La app nautica di NaviFlow per gestire il consumo di carburante

Con il rincaro dei prezzi è importante calcolare e ottimizzare il consumo di carburante delle imbarcazioni: come farlo con la app nautica di NaviFlow.

Il rincaro dei prezzi del carburante è un problema reale al giorno d’oggi: ciò vale per tutti i mezzi di trasporto, non solo quelli che si muovono via terra ma anche quelli che attraversano il mare. La cosa migliore è dotarsi degli strumenti giusti per calcolare il consumo di carburante da parte delle imbarcazioni, che siano a benzina o a diesel.

Inoltre, bisogna tener presente che il discorso varia tra le barche a un motore e quelle con bimotore. Tutte queste valutazioni vanno svolte preventivamente, per capire quanto si andrà a consumare e come ottimizzare l’utilizzo del carburante.

Per venire incontro a una simile esigenza, è stata creata la app nautica di NaviFlow. Questa è compatibile sia con Android sia con iOS, ed è un must per analizzare i consumi dei fuoribordo e, in generale, i consumi dei motori marini.

Nelle prossime righe ti spiegheremo tutto quello che c’è da sapere su questa app, come funziona, come si installa ecc. Ancora una volta, la tecnologia viene in nostro soccorso per aiutarci a risparmiare e a gestire nel modo migliore le risorse che abbiamo a disposizione!

Come si installa la app di NaviFlow

Per cominciare, il download e l’installazione della app in oggetto sono operazioni molto semplici. L’applicazione di NaviFlow va scaricata sullo smartphone; prima, però, è importante collegare la centralina all’alimentazione e il flussometro al tubo del carburante.

Se questo ti sembra difficile, non temere. Sul sito di naviflow.it c’è un tutorial che illustra come fare in pochi, facili passaggi.

Quanto costa NaviFlow?

Un’altra domanda che potrebbe interessarti è la seguente: qual è il prezzo della app di NaviFlow?

La buona notizia è che questo prodotto è completamente gratuito. Senza spendere nulla potrai accedere alle funzioni di base della app. Tuttavia è possibile anche richiedere un abbonamento, che costa circa 19 euro al mese o 49 euro all’anno.

Con l’abbonamento avrai l’opportunità di beneficiare di una serie di extra, tra cui il calcolo di litri di carburante per miglia in tempo reale, il salvataggio di più di 10 tratte e la possibilità di mettere in pausa la tratta. C’è un budget da investire, certo, ma andrai a recuperarlo grazie a un maggiore controllo dei consumi.

I pregi della app di NaviFlow

Con questa app per iOS e Android, i consumi dei motori marini si analizzano in men che non si dica. Tale strumento è intuitivo anche per i meno esperti, ed è estremamente agevole da configurare.

L’interfaccia è smart, è previsto il collegamento Bluetooth e c’è uno storico dei dati vecchi per fare dei confronti tra i consumi attuali e quelli precedenti. Tutti questi elementi determinano un servizio molto versatile e conveniente.

Come funziona l’applicazione

La app nautica di cui parliamo non ha bisogno del pairing, poiché non implica un’associazione tramite sistema operativo. Il calcolo del consumo di carburante è diretto: all’avvio del programma, si mostrano le centraline nei dintorni che devono soltanto essere rinominate con password.

Il tutto, come già abbiamo evidenziato, è davvero semplice. Non devi essere esperto di tecnologia e di navigazione per usare la app di NaviFlow.

Il collegamento via Bluetooth

Inoltre, ribadiamo che il funzionamento della app è garantito dal Bluetooth. Anzi, non da un semplice Bluetooth: dal BLE, ovvero Bluetooth Low Energy.

Come si intuisce dal nome stesso, il BLE è a basso consumo energetico: un ulteriore simbolo di risparmio. Ciò è indispensabile per coloro che sono in mare aperto, e che non sempre hanno una presa di ricarica a portata di mano. Il BLE ha un costo minore rispetto al classico Bluetooth, richiede una potenza inferiore, è compatibile con tantissimi cellulari e tablet e assicura una grande autonomia di connessione.

Lo storico dei dati

Questa app per il calcolo dei consumi dei fuoribordo include uno storico in memoria. Una sorta di archivio che riguarda sia i vecchi consumi, sia le tratte percorse.

Di queste ultime si salvano le miglia, la durata dalla partenza all’arrivo, e appunto il consumo di carburante. Queste informazioni sono separate nel caso delle imbarcazioni con due motori. Un altro pro consiste nel fatto che lo storico viene visualizzato sempre quando la app si avvia, anche se la centralina è stata spenta.

Scritto da alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leggi anche
Contents.media