Le migliori auto elettriche di piccole dimensioni

Ecco la nostra top 10 con le migliori auto elettriche del 2021

Dopo aver stilato la classifica delle migliori auto a sette posti, dei fuoristrada e dei 4×4, ecco le nostre auto elettriche di piccole dimensioni preferite.

Le migliori auto elettriche del 2021

Auto elettriche: Peugeot e-208

La versione completamente elettrica della 208 supermini è uno dei diversi EV compatti del Gruppo PSA.

Si tratta di un’auto dal miglior prezzo e anche la più attraente visivamente. Per il suo mix di autonomia utilizzabile, prestazioni, valore, praticità, stile, qualità percepita e appeal del guidatore, merita chiaramente di posizionarsi in alto. L’auto si guida anche con una morbidezza che manca in alcuni piccoli EV, che spesso lottano per contenere la loro massa sulla strada.

Lo sterzo colpisce per la sua immediatezza, anche se il controllo del corpo si deteriora un po’ se si guida con più entusiasmo.

Anche in questo caso, è l’efficienza dell’esperienza di guida della e-208 che impressiona davvero.

Mini elettrica

La Mini Electric porta tutto il fattore di divertimento che ci si aspetta dal marchio nel segmento EV compatto. Basata esclusivamente sulla scocca della Mini a tre porte, la Mini Electric adotta il powertrain della BMW i3S, dandole una potenza molto sana di 181bhp e 199lb ft di coppia. Le prestazioni sono notevolmente più forti rispetto a molte delle auto con cui si potrebbe confrontare in questa lista, mentre la gestione è agile nella tradizione dinamica duratura del marchio Mini.

Ci piace molto.

L’autonomia è la fregatura. Mini dichiara 144 miglia, ma in realtà, a seconda di come e dove si guida, è più probabile ottenere tra 100 e 120 miglia.

Vauxhall Corsa-e

La sorella della Peugeot e-208 non ha lo stile o la gamma WLTP dichiarata della sua parente francese, non ha gli interni configurati in modo fantasioso e non ha un prezzo altrettanto interessante. Tuttavia non lasciatevi ingannare dal fatto che questa Vauxhall non valga un test drive.

Potrebbe essere un po’ più semplice della Peugeot, ma è ancora abbastanza bella.

L’esperienza di guida dell’auto combina un’autentica autonomia di 180 miglia per tutti i giorni, con una maneggevolezza competente e una guida confortevole, mentre la compatibilità con la ricarica rapida a 100kW DC di serie dovrebbe anche essere un punto di forza.

BMW i3S

Se la i3 non può proprio affermare di aver portato il concetto di proprietà EV al mercato di massa, allora può almeno affermare di aver dimostrato che tali auto potrebbero essere interessanti e genuinamente di carattere.

Dal 2013, la city car BMW ha guadagnato in gamma, potenza e tecnologia interna, anche se lungo la strada il range-extender plug-in è stato abbandonato. Così, ora il modello è solo puro-elettrico. La gamma ufficiale è di 188 miglia e il potenziale di ricarica di 50kW non è più di quanto ci si aspetti, dato l’alto prezzo richiesto dalla i3.

Quello che ci piace della i3 è il suo senso di raffinatezza, la guidabilità facile, i controlli ben pesati e l’ambiente interno. Con la sua architettura in plastica rinforzata con fibra di carbonio e il suo design di spicco, riesce in qualche modo ad essere ancora all’avanguardia ed eccitante. Si tratta comunque di una delle migliori auto elettriche.

Honda E

La Honda E supermini è insolitamente compatta per un’auto elettrica, e innovativa in diversi modi. Un motore montato posteriormente promette efficienza, mentre la sospensione completamente indipendente preannuncia la maneggevolezza di una macchina più grande.

La E è disponibile nelle versioni di auto elettriche 134bhp e 152bhp, ma nessuno dei due ha la stessa capacità di batteria dei rivali. 35.5kWh “lordi” è tutto che avrete. Alla guida, la E è composta e facile da usare, con uno sterzo di media velocità ma un cerchio di sterzata stretto, e prestazioni moderate ma reattive.

Non eccita e non offre l’ultima parola nel controllo del corpo, ma sarebbe una city car rilassante e il suo stile alternativo è eccezionalmente accattivante.

Auto elettriche: Mazda MX-30

Mazda non ha mai avuto paura di fare le cose a modo suo, anche quando il resto dell’industria sembra fare qualcosa di diverso. La MX-30 non è quindi proprio quello che ci si aspetterebbe, ma è una proposta attraente lo stesso. Possiede una batteria insolitamente piccola, appena 35.5kWh, con una gamma ufficiale di 124 miglia. È ragionevolmente spaziosa all’interno, ha una carrozzeria SUV-lite che è molto alla moda, ed è rifinita con materiali interessanti che danno alla cabina un’atmosfera singolarmente accogliente e piacevole.

Con 143bhp e 199lb ft, non sarà mai in grado di farvi saltare in aria in linea retta, ma il peso dello sterzo e il modo in cui le sospensioni trasferiscono il peso in curva ricordano genuinamente l’auto sportiva MX-5. In città, tuttavia, può sembrare un po’ banale. Si tratta comunque di una buona alternativa tra le auto elettriche.

Renault Zoe

La Renault Zoe è sempre stata un’attraente supermini elettrica a corto raggio, anche quando è stata offerta con una batteria da 22kWh e aveva solo 80 miglia di autonomia reale. L’usabilità dell’auto è stata migliorata nel corso della sua vita, tuttavia, da un’opzione di batteria 41kWh. Ora c’è una versione completamente aggiornata, con un disegno significativamente rinfrescato più una batteria 52kWh e fino a 245 miglia di gamma sul ciclo WLTP. Offre ancora un forte rapporto qualità-prezzo rispetto ai suoi concorrenti ed è anche ancora piacevole da guidare. Molto vivace e abbastanza tranquilla.

Mentre in precedenza la Zoe non poteva essere caricata rapidamente ai servizi autostradali abbastanza rapidamente come alcuni rivali, la ricarica veloce CCS è ora un’opzione.

Auto elettriche: Volkswagen e-Up

La più piccola auto elettrica di Volkswagen precede la nuova gamma ID, ed è stata aggiornata nel 2020 con una batteria ampliata che ora dà 159 miglia WLTP. C’è stato anche un taglio al prezzo richiesto, che ora è solo poco più di 21.000 sterline (compresa la sovvenzione governativa di 2.500 sterline). L’ultimo modello beneficia di un sistema di mantenimento della corsia basato su telecamera, mentre rimane l’interno leggero e arioso.

Come spesso accade con i piccoli veicoli elettrici, questa Volkswagen è più adatta ai compiti di seconda auto e alle commissioni più brevi. Ospiterà quattro persone con relativa facilità, e la coppia di 155 lb ft la rende ragionevolmente veloce. Come sempre con Volkswagen, i controlli sono anche intuitivi e facili da usare. A questo prezzo, seppellisce la Smart EQ Fortwo, così come la Skoda.

Si tratta comunque di una buona opzione da valutare, tra le varie auto elettriche.

auto elettriche volkswagen

DS 3 Crossback E-Tense

L’autonomia di questo crossover, di quasi 200 miglia, batte comodamente quella dell’auto giapponese. Tutti i soliti segni distintivi DS sono qui: l’esterno distintivo, l’interno un po’ esagerato ma superficialmente “sontuoso” e una dose decente di prestazioni.

Le nostre considerazioni negative riguardano lo spazio nell’abitacolo, che non è particolarmente buono. L’esperienza di guida è ordinaria e il prezzo è abbastanza alto. Tuttavia, se si desidera un EV un po’ meno ordinario, la E-Tense è improbabile che vi deluda.

Renault Twizy

Tecnicamente, la Twizy è un quadriciclo, non un’auto, quindi appartiene alla stessa categoria della Citroën Ami appena uscita. È una due posti, con il passeggero seduto dietro il guidatore, e progettata per viaggi a brevissima distanza, e molto probabilmente urbani. Ecco perché, anche quando il sole splende, si ottengono solo circa 50 miglia dalla batteria da 6,1 kWh. Non è certo un’auto elettrica per famiglie.

Alla guida la Twizy è divertente e agile tra le auto elettriche, anche se un po’ insensibile. La sua arma segreta è il fatto che è a trazione posteriore. I prezzi partono da poco meno di 12.000 sterline.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le dieci migliori auto a sette posti del 2021

I dieci migliori SUV ibridi del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media