Opel Corsa: nuovi dettagli sul restyling

Tra le varie cose, potrebbe anche approfittarne per abbandonare il diesel.

La Opel Corsa ha avuto una strana vita per un po’ di tempo. Lanciata nell’estate del 2019, questa sesta generazione non è nata in un mondo molto tranquillo. Ebbene, quella che conosciamo da due anni e mezzo non avrebbe mai dovuto avere questo aspetto.

Quando PSA ha acquistato Opel nel 2017, il rinnovamento della Corsa era quasi completo. Tuttavia non era convincente per Carlos Tavares, che ha abbandonato i prototipi che erano già sulla strada.

Giurando solo sulla razionalizzazione industriale, il capo del gruppo ha costretto le squadre del Blitz a vestire una Peugeot 208 ancora in gestazione. Questa fretta si riflette nel design di una Corsa vicino al suo cugino francese. Resta il fatto che, due anni dopo, Opel è ancora una volta costretta a riprogettare la sua city car.

Opel Corsa: un nuovo rifacimento

Dopo l’urgente riprogettazione della Corsa 6, Tavares ha chiesto ai team Blitz di trovare una forte identità visiva. Questo era tanto più evidente in un momento in cui PSA si stava fondendo con FCA per diventare Stellantis. Nell’estate del 2020, il “Vizor” della nuova Mokka diventa l’espressione fisica di questa nuova direzione stilistica. Non importa se la Corsa è sul mercato solo da due anni: è arrivato il momento di adottare il look “della casa”, mentre la 208 aspetterà fino al 2023.

Il problema è che la city car tedesca non è stata costruita intorno alla Vizor come la Mokka o la nuovissima Astra.

Dovrà quindi adattarsi, come i SUV Crossland e Grandland hanno fatto qualche tempo fa, collegando i suoi fari con una banda nera. Il restyling potrebbe anche essere molto visibile all’interno, con l’arrivo di un pannello di strumenti in stile Pure Panel. Questo richiederà una completa riprogettazione del cruscotto, ma il Grandland ha appena dimostrato che un facelift di metà carriera non sempre significa risparmio.

opel corsa restyling

Più gamma per la Corsa elettrica

Dal punto di vista meccanico, la Corsa potrebbe approfittare di questo esercizio di metà carriera per abbandonare il diesel, dato che è una delle ultime city car ad offrirlo ancora nel 2021. Nessun cambiamento per il 1.2 PureTech con potenze ancora comprese tra 75 e 130 CV.

Tuttavia, la Corsa elettrica beneficerà dei miglioramenti della gestione dell’energia previsti su tutte le auto elettriche PSA. La gamma della Corsa-e potrebbe quindi essere di circa 400 km sul ciclo WLTP, ma la sua potenza rimarrà a 136 CV.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali auto verranno davvero acquistate nel 2021?

Mini: una nuova Cooper e Countryman nel 2023, un piccolo crossover più tardi

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media