Le dieci migliori berline compatte del 2021

Ecco la nostra classifica con le migliori berline compatte e le relative motivazioni.

Mentre le vendite di SUV continuano a raggiungere riscontri sempre maggiori, le berline compatte sono diventate un po’ meno comuni sulle nostre strade. Ciò è un po’ un peccato, perché per il guidatore più appassionato sono probabilmente il miglior tipo di auto con cui vivere quotidianamente.

Sempre che si scelga quella giusta.

Le migliori auto di questa classe non offrono solo la classica forma e un desiderabile distintivo sul muso. Una maneggevolezza atletica e coinvolgente, una guida fluida e confortevole, interni lussuosi e ben costruiti, forti prestazioni e un buon risparmio di carburante sono altrettanto importanti. Con le normative sulle emissioni sempre più rigide con cui confrontarsi, la disponibilità di un’opzione ibrida plug-in a basso impatto fiscale non fa male.

Indipendentemente da ciò, è certamente un delicato atto di bilanciamento: qui elenchiamo le auto che, a nostro parere, offrono il mix più convincente degli attributi elencati sopra.

BMW Serie 3

Nella veste “G20” di settima generazione, la BMW Serie 3 è tornata in cima alla nostra classifica delle berline compatte nel 2019 e sembra destinata a mantenere quella corona ancora per qualche tempo.

Negli ultimi 40 anni circa, la Serie 3 si è affermata come la berlina compatta di riferimento per quegli acquirenti che apprezzano veramente lo squisito dinamismo di guida e il fascino genuino del guidatore.

In anni più recenti, solo vetture come la Jaguar XE e l’Alfa Romeo Giulia sono riuscite ad avvicinarsi alla centrale di Monaco su queste basi.

Tuttavia, ciò che realmente eleva quest’ultima Serie 3 al di sopra del resto del gruppo è ciò che offre in aggiunta alla sua evidente vena atletica. I motori della sua linea offrono generalmente una miscela superiore di prestazioni ed efficienza rispetto a ciò che è disponibile nella classe più ampia.

La cabina, nel frattempo, non è solo pratica e ben costruita, ma è anche materialmente desiderabile e tecnologicamente sofisticata.

Con la sua particolare attenzione al fascino della maneggevolezza, la guida più rigida e insistente della Serie 3 potrebbe erodere leggermente il suo fascino per tutti. Una Mercedes-Benz Classe C, per esempio, è la più comoda delle due sulla distanza. Per noi, invece, rimane la scelta di spicco: in particolare nel sei cilindri 330d o quattro cilindri 320d. Infatti, la 320d ha ricevuto una valutazione completa di cinque stelle quando l’abbiamo provata su strada nel 2019 per il modo superbo in cui fonde ritmo, guidabilità, efficienza, raffinatezza e portamento.

L’ibrido plug-in 330e sarà ancora più interessante per molti autisti, naturalmente, e ha una maggiore autonomia reale solo elettrica rispetto al suo predecessore, oltre a prestazioni migliorate e packaging interno. Rimane tra le nostre berline compatte preferite.

Jaguar XE

La XE potrebbe non essere stata il travolgente successo di vendite che Jaguar aveva sperato, ma ciò non le ha impedito di lasciare il segno nella classe delle berline compatte. Questa è un’auto che mette il suo guidatore al primo posto.

La corsa della Jaguar XE è morbida e composta abbastanza da affrontare comodamente le superfici stradali impegnative che abbiamo di fronte. Tuttavia, ancora più impressionante è che questa raffinatezza di rotolamento è sostenuta da un’eccellente precisione dello sterzo. Tuttavia, le prestazioni offerte dai suoi motori Ingenium a benzina e diesel non sono così impressionanti come il suo equilibrio di guida e di gestione. I benzina di fascia alta, combinati come sono con la trazione integrale, non sono esattamente lisci, mentre il cambio automatico con cui sono accoppiati non è nemmeno l’operatore più abile.

Un po’ di spazio limitato nella parte posteriore e un bagagliaio leggermente più piccolo di quello dei rivali come la Serie 3 e Mercedes-Benz Classe C sono un po’ una delusione. Detto questo, un lifting nel 2019 ha migliorato significativamente la qualità percepita e un secondo aggiornamento nel 2020 ha introdotto un nuovo sistema di infotainment, propulsori mild-hybrid e significativi tagli di prezzo in tutta la gamma.

Si tratta di un’auto, quindi, che merita ampiamente il suo secondo posto tra le migliori berline compatte del 2021.

Alfa Romeo Giulia

La Giulia segna un ritorno piuttosto impattante e significativo alla forma per Alfa Romeo. Costruita su una nuova piattaforma modello a trazione posteriore, è anche una bella berlina come la classe ha visto negli ultimi anni. Inoltre, con i motori forti nel suo arsenale, ha tutte le qualità che i devoti Alfa potrebbero desiderare.

Nel modo in cui affronta una strada impegnativa, l’auto ha una rara miscela di agilità leggera, equilibrio di maneggevolezza e compattezza su strada che dà anche alle versioni con motore diesel una sovrabbondanza di fascino sportivo. Il suo interno è stato aggiornato nel 2020 nel tentativo di conquistare anche gli amanti di Audi A4 e BMW Serie 3, ma si trova ancora dietro di loro per quanto riguarda il comparto materiale. Eppure, il suo sistema di infotainment ora risponde al tocco ed è molto più facile da usare, anche se è ancora graficamente piuttosto semplice.

Mercedes-Benz Classe C

Mentre la Serie 3, la Giulia e la XE si concentrano maggiormente sul coinvolgimento del conducente, Mercedes ha adottato un approccio più lussuoso e raffinato a ciò che una berlina compatta può essere con la Classe C. Pensate alla Classe C della generazione W205 come a una Classe S miniaturizzata, e non

La qualità dei materiali all’interno è tra le migliori in questa classe, e nel complesso è svantaggiato solo dal fatto che alcuni passeggeri più alti troveranno lo spazio nella parte posteriore un po’ stretto. L’equipaggiamento di serie è generoso in tutta la gamma, con i punti forti tecnologici e materiali delle versioni top di gamma particolarmente lussuosi e impressionanti, e i sistemi di assistenza alla guida dell’auto sono molto forti.

La maneggevolezza della Classe C non è così in bilico o invitante come alcuni, ma è improbabile che ciò scoraggi i fan della Mercedes, che apprezzeranno la guida più rilassata e il carattere più sontuoso di questa vettura. Nel frattempo, quando Mercedes ha bandito il suo vecchio motore turbodiesel da 2,1 litri, e lo ha sostituito con una nuova unità da 2,0 litri molto più silenziosa, ha affrontato quella che era probabilmente la più grande debolezza dell’auto.

A differenza di Jaguar e Alfa Romeo, Mercedes offre un paio di versioni ibride plug-in a risparmio fiscale della Classe C. C’è la C300de diesel-elettrica, che sarebbe una scelta saggia per i conducenti di auto aziendali spesso di fronte a viaggi a lunga distanza, e la più tradizionale C300e, che combina benzina e fonti di energia elettrica. Entrambe le auto rientrano nello scaglione fiscale del 10% di beneficio in natura.

Si tratta sicuramente di una delle berline compatte a cui prestare attenzione.

Tesla Modello 3

Raggiungere la metà superiore di questa super-competitiva top 10, con la sua prima piccola berlina, è un risultato importante per l’auto elettrica pioniera Tesla.

Abbiamo provato su strada l’auto nella versione Standard Range Plus a trazione posteriore nel 2019 ed è stato difficile non essere colpiti dalle prestazioni super reattive e veloci dell’auto. Siamo rimasti impressionati anche dalla sua agile maneggevolezza, dalla sua esperienza di guida atletica e convincente e dalla sua accreditata autonomia di 200 miglia.

L’auto non ha lo stesso spazio impressionante dell’abitacolo o del bagagliaio della Model S, e si confronta meno favorevolmente con le migliori auto della classe in termini di praticità. Anche se il suo interno ha molto fascino, non ha il comfort di guida che ci si potrebbe aspettare dalla prima berlina completamente elettrica del suo genere. Ciononostante, dovrebbe dare alle persone un motivo molto più grande per festeggiare il salto su un’auto elettrica che un motivo per esserne delusi.

Alla fine del 2020 sono stati introdotti anche una serie di aggiornamenti. Mentre questi erano principalmente basati sul design, il più grande cambiamento è stato un aggiornamento della pompa di riscaldamento/aria condizionata. Ciò sembra insignificante, ma combinato con una manciata di modifiche al powertrain, dà alla Model 3 una gamma ancora maggiore. Tesla ora dichiara 267 miglia per la Standard Range Plus e 360 miglia per entrambi i modelli Long Range e Performance.

Volvo S60

La Volvo si sta spingendo di nuovo verso la fine della classe delle berline compatte con la sua berlina S60 di terza generazione. La prima ad essere costruita fuori dall’Europa, a Ridgeville, South Carolina.

Bella da vedere, rilassante da guidare e abbastanza pratica, la S60 saprà conquistarvi. Ha una buona raffinatezza del gruppo propulsore, una discreta maneggevolezza a trazione anteriore e una guida ben arrotondata e confortevole. Tuttavia, è consigliabile evitare le dimensioni dei cerchi in lega opzionali più grandi di Volvo, se si vuole l’ultima parola sulla raffinatezza della guida.

Ora ci sono solo due propulsori tra cui scegliere e, come nel caso della più ampia gamma Volvo, entrambi presentano una qualche forma di elettrificazione. La benzina B5 da 247 CV rappresenta l’entry level, ma chi vuole un po’ più di grinta può guardare ai modelli T8 ibridi plug-in a quattro ruote motrici. Il modello standard Recharge ha una potenza di 385 CV, mentre il modello di punta Polestar Engineered arriva a 400 CV.

Il top di gamma ha un controllo del corpo impressionante e un sacco di ritmo sportivo, ma non ha abbastanza credibilità di prestazioni a tutto tondo.

berline compatte volvo

Audi A4

La A4 è basata sulla ricchezza materiale del suo interno, il design esterno interessante, i suoi motori raffinati ed economici e i suoi brillanti sistemi di infotainment.

Tuttavia, la A4 è un po’ deludente per via di un’esperienza di guida poco coinvolgente. Eccelle comunque per i viaggi a lunga distanza, una caratteristica che è ulteriormente sostenuta da una gamma di motori benzina e diesel raffinati e lisci. È disponibile un sacco di spazio a bordo per i passeggeri, e le offerte di finanziamento Audi rappresentano un forte rapporto qualità-prezzo. Una volta era uno dei preferiti dai conducenti di auto aziendali, ma questo status è stato eroso di recente dalla mancanza di un modello ibrido plug-in.

Volkswagen Passat

La Passat ha un sacco di vantaggi. Ha un interno ordinato e ben fatto, un’esperienza di guida raffinata e ampiamente compiuta, una forte dotazione di serie e un bello – anche se un po’ sommesso – stile esterno.

Una gamma di economici motori diesel a quattro cilindri offre raffinatezza, prestazioni ed economia lodevoli. La Passat GTE ibrida plug-in offre inoltre agli acquirenti la possibilità di ridurre le emissioni di CO2 e di guidare in modo elettrico su una gamma limitata. Il facelift 2019 di VW per l’auto ha aggiunto una batteria di trazione più grande per la GTE, aumentando l’autonomia a zero emissioni di circa il 40% a 43 miglia dichiarate.

Sebbene la Passat sia un’auto comoda e rilassante, non può competere con auto come la Giulia o la XE in termini di dinamismo. Tuttavia, ha un approccio più rilassato e funzionale alla sua esperienza di guida. Se state cercando un’auto per lenire i rigori dell’automobilismo quotidiano con il minimo di intrusione e confusione, non cercate oltre.

Vauxhall Insignia Grand Sport

La seconda generazione di Vauxhall Insignia non si è mai veramente distinta, ma rimane comunque una scelta attraente per il suo prezzo orientato al valore, alla praticità da grande auto e alla guida fluida e confortevole.

È stata aggiornata per il 2020, con sottili modifiche apportate al suo design esterno e un sistema di infotainment più nitido. La linea di motori rimane piuttosto standard, costruita intorno a una scelta di motori a benzina e diesel da 2,0 litri, e un più piccolo diesel da 1,5 litri. L’interno dell’Insignia è molto più spazioso di molte automobili in questa classe. L’ambiente dell’abitacolo e la qualità percepita non sono proprio al livello di un marchio premium, ma entrambi sono abbastanza buoni da impegnarsi ogni giorno senza deludere.

L’Insignia può non essere vivace quanto alcuni dei suoi rivali più sportivi su una strada impegnativa, ma è ben adattato a touring su lunga distanza. Il prezzo, inoltre, è abbastanza accessibile.

Kia Stinger

Il modello di punta di Kia ha fatto un buon inizio nel ridefinire ciò che la gente dovrebbe aspettarsi dal produttore sudcoreano. La Stinger sfoggia uno stile accattivante, un’eccellente maneggevolezza e, nella versione GT-S, un potente V6 biturbo da 3,3 litri a un prezzo che altrove vi farà acquistare solo quattro cilindri. In precedenza era disponibile con una gamma di motori a benzina e diesel a quattro cilindri, ma un aggiornamento del modello all’inizio del 2021 ha rimosso quei piccoli propulsori dai listini di vendita. Sono state introdotte anche alcune modifiche visive, così come un sistema di infotainment aggiornato e una nuova gamma di colori.

La Stinger non è senza difetti, però. La qualità interna è buona, ma non allo stesso livello delle auto rivali veramente premium. Inoltre, il sistema di infotainment – anche se funziona bene in isolamento – non è paragonabile alle berline compatte presenti in questa lista.

La praticità, invece, è sinceramente eccellente.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pagani Huayra Tricolore: l’hypercar più esclusiva al mondo

Auto sportive: top 10 del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media