Mini Cooper termica: sarà davvero in produzione?

Il marchio vuole garantire una transizione fluida tra veicoli a combustione ed elettrici.

La prossima Mini Cooper elettrica sarà prodotta in Cina e, come abbiamo recentemente appreso, avrà un design completamente nuovo. Le prime foto mostrano una parte posteriore completamente ridisegnata con nuovi fari, mentre anche la firma luminosa anteriore è nuova. Quello che non sapevamo, tuttavia, era che Mini avrebbe continuato a commercializzare l’attuale Hatch termico (generazione F56) anche se significa dargli un quarto restyling per rimanere in gioco.

Mini Cooper: una strategia in stile Fiat

L’ipotesi più probabile al momento è che il marchio vuole garantire una transizione fluida tra veicoli a combustione ed elettrici. Questo è quello che ha fatto la Fiat, lanciando una 500 e nuova di zecca senza eliminare il motore a combustione 500 dal catalogo. Tuttavia, solo il nuovo ha ricevuto la migliore tecnologia di bordo e un nuovo look, mentre il vecchio ha dovuto accontentarsi di alcune cose per finire una carriera intensa.

I vantaggi per il marchio sono molteplici: continuare a vendere auto termiche (e quindi fare soldi) per coloro che non possono o non vogliono passare all’elettrico, ma anche offrire un modello a batteria che faccia da portabandiera, più attraente e beneficiando dell’effetto novità.

Questo è esattamente il percorso che Porsche seguirà anche con la nuova Macan, per non perdere clienti. Tuttavia, anche questo non è senza conseguenze per il marchio.

Infatti, deve fare i conti con una media di CO2 più alta e si espone a potenziali sanzioni europee. E nel caso di Mini, significa anche rielaborare il modello attuale, il che significa pompare denaro in un programma più o meno obsoleto quando la maggior parte del lavoro è già concentrato su un modello elettrico nuovo di zecca.

Non dobbiamo aspettarci una rivoluzione; stiamo certamente parlando solo di una piccola rispolverata che riguarderà i paraurti e forse la firma luminosa.

Logicamente, è anche improbabile che adotti il nuovo sistema di infotainment sospeso visto sul futuro prototipo di Cooper elettrica.

mini cooper termica

Britannica nel cuore

Mentre la nuova Mini elettrica sarà prodotta in Cina (non prima del 2023), la F56 continuerà a essere prodotta nella storica fabbrica di Oxford del marchio in Inghilterra. Questo giustifica la firma della luce posteriore che ricorda la Union Jack! Ci vediamo nei prossimi mesi per scoprire di più sulla strategia di Mini e saperne di più sul futuro della Hatch.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volkswagen: possibile utilizzo di un diesel bio

Dacia Jogger: interni e dimensioni

Leggi anche
Contents.media