Quanto costa caricare un’auto elettrica?

Prezzi, soluzioni e vantaggi.

Quanto costa caricare un’auto elettrica? Ebbene, una delle ragioni per scegliere di passare all’elettrico è il potenziale risparmio di denaro offerto. In molti casi, l’elettricità è più economica dei carburanti tradizionali come la benzina o il diesel, talvolta costando più della metà per un “pieno di carburante”.

Tuttavia, tutto dipende da dove e come si carica, quindi ecco la nostra guida approfondita che risponderà a tutte le vostre domande.

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica a casa?

Secondo la campagna per i veicoli elettrici Go Ultra Low, sostenuta dal governo, circa il 90% dei proprietari caricano i loro EV a casa. Si tratta del modo più economico per ricaricare. Naturalmente, dipende dall’auto che stai caricando e dalla tariffa del tuo fornitore di energia elettrica, ma nel complesso non costerà tanto quanto un veicolo tradizionale.

Per esempio, una Nissan Leaf dovrebbe costare meno di 5 sterline per una carica completa, anche con le tariffe più costose. Tutto ciò avendo fino a 200 miglia di autonomia. Meglio ancora, investite in una delle ultime wallbox “intelligenti” e potrete usare un’app sul vostro telefono per programmare la carica, tipicamente durante la notte.

Quanto costa installare un punto di ricarica a casa?

Potete semplicemente usare il caricabatterie a tre poli fornito dalla fabbrica, ma i tempi di ricarica sono lunghi.

Pertanto, è meglio usare un’unità dedicata montata a muro, che può caricare fino a 7kW, più del doppio della velocità dell’alternativa a tre spine.

Ci sono diversi produttori tra cui scegliere, più una scelta di layout vincolati (con un cavo di ricarica permanentemente attaccato) o non vincolati. Indipendentemente da quale sceglierete, avrete bisogno di un elettricista qualificato sia per controllare il cablaggio domestico, sia per installare la scatola.

Quanto costa una stazione di ricarica pubblica?

Di nuovo, questo dipende dalla vostra auto e dal modo in cui la usate, perché ci sono numerose opzioni quando si tratta di stazioni di ricarica pubbliche. Per esempio, se avete bisogno di ricaricare solo quando siete in giro di rado, allora è possibile un metodo pay-as-you-go. Il recente arrivo di Instavolt funziona su questo principio, richiedendo nient’altro che il pagamento senza contatto, poiché quando avete bisogno di ricaricare, altri fornitori addebitano una tariffa oraria.

Se si viaggia più frequentemente, allora fornitori come BP Pulse offrono un servizio di abbonamento con un canone mensile di poco meno di 8 sterline. Ciò dà accesso gratuito a circa l’80% della sua rete di 8000 caricabatterie. Potete usare questi caricatori a pagamento con una carta bancaria senza contatto, ma vi verrà addebitata una tassa di connessione di £1,20.

Vale anche la pena ricordare che alcuni hotel e centri commerciali offrono la ricarica gratuita ai clienti. L’uso diffuso di applicazioni per smartphone per tutti i fornitori rende facile vedere dove sono i punti di ricarica, quanto costa usarli e se sono gratuiti. In questo modo potete facilmente attingere a un fornitore che si adatti alle vostre esigenze e al vostro budget.

caricare un'auto elettrica quanto costa

Molti produttori offrono anche una ricarica semplificata dando accesso a numerosi fornitori. Per esempio, l’account E-tron Charging Service di Audi dà accesso a quasi 20 diverse aziende di energia, mentre tutte le nuove E-tron sono dotate di un voucher che copre gratuitamente le prime 1000 miglia di ricarica. I proprietari di Tesla ottengono la loro rete dedicata di ricarica rapida Supercharger, più un certo numero di caricatori veloci di destinazione in luoghi come gli hotel. I proprietari di una Model S o Model X immatricolata prima del 2017 hanno diritto alla ricarica gratuita, mentre i proprietari di auto successive saranno attualmente addebitati a una tariffa di 26p per kWh.

Quanto costa la ricarica in autostrada?

Pagherete un po’ di più per caricare un’auto elettrica in una stazione di servizio autostradale, in gran parte perché la maggior parte dei caricatori sono unità veloci o rapide. Fino a poco tempo fa, Ecotricity era l’unico fornitore in questi luoghi, con circa 300 caricatori disponibili, ma ora è stato raggiunto da aziende come Ionity. Nel caso di Ecotricity, c’è una scelta di opzioni di ricarica sia AC che DC, tutte con un tempo massimo di utilizzo di 45 minuti. Ci sono solo una manciata di caricatori veloci AC rimasti, ma sono gratuiti da usare con una carta RFID Ecotricity.

Quanto costa caricare un’auto elettrica al lavoro?

È ancora presto quando si tratta di aziende che permettono ai dipendenti di caricare un’auto elettrica. Di solito, non vi verrà addebitato di collegarvi quando arrivate al lavoro, e in effetti potrebbe essere vantaggioso per il vostro datore di lavoro.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come caricare l’auto elettrica a casa: tutti i dettagli

Le dieci migliori auto elettriche per il traino

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media