parte dei suoi rivali diretti sono più nuovi, nessuno ha abbinato la sua combinazione di versatilità a sette posti, la desiderabilità e l’ambiente della cabina di lusso.

La XC90 ha sette posti di serie, indipendentemente dal motore e dal livello di allestimento scelti. Anche la versione T8 ibrida plug-in (PHEV) li ottiene tutti e sette, a differenza dei suoi avversari PHEV di BMW, Mercedes e Land Rover.

Il recente record impressionante di Volvo sul design esterno fa ancora risaltare l’auto sulla strada, e l’interno sembra e si sente spazioso e leggero. Volvo offre opzioni di alimentazione a benzina, diesel e ibrido plug-in.

Anche se il PHEV ha la miscela più convincente di prestazioni, raffinatezza ed economia, il diesel mild-hybrid B5 è un compromesso molto rispettabile. Entrambe le opzioni a benzina mild-hybrid sono molto meno economiche nell’uso reale.

I sedili della seconda fila dell’auto scorrono tutti avanti e indietro individualmente, con il sedile centrale della seconda fila che può essere convertito in un seggiolino integrato. I sedili della terza fila possono essere dotati di bocchette per l’aria condizionata a un costo aggiuntivo. Anche se non hanno ancoraggi Isofix per i seggiolini di rialzo, sono abbastanza grandi per adulti o bambini più piccoli da usare con ragionevole comodità, e l’accesso è abbastanza buono.

Land Rover Defender

L’ultimo grande nuovo modello della Land Rover avrebbe dovuto essere un candidato per il primo posto di questa classifica. Anche se è costoso, l’interno abilmente configurabile dell’auto sembra presentare l’opzione di ben otto posti per i passeggeri.

Comprate un Defender 110 a cinque porte con passo più lungo e Land Rover vi offrirà una scelta di cinque, sei o sette posti per i passeggeri. L’opzione per la seduta centrale è possibile grazie a un ‘sedile di salto’ che si inserisce tra le sedie del conducente e del passeggero, dove altrimenti ci sarebbe la console centrale. Purtroppo non c’è un’opzione a otto posti, per motivi legislativi che Land Rover non ha ancora confermato; un fatto che probabilmente non impedirà ad alcune persone di adattare i sedili a sette posti di seconda mano negli anni a venire, naturalmente.

Anche senza un’opzione ufficiale a otto posti, però, quest’auto ha una versatilità impressionante. Una buona percentuale di famiglie che attualmente non hanno altra scelta che acquistare un’auto a tre file, e accettare l’inevitabile sacrificio di spazio, potrebbe preferire sei posti in due file. Il Defender a sette posti ha le sedie della terza fila che sono un po’ più piccole di quelle della Discovery, ma ancora perfettamente utilizzabili da bambini, adolescenti e adulti più piccoli.

Questa è un’auto costosa, con anche i modelli più economici a cinque porte che superano le 50.000 sterline. Tuttavia, a differenza del vecchio Defender, guida bene come quasi tutti i SUV di lusso della sua dimensione e tipo, ha una vasta gamma di moderni propulsori elettrificati, e ha capacità offroad per risparmiare.

Come un grande, desiderabile cavallo di battaglia della famiglia, non si potrebbe chiedere molto meglio.

Kia Sorento

La verità inconfessata sui SUV full-size a sette posti, che molte delle auto in questa classifica confermano, è che la maggior parte di loro non ha lo stesso prezzo di un MPV full-size. La Kia Sorento, che è appena entrata nella quarta generazione di modelli, era un’eccezione piuttosto gloriosa a questa regola. Ora che ha assunto un look and feel più premium, tuttavia, non è proprio l’affare di una volta. Tuttavia, è ancora possibile trovarla al di sotto di 40.000 sterline. Non importa se si acquista un diesel, ibrido a benzina o ibrido plug-in. Garantirà sette posti di buone dimensioni, che rende il processo di acquisto bello e semplice, ed è uno dei motivi per cui lo consigliamo in termini così incondizionati.

L’ultima riprogettazione di Kia per l’auto ha portato una piattaforma di modello completamente nuova, un esterno accattivante e un abitacolo spazioso e abbastanza di classe. L’interno trae vantaggio dalle dimensioni esterne dell’auto, e la terza fila sarebbe persino utilizzabile dagli adulti a condizione che non siano particolarmente alti.

Per un acquirente privato, il motore diesel da 2,2 litri rimane quello da scegliere. L’ibrido a benzina più economico da 1,6 litri restituisce un’economia ragionevole in città, ma non è così frugale nei viaggi più lunghi e deve essere guidato piuttosto duramente per mantenere un passo più veloce. L’ibrido plug-in più potente è un po’ più senza sforzo, ma ciò farà appello ai conducenti di auto aziendali per motivi diversi.

Una guida tranquilla ma leggermente fragile, un controllo medio del corpo e uno sterzo insensibile e poco invitante caratterizzano tutte le versioni dell’auto, ma non devono scoraggiare troppo.

Audi Q7

Il SUV full-size di Audi, il Q7, è portato al bordo del podio di questa classifica sulla base del fatto che ha sei posti passeggeri di buone dimensioni, tutti con adeguati punti di sicurezza per bambini Isofix. Questo è un vantaggio per il quale Audi fa pagare molto, naturalmente, e vale la pena notare che se si opta per uno dei modelli ibridi plug-in TFSIe di risparmio fiscale nella gamma, l’auto verrà con cinque posti piuttosto che sette, al fine di fare spazio per l’unità elettrica gubbins, che sembra un grande peccato.

Eppure, la grande Audi fa una sette posti molto convincente se si attacca con i propulsori convenzionali, e ce ne sono diversi. I motori diesel 3.0 litri TDI dell’auto producono 228 CV o 282 CV, con un’opzione a benzina 3.0 litri turbo 55 TFSI da 335 CV che colma il divario di prezzo fino ai motori TFSIe plug-in. Più in alto ancora, c’è anche il 4.0 litri 429bhp tri-turbo V8 diesel della SQ7.

I principali punti di forza della Q7, oltre a quei sedili spaziosi e ben forniti, sono la tecnologia di bordo, la qualità dell’abitacolo di prim’ordine e la guida raffinata, isolata e lussuosa.

Peugeot 5008

La più grande opzione SUV di Peugeot merita una menzione speciale qui per sfruttare al meglio lo spazio che offre. Si tratta dell’unico SUV di medie dimensioni che entra nella metà superiore della nostra classifica. Mentre non fornisce tanto comfort e spazio per i passeggeri quanto le opzioni più grandi, vi dà più scelta rispetto ai rivali su dove inserire i vostri seggiolini per bambini e su come disporre comodamente i passeggeri più anziani intorno a loro.

Questo perché la 5008 ha tre sedili separati per la fila centrale che scorrono e si piegano singolarmente, tutti con ancoraggi Isofix. Facendo scorrere quello centrale in avanti da solo, si potrebbe fare spazio per infilare tre seggiolini di rialzo in plastica stampata fianco a fianco. Tuttavia, poiché la 5008 non ha la cabina più larga, sarà un po’ stretto.

I sedili della terza fila sono abbastanza grandi per essere usati dai bambini, ma possono accogliere un seggiolino più piccolo e un occupante se si fanno scorrere in avanti i sedili di fronte per fare spazio. La gamma di motori inizia con 1.2 litri tre cilindri a benzina e 1.5 litri quattro cilindri diesel di circa 130 cavalli, che vanno verso l’alto per includere 2.0 litri diesel e e 1.6 litri turbo benzina opzioni. L’auto si gestisce bene e ha un valore abbastanza buono, anche se i guitatori potrebbero restare delusi sapendo che non c’è una versione ibrida plug-in.

auto a sette posti peugeot

Land Rover Discovery

Quando Land Rover ha presentato l’attuale Discovery, si è parlato molto della comodità aggiunta dai suoi cinque sedili motorizzati posteriori, che possono essere alzati e abbassati elettricamente. Tra l’altro, anche a distanza tramite app per smartphone. L’idea è che, invece di dover lottare con cinghie, chiusure, schienali e coperture tonneau rimovibili, è possibile configurare l’auto per il numero di passeggeri che si trasporta prima ancora di salire a bordo.

La funzione non è di serie sui modelli più bassi però, e non è molto utile se avete un carico nel bagagliaio che deve essere spostato o rimosso prima di poter convertire i sedili. Tuttavia, rimane una bella sette posti, con un fascino piacevole e un’atmosfera di lusso, che raccomanderemmo a qualsiasi grande famiglia con i mezzi per permettersela.

La buona notizia è che anche i veicoli nella specifica S entry-level ottengono sette posti standard, con ancoraggi Isofix su quattro dei cinque sedili posteriori. Bisogna salire fino al grado HSE per avere accesso a quei sedili pieghevoli “intelligenti” motorizzati e gestiti da app, però, e anche allora bisogna ordinarli come opzione di costo.

La Discovery ha ricevuto un facelift all’inizio del 2021, ottenendo sospensioni, cabina e stile esterno sottilmente rivisti. La gamma di motori ora è composta da quattro e sei cilindri a benzina opzionali e un paio di sei cilindri diesel, tutti con varie quantità di ibridazione mite. Non ci sarà nessuna versione ibrida plug-in, perché Land Rover ha sostenuto che gli acquirenti non vorrebbero sacrificare i posti necessari per questo.

Skoda Kodiaq

Skoda si è ramificata nel mercato dei SUV a sette posti nel 2016, lanciando un’auto che ha diviso la differenza tra le opzioni full-size e mid-size abbastanza abilmente. Il Kodiaq ha una grande cabina e un bagagliaio generoso per un’auto del suo prezzo e dimensioni. Tutte le versioni di esso hanno sette posti standard.

L’unica problematica è la larghezza dell’abitacolo. Poiché il sedile centrale della seconda fila non può essere fatto scorrere in una posizione sfalsata rispetto a entrambi quelli esterni, è difficile ottenere tre seggiolini per bambini installati fianco a fianco. Inoltre, l’organismo di crash test Euro NCAP conferma che i sedili più arretrati non sono omologati nemmeno per i seggiolini di sicurezza con cintura, e l’accesso ad essi può essere un po’ stretto.

La gamma di motori della Kodiaq è piuttosto ampia, offrendo un’ampia scelta sia sul lato benzina che su quello diesel, e l’auto è piacevole e facile da guidare, anche se un po’ ferma in alcune versioni.

Mercedes GLB

Mercedes ha adottato un’interessante strategia di design con il suo nuovo SUV più piccolo. L’auto è disponibile nelle versioni GLB 200 benzina e nelle versioni a benzina AMG -35. Anche il motore a benzina contribuisce a una qualità di guida che è impressionante. Tutto ciò grazie anche agli ammortizzatori adattivi.

Le sedi della fila centrale possono scorrere avanti e indietro, e offrono spazio decente agli adulti. Tuttavia, le sedie posteriori sono molto più piccole e sono utili soltanto per i bambini. Quattro dei cinque sedili posteriori hanno punti di sicurezza Isofix.

Una versione ibrida plug-in a risparmio fiscale dell’auto è prevista, ma è probabile che sia un rigoroso cinque posti.

Land Rover Discovery Sport

La più piccola Land Rover della gamma (lasciando da parte le Range Rover per ora) ha sette posti a sedere, a patto di evitare il motore diesel D150 a trazione anteriore. Pochi dei suoi rivali diretti SUV di medie dimensioni offrono la stessa sistemazione dei passeggeri, che è un punto di forza per la Land Rover. Tuttavia è adatta solo per le famiglie che potrebbero fare un uso molto occasionale di quelle sedie posteriori extra.

I sedili posteriori della Discovery Sport non sono così grandi come altri. È possibile, in linea di principio, fare spazio extra per le gambe facendo scorrere le sedie della fila centrale in avanti come necessario, ma non c’è molto da risparmiare nella seconda fila. Inoltre, c’è poco spazio disponibile per il bagagliaio se si usa regolarmente l’auto in modalità a sette posti, rendendola molto più di una sette posti occasionale di quanto potrebbe essere la Discovery più grande.

L’esperienza di guida è impressionante per la sua comodità, e nelle forme 4WD ha più capacità, anche se i motori diesel Ingenium di Land Rover quattro-cilindri non sono abbastanza forte quanto gli equivalenti di Audi, BMW o Mercedes. La versione ibrida plug-in P300e, al top della gamma, è un’altra rigorosa cinque posti.

BMW X5

Uno showroom BMW non è il posto migliore per trovare auto a sette posti. La Serie 2 Gran Tourer è una delle più accessibili, ma dovete scalare la gamma di X-car SUV fino alla X5 prima che troviate un’opzione a sette posti all’interno. Tuttavia, l’auto parte da 60.000 sterline.

Se si opta per questa, otterrai sedili scorrevoli e pieghevoli elettricamente, in modo da facilitare l’accesso. Lo spazio della terza fila è appena abbastanza grande per gli adulti di altezza media; i bambini saranno più comodi, anche se non ci sono seggiolini Isofix.

L’esperienza di guida della X5 è una buona pubblicità per l’auto. Si gestisce bene e ha un sacco di prestazioni e grande guidabilità con le sue opzioni di motore più costose. Va notato, però, che sia la versione ibrida plug-in 45e che la versione a benzina M50i sono solo a cinque posti, e lo stesso vale per la X5 M da 110.000 sterline.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I dieci migliori fuoristrada e 4×4 del 2021

Le migliori auto elettriche di piccole dimensioni

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media