Auto elettriche 2022: presto tutte da 800V?

Mentre ci sono diverse tecnologie di batterie, la tensione del sistema determina molte cose cruciali, a partire da un punto che è spesso discusso: il tempo di ricarica.

Le auto elettriche a partire dal 2022 potrebbero inevitabilmente cambiare? E soprattutto, in bene o in male? Il lancio di una tecnologia sul mercato dei consumatori si fa sempre più o meno nello stesso modo. Il meglio è dapprima riservato a coloro che possono permetterselo, ma un’innovazione che fa parlare la gente è spesso presa dalle masse qualche tempo dopo la sua introduzione.

Più la gente è interessata, più gli industriali sono inclini a investirci, perché vedono un potenziale di vendita abbastanza alto. E più un prodotto è disponibile, più economico diventa, sia per i produttori che per i consumatori.

Quando la Porsche Taycan è arrivata sul mercato, è stata la prima auto elettrica (in Europa, almeno) ad avere un sistema che funzionasse a 800 V. Questa è stata una piccola rivoluzione, poiché Porsche ha potuto annunciare che era la prima auto elettrica ad avere un sistema simile.

Insomma, è stata una piccola rivoluzione, poiché Porsche è stata in grado di annunciare 270 kW di potenza di carica, una cifra mai vista prima. L’Audi e-tron GT seguì poco dopo, condividendo la piattaforma e la tecnologia con la Porsche.

Auto elettriche 2022: democratizzare la tecnologia

Data la buona stampa per le auto tedesche, non è sorprendente che i produttori mainstream abbiano guardato da vicino la questione, ed è stato il gruppo Hyundai/Kia a fare la prima mossa.

Ha progettato una piattaforma dedicata, la e-GMP, che è utilizzata nella Hyundai Ioniq 5 e nella Kia EV6. Con prezzi molto più ragionevoli del tandem Taycan/e-tron GT, a partire da 41.100 euro e 48.690 euro rispettivamente, i coreani contribuiscono alla democratizzazione di questa soluzione tecnica. L’interesse principale è quello di ridurre i tempi di ricarica.

Auto elettriche 2022 ricarica

Nel 2022, questo è ancora il punto di discussione. L’autonomia sta diventando sempre meno un problema, ma la persona media deve essere in grado di ricaricare rapidamente. In caso contrario, si allontanerà rapidamente dalle auto elettriche, che altrimenti sono troppo restrittive non appena si fa più di un viaggio urbano. Gli 800V sono il modo per accettare cariche di potenza molto elevate senza richiedere macchinari più imponenti dei 400V che equipaggiano la maggior parte delle altre auto elettriche sul mercato. L’efficienza energetica dell’intero pacchetto è anche un po’ migliore, rendendolo più attraente per tutti. Dirk Kesselgruber, capo della divisione motori elettrici di GKN, ha detto: “Entro il 2025, la maggior parte dei nuovi modelli saranno 800V”.

Auto elettriche 2022: l’infrastruttura gioca un ruolo chiave

Ma c’è una fregatura. Per il momento, solo Ionity ha una rete in Europa in grado di fornire fino a 350 kW di potenza in condizioni ideali. Tuttavia, se vogliamo puntare sulla democratizzazione della ricarica molto veloce, dovremo lavorare il doppio per offrire un’infrastruttura estesa e affidabile. Deve essere sufficiente ad assorbire l’afflusso annuale di migliaia di nuove auto elettriche. Dato che Ionity è formato in parte da un consorzio di produttori, c’è una buona probabilità che una rete abbastanza grande emerga nei prossimi anni. Ma questo non toglie che siamo in un momento cruciale nel settore automobilistico, dove l’avanzamento a due velocità tra la tecnologia delle auto elettriche e quella della ricarica non aiuta.

Così, questi 800V avranno veramente effetto solo quando tutti gli automobilisti avranno accesso a una soluzione di ricarica che corrisponda alle prestazioni promesse.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media