Pro e contro delle auto elettriche: come si vivono?

Tutti i vantaggi (e svantaggi) degli EV in circolazione.

In questo articolo analizzeremo i pro e contro delle auto elettriche. L’adozione di EV sta aumentando, ma come sono i veicoli elettrici con cui vivere? Le persone rimpiangono di aver rinunciato alle auto a benzina e diesel e soffrono di ansia da autonomia? O ci sono solo vantaggi una volta che ci si impegna a motorizzare a batteria?

Oltre a testare su strada ogni EV in vendita oggi, viviamo con loro per mesi e mesi per sottoporli alla prova su strada più estenuante di tutte: la vita quotidiana.

Valgono il prezzo o ci sono costi nascosti nel possedere un’auto elettrica? Sono facili da collegare e caricare in condizioni reali? E l’autonomia elettrica è quella dichiarata dai produttori?

Le vendite di auto elettriche decollano nel Regno Unito

Il numero di EV puri registrati nel Regno Unito nel 2020 è quasi triplicato a 108.205. Per dare un po’ di contesto, i veicoli elettrici a batteria (BEV) costituivano solo l’1,6% del mercato britannico delle auto nuove nel 2019, e l’anno scorso sono saliti al 6,6%.

Una trasformazione significativa sta avvenendo sotto i nostri occhi.

L’evidenza suggerisce che poche persone che fanno il grande passo e vanno in elettrico poi tornano a un motore a combustione interna (ICE). I benefici tipici includono:

  • Emissioni pulite dal tubo di scappamento soddisfano la tua coscienza
  • I costi di rifornimento sono in genere meno della metà di quelli di un’auto a benzina
  • Non dovrai mai più visitare un distributore di benzina
  • Guida tranquilla e silenziosa e forte accelerazione
  • Nessuna tassa di circolazione annuale VED per i veicoli elettrici a zero emissioni
  • Grandi risparmi nella tassa sulle auto aziendali per gli utenti aziendali
  • Funzioni di preriscaldamento e app grazie alla scheda SIM collegata

Mentre gli svantaggi di possedere un’auto elettrica includono:

  • Sono tipicamente più costosi da acquistare in primo luogo
  • L’autonomia può essere impegnativa: pensa alle tue esigenze quotidiane
  • L’infrastruttura di ricarica è disomogenea: controlla la tua zona
  • Possedere un’auto elettrica se si vive in un appartamento senza un vialetto rende difficile la ricarica in casa

Sheen Horton noleggia una BMW i3: “Non possiamo immaginare di tornare indietro”

“Fare il salto verso la proprietà di un veicolo elettrico è stato molto più facile di quanto avremmo pensato. L’autonomia non è un fattore limitante, certamente non per l’uso quotidiano, e abbiamo anche preso la nostra i3 per un viaggio di 220 miglia dalle Midlands al Devon. La preparazione è la chiave – calcola il chilometraggio e pianifica le soste in base alle tue pause (utile quando hai un bambino) e alla disponibilità di caricabatterie rapidi lungo il percorso (Zap-Map è tuo amico).

Il nostro unico problema è stato l’installazione di un caricabatterie nella nostra vecchia casa dove l’elettricità è su un sistema ad anello con i nostri vicini. Per ottenere la potenza necessaria, la compagnia elettrica ha dovuto scavare un nuovo cavo (a loro spese), il che significa che ci siamo caricati con una spina a tre poli per i primi quattro mesi – non l’ideale, ma fattibile. A parte questo, i bassi costi di gestione, la potenza istantanea e la soddisfazione generale di gestire un veicolo senza emissioni sono stati un piacere costante. Non possiamo immaginare di tornare indietro”.

Tim Pollard ha vissuto con una Tesla Model S: “Tesla rimuove gli ostacoli dell’andare in elettrico”.

“Abbiamo trascorso mezzo anno con la Tesla Model S in versione 85D (un modello e una capacità di batteria che non è più disponibile). La start-up di Elon Musk ha sfondato tante convenzioni nell’industria automobilistica e lo ha dimostrato nel nostro test esteso. Il genio di Tesla è duplice. In primo luogo, la rete di ricarica proprietaria di Superchargers è brillante, eliminando in un colpo solo l’argomento dell’autonomia. I viaggi lunghi sono stati un gioco da ragazzi e il navigatore satellitare ha persino mostrato quanti posti erano disponibili in ogni stazione di ricarica. Inoltre, ha fornito la ricarica rapida anni prima che gli altri l’avessero capito. In secondo luogo, Tesla fa semplicemente delle ottime auto elettriche – la S aveva un aspetto europeo, un infotainment uscito direttamente dalla Silicon Valley e sembrava il futuro. Ed è ancora così – e rende l’andare in elettrico super facile”.

Jake Groves sulla vita con una Nissan Leaf: “Andare in elettrico è semplice”

“La coppia istantanea, la guida senza sensi di colpa in città (anche alcuni posti auto prioritari, se sei fortunato) e il fatto che la mia Leaf costa una sciocchezza per funzionare ha significato un sacco di sorpresa e di piacere. La vita all’interno di un EV è semplice: stacca la spina, accendi e vai. L’intero test, però, è stato un’enorme curva di apprendimento. Devi pianificare percorsi più lunghi verso nuove destinazioni una volta che hai imparato quale porta di ricarica ha la tua auto e quanto succo può prendere. L’accettazione del fatto che non tutti i caricabatterie funzioneranno senza problemi (o per niente) e la consapevolezza che la costa in alcuni casi può essere più utile che appoggiarsi alla rigenerazione dei freni quando si è in movimento”.

James Taylor ha vissuto con una Mini elettrica

“Vivere con una Mini Electric per sei mesi è stato divertente e mi sono affezionato all’auto. Lo svantaggio principale era la mia mancanza di capacità di ricarica a casa. Vivo in una terrazza media senza parcheggio fuori casa, e non ho modo di installare una wallbox. Per caricare l’auto, dovevo negoziare con i miei vicini gli orari in cui potevo bloccare il loro percorso e infilare un cavo attraverso la finestra della cucina o la cassetta delle lettere nella mia cucina o nel corridoio. La ricarica attraverso una spina a tre poli è un processo che richiede più o meno un’intera giornata lavorativa.

Meno di un problema quando si lavora da casa in isolamento, ma un ostacolo difficile altrimenti. Di conseguenza, spesso evitavo di guidare l’auto il giorno prima di un grande viaggio per assicurarmi di poter iniziare il viaggio con la batteria al 100%, e questo aveva un impatto sulla mia vita quotidiana. Nei grandi viaggi in autostrada, l’autonomia relativamente bassa dell’auto significava che dovevo pianificare in anticipo l’utilizzo dei punti di ricarica pubblici”.

L’esperienza di Phil McNamara con una Jaguar i-Pace

“Con una tariffa notturna economica, una carica della i-Pace ha totalizzato 8 sterline, quindi circa 20 sterline per 500 miglia. Un energico F-Pace twin-turbodiesel, anche se ancora giù 100bhp e un paio di secondi a 62mph sulla Jag elettrica, avrebbe bisogno di circa £ 78 a gas per 500 miglia. E c’è un indubbio fattore di benessere nell’emettere zero sostanze inquinanti in movimento”.

Andy e Louise Mayman e la loro Tesla Model 3: “Le auto elettriche sono simili a computer”.

“Abbiamo guidato una BMW Serie 4 prima, ma siamo passati a una Tesla Model 3 Standard Range. Nel complesso, è stato brillante. L’auto in sé è fantastica – avremmo lottato per ottenere questo livello di prestazioni in una normale auto a benzina o diesel. Eravamo un po’ nervosi prima di fare il grande passo, ma siamo rimasti piacevolmente sorpresi da quanto sia stato facile entrare e guidare. Ci è voluto un po’ per abituarsi alla frenata rigenerativa, ma ora è una seconda natura. Con le restrizioni di Covid, abbiamo fatto meno chilometri del normale, ma raccomandiamo comunque di acquistare tutta l’autonomia nella batteria che ci si può permettere. L’autonomia invernale è molto diversa da quella che potremmo fare nei più caldi mesi estivi. C’è un vero senso di comunità tra i proprietari di Tesla e questo ci piace. È un cancello a senso unico. Non torneremmo indietro e intendiamo passare a una Tesla Model Y”.

auto elettriche pro e contro

Ben Whitworth guida una Renault Zoe: “Le auto elettriche possono essere divertenti da guidare, oltre che economiche”.

“Ho scoperto che c’è molto da amare qui, al di là di quei costi di gestione di 3,1p per miglio. Fino a 40 miglia all’ora è divertente e lo sterzo veloce, anche se senza vita, significa che può essere spinto lungo in modo soddisfacente. La calibrazione dei pedali dell’acceleratore e del freno è eccellente, così come il livello ben calibrato di frenata rigenerativa nella modalità di guida “B” con un solo pedale”.

Keith Adams sui costi di possedere auto elettriche: “Assicurati di avere un caricabatterie installato a casa”.

“Assicurati prima che il tuo cablaggio di casa sia all’altezza. Come ho scoperto, se è vecchio o inferiore agli standard, probabilmente avrete bisogno di un nuovo cablaggio per garantire una fornitura chiara e senza errori di elettricità alla vostra auto. Questo può essere costoso, ma a lungo termine questo vi ripagherà in soldi di benzina risparmiati. È anche più economico di un caricabatterie pubblico da gestire. Il mio Pod Point fornirebbe 3,7kW, e di solito con una tariffa notturna si pagano 10p per kWh, che per il mio tragitto medio di 40 miglia si traduce in 80p al giorno. Con una tariffa più usuale di 14p per kWh per l’elettricità domestica, si tratta di circa 5 sterline a ricarica. Per avere un sorso decente di energia pubblica, l’80% costerebbe più di 2 sterline. Una ricarica completa a casa costa circa 3 sterline. Naturalmente, alcuni punti di ricarica pubblici sono gratuiti, ma sono sempre più rari”.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa c’è da sapere sui cambiamenti del Plug-in Car Grant

5 cose che non conoscevi del noleggio auto a lungo termine

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media