Cosa fare se si perde la targa

In caso di furto, smarrimento o distruzione di una o di entrambe le targhe è necessario, entro 48 ore, fare denuncia alla Polizia o ai Carabinieri, che ne prendono formalmente atto e ne rilasciano ricevuta. Importantissimo ai fini dell’iter, è che su tale ricevuto compaia ben visibile la data del giorno in cui è stata fatta denuncia.

Questo perchè ci sono quindici giorni di tempo, dalla presentazione proprio di questa denuncia, per poter ritrovare la targa. Nel contempo è possibile fabbricarne una provvisoria, con un pannello bianco di forma e dimensioni della targa originale, scrivendo chiaramente con inchiostro possibilmente indelebile, lettere e numeri della targa originale, applicando in maniera ben salda nella stessa posizione (secondo l’art 102 del D.L. 285 del 30 aprile 1992).

Trascorsi i quindici giorni, l’intestatario che non è rientrato in possesso della sua targa originale, deve richiedere alla Direzione generale della Motorizzazione Civile, una nuova immatricolazione del veicolo, presentandosi col certificato di proprietà e la carta di circolazione.

Per richiedere la targa nuova bisogna presentare la carta di circolazione (o libretto di circolazione), il certificato di proprietà, la denuncia di smarrimento (possibilmente l’originale), fotocopia del documento d’identità dell’intestatario, dichiarazione sostitutiva di residenza dell’intestatario (qualora la residenza non coincida con quella riportata nel documento), eventuale targa rimasta (oppure in caso di deterioramento, entrambe le targhe rovinate). A questi documenti si sommano il modulo di richiesta di reimmatricolazione (modello DTT2119 in distribuzione gratuita presso gli Sportelli Telematici dell’Automoblista, gli uffici provinciali ACI e gli uffici della Motorizzazione Civile), ed il modulo di richiesta di rinnovo di iscrizione al PRA (modello NP2, stampabile dal sito dell’ACI o negli stessi uffici sopracitati), su cui va indicato il codice fiscale dell’intestatario.

Advertisements

La richiesta può essere presentata dall’intestatario, o da una persona appositamente incaricata (ad esempio uno studio di pratiche automobilistiche) in possesso di una delega sottoscritta dall’intestatario e dalla copia del documento di identità, oltre al modello TT2120 per l’Ufficio Motorizzazione.

Documentazione da presentare

  • modulo di richiesta di reimmatricolazione (mod. DTT2119) in distribuzione gratuita presso gli STA delle Unità Territoriali ACI (PRA) e dell’UMC
  • modulo di richiesta di rinnovo di iscrizione al PRA Mod.

    NP2, su cui indicare il codice fiscale dell’intestatario, stampabile dal sito o in distribuzione gratuita presso gli STA delle Unità Territoriali ACI (PRA) e degli uffici provinciali della Motorizzazione Civile (UMC)

  • carta di circolazione
  • certificato di proprietà (CdP)
    In caso di furto, smarrimento o distruzione è necessario allegare la relativa denuncia presentata agli organi di pubblica sicurezza o una dichiarazione sostitutiva di aver reso denuncia con l’indicazione della data e del luogo dove è stata presentata.

  • denuncia di smarrimento, furto o distruzione delle/a targhe/a resa alle autorità di Polizia o dichiarazione sostitutiva di resa denuncia
  • eventuale targa rimasta (in caso di furto, smarrimento o distruzione di una sola targa) o, in caso di deterioramento, targhe deteriorate
  • fotocopia del documento di identità/riconoscimento dell’intestatario
    Se il documento è redatto in lingua straniera, deve essere allegata una traduzione in lingua italiana (tranne i casi in cui esistono esenzioni stabilite da leggi o accordi internazionali) certificata conforme al testo straniero dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale.

  • dichiarazione sostitutiva di certificazione di residenza dell’intestatario, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato
  • se l’intestatario è una persona giuridica (società, ente, associazione, etc.): dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per attestare la sede della persona giuridica
  • se l’intestatario è un cittadino extracomunitario residente in Italia: copia del permesso di soggiorno in corso di validità; oppure copia del permesso di soggiorno scaduto con allegata la copia della ricevuta postale attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo; oppure fotocopia del documento di identità e fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell’istanza di primo rilascio; oppure copia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • se l’intestatario è un familiare extracomunitario di un cittadino dell’Unione Europea residente in Italia: copia della carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell’Unione Europea oppure copia della carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei

Se ci si rivolge ad un ufficio dell’Automobile Club (ACI) andranno sommati ai costi sottoriportati, i costi d’ufficio, ma la pratica verrà svolta in maniera più snella e probabilmente più veloce.
Nel caso in cui la richiesta venga effettuata direttamente all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile bisognerà presentarsi direttamente con la ricevuta dei versamenti effettuati presso l’ufficio postale tramite i bollettini prestampati distribuiti gratuitamente presso gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile stessa.

Indicativamente i costi da sostenere sono pari a un centinaio di euro, divisi fra ACI (27 euro), Imposta di bollo PRA (32 euro), Motorizzazione Civile (9 euro), Imposta di bollo per reimmatricolazione (32 euro).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Caratteristiche tecniche Alfa Romeo Brera

Quanto dura un motore Volkswagen 2015

Leggi anche
Leggi anche
  • Monopattini elettriciMonopattini elettrici: i 10 migliori omologati

    Monopattini elettrici, ecco i 10 migliori dotati di omologazione per poter circolare sul territorio italiano senza incorrere in multe.

  • Hoverboard i 10 più convenientiHoverboard: i 10 più convenienti

    Hoverboard: i 10 più convenienti sul mercato per muoversi in elettrico con le due ruote perfette per la città, e in alcuni casi, anche per il fuoristrada.

  • Segway i migliori 10Segway: i 10 migliori

    Segway: i 10 migliori per la città, il fuoristrada e per le lunghe percorrenze non solo casa – lavoro. Un mezzo elettrico formidabile come autonomia.

  • Monoruota elettricoMonoruota elettrico: le 10 offerte migliori

    Monoruota elettrico: 10 offerte migliori dal settore Tech in attesa del bonus 500 euro per tutti i velocipedi, anche a motore, per la città.

Contents.media