Auto Elettriche: come funzionano

Auto Elettriche, in questo articolo dedicato vi spieghiamo come funzionano e quali elementi le compongono.

Auto Elettriche, già al solo scriverlo alcuni storceranno il naso in quanto non accettano di buon grado l’arrivo di questa nuova tipologia di vetture volte al benessere del nostro pianeta dato che non hanno emissioni. In questo articolo non parleremo della loro efficienza ma ci concentreremo sul loro funzionamento tentando di spiegarlo in modo comprensibile.

Auto Elettriche: come sono composte

Gli elementi principali che compongono un’automobile elettriche sono 3: il motore, spesso è uno solo ma è possibile che alcune case dotino le loro vetture di due motori, uno per asse, permettendo all’auto di avere anche la trazione integrale.

La batteria che funge da serbatoio dato che questa permette di fornire autonomia al veicolo, quando questa si riduce si ricorre alla ricarica della stessa. Anche se è bene definire la batteria il motore dell’auto in quanto è questa che la alimenta e ne permette il funzionamento.

Ultimo elemento ma non per importanza l’inverter che trasforma la corrente da continua in alternata o viceversa a seconda delle richieste del motore.

Auto Elettriche: come funzionano

Da notare inoltre l’assenza della trasmissione, infatti il motore elettrico è capace di fornire la massima coppia motrice appena è in movimento. Il motore è quindi collegato alle ruote tramite un riduttore ad ingranaggi dalla rapportatura fissa.

E’assente oltre alla trasmissione anche la frizione dato che non vi è la necessità di scollegare le ruote dal motore.

I comandi di bordo sono quindi molto simili a quelli che si possono trovare a bordo di una vettura dotata di un cambio automatico (due pedali, acceleratore e freno, una leva che permette di impostare il movimento della vettura, il suo fermarsi e l’eventuale posizione da parcheggio che permette alla vettura di star ferma come se fosse dotata di freno a mano).

Sono assenti anche i tubi di scappamento e la strumentazione è completamente digitale.

La ricarica della batteria avviene lasciando il pedale dell’acceleratore di conseguenza sulle vetture elettriche si riduce notevolmente l’utilizzo dei freni rispetto alle auto dotate del motore tradizionale.

Se l’autonomia si esaurisce l’auto si ricarica tramite prese di corrente (solitamente 2, una per gli impianti domestici e l’altra dedicata alle prese di ricarica rapida). Le auto vecchie le hanno al posto del classico bocchettone, nelle nuove invece sono posizionate nella parte frontale dell’auto.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media