Notizie.it logo

Incidenti in Italia: cause

Incidenti in Italia: cause

I numeri degli incedenti stradali, anche se in calo, sono sempre allarmanti. Ma quali sono le principali cause di incidenti in Italia?

I dati sugli incidenti stradali parlano di una situazione sempre soggetta ad alti e bassi ma pur sempre in stato di allarme, tanti incidenti in Italia, più o meno gravi, che sono generati in molti casi da cause specifiche e abbastanza conosciute. La legge, dal canto suo, tenta di apportare delle misure preventive che dovrebbero tentare di limare il numero complessivo di sinistri, ma la loro efficacia potrà essere meglio valutata nel corso del tempo.

Andiamo a vedere quali sono le cause principali di incidenti in Italia.

  • Sin dalla sua comparsa nelle nostre vite, ha avuto una parte sempre più importante come causa di incidenti stradali: lo smartphone. La tecnologia può rendere la vita più semplice, infatti non è il fenomeno in sé da sradicare, quanto il cattivo uso che se ne fa.

    Alla guida maneggiare lo smartphone si è rivelata la causa principale di incidenti e non è poco. Le case automobilistiche stanno investendo tanto per proporre auto che si connettono sempre più ai nostri device e permettono di gestirne le funzioni senza distrarsi. Dal canto suo la legge propone pene severe a chi utilizza il telefono alla guida;

  • il tasso alcolico continua a difendersi bene come causa di incidenti, è pur vero che si tratta di un tema ampio e discutibile, ma è altrettanto innegabile che una minore lucidità alla guida porta a riflessi rallentati;
  • il mancato rispetto della segnaletica stradale risulta essere una delle cause di incidenti più frequenti, specie a livello urbano;
  • anche se in misura minore, una delle cause di incidenti stradali è la guida di auto non sicure, la cui trascurata manutenzione le ha rese non adatte alla circolazione, se non addirittura pericolose;
  • ultima, ma non per questo meno importante, causa di incidenti è il colpo di sonno alla guida, derivante dal fatto di voler guidare anche quando il fisico reclama il riposo.
© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300
Leggi anche