Le auto elettriche con più autonomia: top 5 modelli a quattro ruote

Le auto elettriche con più autonomia sono sempre più richieste dal mercato. Quali sono le migliori per prestazioni tra batteria e chilometri percorsi?

Le auto elettriche con più autonomia utilizzano la ricarica a casa o alla colonnina per trasformarla in chilometri percorsi. Le prestazioni della batteria in questi modelli hanno la stessa importanza delle prestazioni del motore a benzina per i modelli Diesel o GPL.

Oltre a valutare i pro e contro dell’auto elettrica, quali sono i modelli che offrono prestazioni maggiori a parità di “pieno” elettrico? Ecco le 5 auto elettriche con più autonomia a disposizione nel 2021.

1. Auto elettriche con più autonomia: Mercedes EQS

La Mercedes EQS è un’auto elettrica con una batteria da 107,8 chilowattora. Non ha nulla a che invidiare ai modelli a benzina, sia per il design degli interni, sia per l’autonomia.

Con un “pieno” elettrico riesce a fare 770 chilometri. In più, può contare su 389 cavalli. All’interno sono disponibili di serie alcune chicche tecnologiche, ideali anche per chi non è un esperto di tecnologia.

2. Auto elettriche con più autonomia: Tesla Model S Plaid

Se si parla di auto elettriche non più autonomia, non si può non avere in classifica almeno una Tesla. La casa automobilistica di Elon Musk è stata la prima a progettare auto elettriche.

Questo modello ha tre motori elettrici, per una potenza di 1020 cavalli. L’autonomia è di compromesso, cioè circa 644 chilometri. Lo 0 a 100 si fa in 2 secondi netti. Una volta ricaricata un minimo, si ottiene subito un’autonomia di 300 chilometri in 15 minuti.

3. Auto elettriche con più autonomia: Ford Mustang Mach-E

La Ford Mustang Mach-E ha una batteria da 99 chilowattora. Una volta ricaricata, permette di ottenere 610 chilometri di autonomia, il che non è affatto male.

Ci sono diverse versioni per questo modello. Quella con due ruote motrici offre 294 cavalli. Quella con 4 ruote motrici e 2 unità a corrente, invece, può arrivare 337 cavalli.

4. Auto elettriche con più autonomia: Volkswagen ID.3 Tour

La Volkswagen ID.3 Tour è un’auto compatta. Rispetto ai modelli sportivi visti prima, le dimensioni dipendono dal tipo di motore. Tra le auto elettriche con più autonomia, permette di affrontare con sicurezza 541 chilometri con una ricarica. La batteria è da 77 chilowattora. La versione Tour si presenta come una moderna berlina, quindi è molto interessante per chi cerca un’auto elettrica semplice da gestire.

5. Auto elettriche con più autonomia: Skoda Enyaq 80 iV

La Skoda Enyaq 80 iV è al quinto posto solo per poco. Con un’autonomia di 537 chilometri con una ricarica e una batteria da 77 chilowattora, si ricarica in 11 ore completamente. La potenza è di 804 cavalli. Permette di muoversi agevolmente in città e ha tutto lo spazio che serve. Ideale per una famiglia, è grande, ma non un SUV.

Auto elettriche con più autonomia: a cosa fare attenzione

Le auto elettriche con più autonomia si possono acquistare con gli incentivi, ma come scegliere quella giusta? Le auto elettriche vanno solo a ricarica elettrica, quindi niente benzina e niente emissioni. L’ambiente ringrazia, ma si deve fare attenzione ad alcuni aspetti quando si sceglie un’auto elettrica.

Quanti chilometri percorre l’auto elettrica al giorno in media è uno di questi aspetti. Se l’auto deve percorrere 20 chilometri giornalieri, è bene che abbia un’autonomia di 100 chilometri con una ricarica. Avere in dotazione uno schermo con i consumi in tempo reale aiuta durante la guida, soprattutto la prima volta che si scegle un’auto elettrica.

Le auto di tipo elettrico accumulano energia quando frenano o sono ferme. Questo aumenta le prestazioni della batteria, quindi è bene dare un’occhiata alla scheda tecnica quando si sceglie questo tipo di auto.

Per migliorare la sicurezza alla guida, conviene verificare il peso totale dell’auto senza passeggeri, ma con batteria inclusa. Un’auto dal peso medio, non troppo leggera e non troppo pesante, aiuta nel controllo su strada.

La batteria si deve cambiare dopo un certo numero di anni, perché le prestazioni diminuiscono. Funziona come le batterie degli smartphone. Al momento dell’acquisto, conviene trovare i contatti di chi può sostituire la batteria.

Scritto da Annarita Faggioni
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Royal Enfield Classic 350, la naked classica rivista in chiave moderna

Nuova Citroën C3: il SUV che non avremo

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media