Notizie.it logo

Parcheggio selvaggio auto a Roma: la provocazione di PornHub

Parcheggio selvaggio auto

Il parcheggio selvaggio delle auto a Roma è diventata un'abitudine per centinaia di automobilisti: per questo PornHub ha lanciato questa provocazione.

A Roma è ormai un must il parcheggio selvaggio delle auto fra le vie della capitale. Come in moltissime altre città Italiane mancano infatti gli spazi comuni per posteggiare la macchina e ci si ingegna all’occorrenza. Spesso però in strada si vedono dei posteggi davvero incredibili: dalle auto sulle rotaie del tram, ai marciapiedi inagibili fino alle aree verdi piene di macchine. Quando le situazioni diventano pericolose, come i posteggi ai bordi degli incroci o in tripla fila, intervengono le forze dell’ordine sanzionando e rimuovendo le auto in posteggio “selvaggio”.

Parcheggio selvaggio auto a Roma: PornHub

“La tua auto è su PornHub” seguito da un QR code che si ricollega ad un video, proprio sul famoso sito per adulti, chiamato “Roma Wild Parking”. Questo è il messaggio su carta che si sono ritrovati qualche giorno fa tantissimi automobilisti.

Una provocazione scherzosa e non diffamante che serve forse a far riflettere su quanto male si posteggia per evitare qualche metro a piedi. O anche una provocazione non solo al cittadino, ma ai servizi offerti dalla capitale, forse male organizzati per una città così tanto motorizzata.

Parcheggio selvaggio auto pornhub

I quartieri Testaccio e Prati di Roma sono stati i primi a ricevere gli avvisi. Vista l’efficacia imbarazzante del progetto però, si pensa che l’evento potrà verificarsi anche in altre zone di Roma e magari città Italiane.

Sanzioni e multe posteggio “selvaggio”

Non è sanzionato come posteggio “selvaggio” ma bensì suddiviso rispetto al reato del codice della strada commesso. I più gravi reati sono il posteggio sul posto riservato ai portatori di handicap, sulle strisce pedonali e in prossimità di incroci, soprattutto se a scorrimento veloce.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche