All’Europa non piace il bonus statunitense sulle auto elettriche

Gli Stati Uniti vogliono concedere un credito d'imposta per le auto elettriche, a condizione che abbiano una batteria americana nel telaio. Questo penalizza i produttori europei.

Il nuovo bonus statunitense sulle auto elettriche non fa impazzire l’Europa. L’Inflation Reduction Act (IRA) è un importante piano climatico e sanitario del Presidente Joe Biden che sta per essere approvato dalla Camera dei Rappresentanti. Una delle sue misure mira a promuovere le vendite di veicoli elettrici nel Paese.

I clienti di questo modello potranno beneficiare di un credito d’imposta fino a 7.500 dollari. Tuttavia, questo aiuto sta provocando una reazione dall’altra parte dell’Atlantico.

All’Europa non piace il bonus statunitense sulle auto elettriche

Innanzitutto, l’incentivo è disponibile solo per i veicoli costruiti negli stabilimenti americani. E non è tutto: la batteria deve anche essere prodotta negli Stati Uniti, con materiali reperiti sul territorio americano! Per gli americani, l’idea è di incoraggiare la produzione locale per essere meno dipendenti dalla Cina.

Queste condizioni non piacciono all’Unione Europea, che ritiene che queste regole non siano compatibili con quelle dell’OMC, l’Organizzazione Mondiale del Commercio. Una portavoce dell’UE ha dichiarato: “I crediti d’imposta sono un importante incentivo per incoraggiare la domanda di auto elettriche […], ma dobbiamo assicurarci che le misure introdotte siano eque”.

bonus auto elettriche europa

Anche i produttori non sono favorevoli a queste condizioni. Secondo l’amministratore dell’Alliance for Automotive Innovation, che raggruppa quasi tutti i produttori statunitensi, circa il 70% delle auto elettriche negli Stati Uniti non sarebbe ammissibile al credito d’imposta.

L’Alleanza sostiene che i criteri per l’origine dei componenti delle batterie dovrebbero essere ampliati per “includere i Paesi produttori che hanno accordi di difesa collettiva con gli Stati Uniti, come i membri della NATO, il Giappone e altri”.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media