Porsche 911: ibrido ufficialmente confermato

Ecco quali caratteristiche aspettarci dalla nuova creatura targata Porsche.

La Porsche 911 ibrida torna a far parlare di sé, e questa volta è ufficiale. Il produttore tedesco ha pubblicato sui propri canali di comunicazione un’intervista rilasciata inizialmente da Oliver Blume, il suo CEO. Fino ad ora, l’azienda di Zuffenhausen aveva solo indicato che l’architettura dell’attuale tipo 911/992 è stata progettata per essere elettrificata.

Varie opzioni erano in fase di studio, ma non era stata ancora confermata l’uscita di una versione ibrida. Ora è ufficiale.

Ibrido non ricaricabile per la Porsche 911

Blume aveva precedentemente accennato che gli ingegneri Porsche stavano vacillando tra un ibrido non ricaricabile orientato alle prestazioni e un powertrain plug-in a lungo raggio. Quest’ultimo, tra l’altro, avrebbe permesso ai clienti di evitare il crescente numero di divieti di traffico e tasse sui veicoli a motore.

Porsche si sta muovendo verso la prima soluzione. “La 911 fa parte della nostra strategia di sostenibilità. Ciò che è importante quando si considera l’ibridazione di questo veicolo è che non è alla maniera di un ibrido plug-in. Si tratta più di input motorsport, in altre parole un powertrain ibrido molto dinamico con un potente recupero di energia. Come la 919 Hybrid, con la quale abbiamo vinto la 24 ore di Le Mans tre volte di fila”, dice il manager.

porsche 911 ibrida

Le caratteristiche

L’integrazione di una batteria e di uno o più motori elettrici è un compito molto complesso in termini di spazio, data l’architettura atipica della vettura, che è parte del suo successo.

Mantenere un flat-six già incastrato nello sbalzo posteriore, una configurazione di posti a sedere 2+2 e un bagagliaio anteriore utilizzabile con questi elementi sarebbe una sfida. Anche se rinunciare ai sedili posteriori sembrerebbe essere un male minore, il peso e l’equilibrio molto specifico della 911 sarebbe notevolmente influenzato. Tuttavia, mai dire mai.

Nel frattempo, la prima produzione Porsche 911 ibrida dovrebbe quindi essere dotata di una batteria compatta, o super-capacitori, in grado di memorizzare e ridistribuire rapidamente la loro energia. Ciò potrebbe rendere questa versione la più potente ed efficiente della gamma. Porsche ha già sperimentato l’elettrificazione di una 911 nel 2011 con l’auto da corsa GT3 R Hybrid. Quest’ultima prevedeva due motori elettrici collegati alle ruote anteriori, alimentati da un imponente volano che occupava lo spazio tradizionalmente assegnato al passeggero anteriore, dimostrando che anche questa soluzione era ingombrante.

Un sistema simile, miniaturizzato grazie ai progressi tecnologici, potrebbe essere mantenuto. Tuttavia, dovremo aspettare ancora un po’ per i dettagli. L’ibridazione della 911 aspetterà probabilmente il restyling della 992, che dovrebbe avvenire nel corso del 2023.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Futura Hyundai Ioniq 6: svelate le prime informazioni

Mini: caratteristiche della serie speciale per Hatch, Clubman e Countryman

Leggi anche
Contents.media