Il futuro elettrico di Alpine: tutti i dettagli

Tutto ciò che dovete sapere sui progetti di Alpine e sugli aspetti positivi e negativi.

Il futuro elettrico di Alpine è molto interessante, ma bisogna fare il punto della situazione in modo più approfondito.

I lati positivi del futuro elettrico di Alpine

Come membro a pieno titolo della famiglia Renault, Alpine non è sola in questa grande avventura elettrica.

L’azienda di Dieppe conta ovviamente sulla potenza industriale e sul know-how della Losange per andare avanti. Ma non solo, una partnership è stata sigillata con Lotus per l’auto sportiva. Il SUV sarà basato sulla nuova piattaforma CMF-EV. Inaugurato dalla Mégane E-Tech, questa base sembra essere ben pensata per mantenere un vero dinamismo sulla strada, come abbiamo potuto vedere. Con un pacco batterie molto sottile situato nel pavimento dell’auto, mentre il centro di gravità è più basso che in altre auto compatte.

Questo è un prerequisito per mantenere il minimo di agilità che ci si aspetta da un Alpine.

Allo stesso modo, le regolazioni del telaio definite sulla Mégane E-Tech – uno sterzo molto incisivo e un eccellente compromesso comfort/comportamento – dimostrano che le squadre di Dieppe partono da una buona base. In termini di prestazioni, anche se la Mégane E-Tech sviluppa “solo” 220 CV, la piattaforma CMF-EV può ospitare anche batterie molto potenti con potenze fino a 400 CV.

La futura compatta Alpine 5, d’altra parte, prende in prestito le sue basi dalla Clio E-Tech.

Questa è l’architettura CMF-B/EV che, sebbene sia stata progettata per accettare anche la potenza termica, offre ancora buone prestazioni dinamiche.

I lati negativi

Le prestazioni grezze sono certamente il primo criterio per un’auto sportiva. Ma subito dopo viene l’agilità. Tuttavia, se l’attuale A110 è una delle migliori piccole auto sportive mai prodotte, è soprattutto perché è leggera – circa 1.100 kg in ordine di marcia.

È questo peso contenuto che le permette di optare per regolazioni flessibili delle sospensioni, pegno di un comfort sorprendente nella categoria ma anche di un’efficacia, una presa e una motricità difficilmente credibile per una macchina di questo piccolo calibro. Il risultato è un’auto facile da gestire per qualsiasi guidatore, qualunque sia il suo livello. Tuttavia, nonostante gli sforzi di Alpine, i modelli futuri non saranno in grado di contenere il significativo aumento di peso.

il futuro elettrico di alpine

L’equazione è tanto più complessa perché, per produrre energia, le auto elettriche utilizzano necessariamente batterie ad alta capacità, che sono necessariamente pesanti e ingombranti. Gli ingegneri possono certamente progettare una batteria per fornire più potenza che autonomia, ma le variazioni rimangono piccole. Che si tratti di una compatta con una capacità di batteria prevista di circa 50 kWh, di un SUV che potrebbe teoricamente portare tra 60 e 85 kWh di “batteria” o di una berlina, imballata con motori elettrici, non possiamo immaginare nulla sotto i 1.500 kg, dato che una Mégane E-Tech di 4,21 m pesa già 1,7 tonnellate.

E se Porsche o Audi sono in grado di cancellare magicamente i chili dalla loro Taycan o RS e-Tron GT, bisogna vedere i prodigi di ingegneria e le attrezzature impiegate per raggiungere questo obiettivo. Il risultato è un prezzo che supera i 200.000 euro… Per non parlare del fatto che l’efficienza dell’auto è notevolmente ridotta sul bagnato, dove un’auto pesante, per quanto raffinata, soffre di una presa molto più precaria.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media