Quali sono i diversi tipi di spine per auto elettriche?

Tutto ciò che devi sapere sui vari tipi di cavi e spine.

Per molti potenziali acquirenti di EV, uno degli aspetti più confusi sono i diversi tipi di spine per auto elettriche. A differenza delle tradizionali auto con motore a combustione interna, che usano tutti ugelli simili per ricevere il loro pieno di carburante, con le auto elettriche ci sono almeno cinque diverse spine.

Tuttavia, come mostra la nostra pratica guida, è più semplice di quanto sembri, e in futuro probabilmente lo sarà ancora di più.

Ad ogni modo, ogni tipo di ricarica ha un costo specifico in base a diversi fattori.

Spine per auto elettriche di tipo 1

Questo connettore a cinque pin è molto usato in Nord America, ma nel Regno Unito e in Europa è stato ampiamente sostituito dal tipo 2. Detto questo, lo troverai ancora su alcuni vecchi EV, come le versioni di prima generazione della Nissan Leaf e della Kia Soul EV.

L’ibrido plug-in Mitsubishi Outlander PHEV continua a usare questo connettore. Questo sistema è progettato solo per la ricarica lenta e veloce. Mentre è improbabile trovare un caricatore pubblico di tipo 1 vincolato, gli EV con questo sistema dovrebbero avere un adattatore che permette loro di essere collegati a punti di ricarica non vincolati.

Spine per auto elettriche di tipo 2

Di gran lunga la spina più comune in Europa, il tipo 2 è talvolta chiamato Mennekes, in riferimento all’azienda tedesca che ha progettato il connettore.

La recente legislazione dell’UE significa che la maggior parte delle case automobilistiche ora devono montare questa spina a sette poli come standard. Ciò significa che quasi tutti i punti di ricarica pubblici collegati avranno una spina di tipo 2.

Come il Tipo 1, questo sistema è progettato per funzionare con la ricarica lenta e veloce. Tuttavia, può anche gestire i 22kW forniti da un’alimentazione trifase, anche se dovrai controllare che la tua auto possa accettare questo tasso di carica.

L’ultima Renault Zoe può anche gestire la ricarica fino a 43kW in uno dei rari siti di ricarica rapida AC. Le Tesla Model S e Model X usano un tipo 2 modificato che permette loro di caricare sia nella rete Supercharger dell’azienda che in una wallbox domestica.

A differenza del connettore di tipo 1, il tipo 2 può essere bloccato all’auto, assicurando che nessuno possa scollegare l’auto mentre è in carica e tu sei lontano dal veicolo.

Spine per auto elettriche combinate

Il Combined Combination System, o CCS, è il connettore più popolare per la ricarica rapida. La maggior parte dei nuovi modelli EV puri sono dotati di questo tipo di presa, che permette essenzialmente di caricare sia a un caricatore rapido pubblico che a un’unità domestica. Questo è anche il sistema che Tesla ha iniziato ad adottare in Europa, rendendolo standard sulla Model 3.

Essenzialmente combina la pesante presa DC a 2 pin con il fissaggio a 7 pin di tipo 2. Quando si vuole ricaricare la batteria in una stazione di ricarica rapida, basta inserire il connettore CCS legato nella tua auto. A seconda del caricabatterie e del veicolo, è possibile accettare fino a 350kW di corrente. Tuttavia, mentre la spina CCS si collega con entrambe le prese del caricatore nell’auto, è solo l’elemento a 2 pin in basso che viene utilizzato per trasferire l’elettricità alla batteria. Quando stai caricando a casa, usa semplicemente la tua spina di tipo 2 per la metà superiore della presa.

Spine per auto elettriche CHAdeMO

CHAdeMO è l’abbreviazione di “Charge de Move” dal suono piuttosto enigmatico, ed è uno dei primi sistemi di ricarica rapida a corrente continua. Ideato nel 2010 in Giappone, è ancora il connettore preferito da Honda, Mitsubishi, Nissan, Subaru e Toyota. Come il sistema CCS, è usato per la ricarica rapida ed è attualmente in grado di trasportare fino a 400kW. I fornitori di tecnologia cinese cercano di arrivare a 900kW.

A differenza del suo rivale CCS, CHAdeMO richiede che l’auto abbia due spine separate per la ricarica rapida e lenta/veloce. Questo non è necessariamente una seccatura dal punto di vista dell’usabilità, ma significa uno sportello di accesso molto più grande, che può essere più difficile da inserire nello stile dell’auto.

Mentre CHAdeMO è meno popolare in Europa rispetto al CCS, ha un asso nella manica. Si tratta della capacità di trasportare la corrente elettrica in due direzioni, che in teoria permette il trasferimento di energia “dal veicolo alla rete”. Ancora in fase iniziale, questa tecnologia permette di utilizzare parte dell’elettricità del tuo veicolo per alimentare parzialmente la tua casa.

Presa domestica

Quasi tutti i veicoli elettrici hanno la possibilità di essere caricati da una presa domestica usando una familiare spina a 3 poli. Questo caricabatterie si inserisce semplicemente nella presa di casa ed è collegato a un piccolo trasformatore che ha una spina di tipo 1 o 2 all’altra estremità. È raccomandato come soluzione di emergenza, perché un uso prolungato può danneggiare l’impianto elettrico di casa. Inoltre non deve mai essere usato con una prolunga.

spine per auto elettriche quali sono

CEE

Popolare con le prime auto elettriche, come la G-Wiz, questo è anche conosciuto come “connettore da campeggio”. Si riferisce alla spina dell’alimentazione ed è lo stesso tipo usato dai campeggi per fornire energia elettrica alle roulotte. È possibile installarlo in casa, dove fornirà una carica lenta di 3kW, ma ha anche il vantaggio di funzionare con un’alimentazione trifase standard industriale per la ricarica veloce fino a 22kW.

Tesla Supercharger

È più che probabile che tu abbia familiarità con la rete Tesla Supercharger, con molti servizi autostradali che ospitano questi punti di ricarica multipli. Disponibili esclusivamente per i proprietari di Tesla, tutti i caricatori sono dotati di cavi collegati e del connettore di tipo 2. Con l’avvento della Model 3 la rete sta anche implementando la connettività CCS.

Cavi di ricarica per auto elettriche

Cavo di ricarica di tipo 2

Questo è il cavo di ricarica lenta o di mantenimento più elementare. È quello che riceverai con l’auto, con una spina a 3 pin a un’estremità e un connettore di tipo 1 o 2 all’altra. Inoltre è presente un trasformatore elettrico nel mezzo.

Cavo di ricarica di tipo 3

Il secondo cavo che dovresti avere con l’auto è il Tipo 3, che ti permette di connetterti a un punto di ricarica pubblico non vincolato o a un wallbox domestico. La maggior parte ha un connettore di tipo 2 all’estremità del caricatore, poi – a seconda dell’auto – una spina di tipo 1 o 2 all’altra.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quanto sono sicure le auto elettriche?

Pneumatici auto: tutto quello che c’è da sapere

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media