Notizie.it logo

Tagliando auto: costo e quando farlo

tagliando auto

Il tagliando auto rappresenta il primo livello di manutenzione, una sorta di intervento di tipo leggero che può garantire una vita lunga e sana al veicolo. Nell’ambito della cura dell’auto il tagliando rappresenta uno dei passaggi obbligati, se il nostro scopo è quello di far vivere una vita sana e prosperosa alla nostra vettura.

Cos’è il tagliando auto

Il tagliando auto prevede tutta una serie di interventi, alcuni dei quali possiamo anche svolgere da soli; altri, invece, necessitano di personale specializzato. Le case costruttrici, attraverso la loro rete di centri autorizzati, offrono la garanzia di utilizzare parti originali e un servizio all’altezza delle aspettative.

In ogni caso non bisogna mai trascurare la propria auto, la sua durata e la sua efficienza nel tempo dipendono dalla cura e dalla manutenzione che vi dedichiamo.

Differenze tra tagliandi

Ma andiamo a vedere che cos’è nello specifico un tagliando auto, mettendo in evidenza le differenze di livello che si celano dietro questo unico nome.

  • innanzitutto si potrebbe parlare del tagliando ‘classico‘, si tratta di una manutenzione ordinaria ed abbastanza semplice consistente in: cambio olio, cambio filtro dell’olio, cambio candele (se il veicolo è alimentato a benzina) e cambio filtro dell’aria;
  • volendo elencare un secondo livello di tagliando si dovrebbero aggiungere alle operazioni ‘base’ citate sopra: sostituzione pastiglie freno e sostituzione filtro benzina/gasolio (a seconda dell’alimentazione);
  • anche se già non si parla più di tagliando ma di intervento sulla vettura vero e proprio, un terzo livello di tagliando aggiunge ulteriormente ai precedenti: sostituzione dei dischi freno, revisione/sostituzione delle cinghie di servizio (alternatore, motorino di avviamento e climatizzatore).

Considerato questo quadro generale bisogna in ogni caso sottolineare che di base qualsiasi livello di tagliando auto si appronti, c’è il controllo generale dei liquidi del veicolo e della pressione delle gomme.

Costo e quando farlo

L’argomento diventa spinoso quando si tratta di costi, perché una volta raggiunta un’officina per la manutenzione (ufficiale e non) si devono affrontare dei costi.

I costi dei tagliandi posseggono un’oscillazione davvero notevole e quantificarli è relativamente complesso, anche se proveremo comunque a fare una stima approssimativa.

Poniamo ad esempio il primo livello di tagliando, quello basilare.

Considerati i costi dei materiali e della manodopera il livello di costo oscilla tra i 150,00 euro e i 300,00 euro. Questa differenza di prezzo è influenzata da notevoli fattori che sono: marca e modello dell’auto (chiaramente un’auto di livello superiore non avrà costi di manutenzione uguali a quelli di una City Car economica), qualità dei materiali utilizzati e se si tratta di un centro autorizzato dalla casa madre o si tratta di una officina generica per tutte le auto.

Livelli tagliandi

Ovviamente ragionando in prospettiva più sale il livello di complessità del tagliando più salgono i costi relativi che, nel caso di un tagliando che abbiamo definito di terzo livello, possono toccare i 1.000,00 euro nel caso di auto di livello superiore.

Ben più complesso è stabilire quando fare un tagliando. Si potrebbe innanzitutto partire da dei dati oggettivi, che sono quelli del chilometraggio. In generale si può affermare che una moderna auto a benzina dovrà effettuare il tagliando base ogni 15.000 km, un’auto alimentata a gasolio lo dovrà invece effettuare ogni 10.000 km.

Per quanto riguarda il livello base di tagliando possiamo dare per buoni questi dati, ma già dal secondo livello stabilire un chilometraggio di riferimento è alquanto complesso, perché subentrano due fattori determinanti che stravolgono le carte in tavola: lo stile personale di guida e i percorsi abituali affrontati dall’auto.

Un’auto che percorre la maggiormente autostrade e strade extraurbane principali sicuramente vedrà molta meno usura a livello di impianto frenante rispetto ad un’auto che percorre quasi esclusivamente strade urbane.

In questo quadro risulta complesso stabilire quando effettuare il secondo tagliando.

Nei casi più complessi è bene affidarsi ad ispezioni regolari che pongano sotto esame lo stato di usura delle varie componenti e provvedere prontamente alla sostituzione quando queste si rivelano essere a tre quarti del loro cammino vitale.

Ponendo un esempio pratico nel caso delle gomme è bene misurare costantemente l’altezza del battistrada, qualora questo si rivelasse diminuito del 70% è molto più sicuro provvedere alla sostituzione delle gomme.

Obblighi tagliando auto

Fondamentalmente non esistono obblighi specifici per quanto riguarda il tagliando auto. Esistono però obblighi ‘nascosti’ che le case automobilistiche in buona sostanza impongono. Spieghiamo meglio la cosa.

Qualsiasi automobile nuova gode di un totale di anni di garanzia, che vanno da un minimo di 2 (legali) a più anni a discrezione della casa automobilistica.

Dove sta l’obbligo riguardo al tagliando? Sta nel fatto che per tutto il periodo di copertura della garanzia, al titolare è consigliato fare i tagliandi presso un centro autorizzato dalla casa madre, pena la perdita della garanzia.

Fondamentalmente nessuno obbliga nessuno, ma all’atto pratico si impone una scelta obbligata derivante dal rischio di perdita della garanzia.

Ovviamente, manco a dirlo, i tagliandi effettuati presso centri autorizzati e quelli effettuati presso officine private hanno costi differenti, generalmente più bassi nelle seconde. Ed ecco che fioccano offerte sui tagliandi da parte delle officine autorizzate, le quali partono dalla casa madre stessa.

Terminato il periodo di copertura della garanzia ognuno è libero di poter effettuare il tagliando dove vuole, anche farselo in fai da te, valutando personalmente costi e benefici.

Come calcolare il costo

Anche qui si tratta di un punto della discussione non semplice da affrontare, perché influenzato da numerosi fattori.

L’unica certezza sui costi del tagliando è data dal fatto di poter aderire alle offerte che, puntualmente, le case costruttrici propongono attraverso la propria rete di centri specializzati. Generalmente abbastanza chiare, mettono sul piatto un pacchetto di interventi e un relativo costo ‘senza sorprese’.

Negli altri casi calcolare il costo del tagliando non è mai semplice ed è frutto di stime approssimative. Quello che si può dare per certo è che se decidiamo di effettuare un cambio olio e filtro da soli ci basta sapere quanto ci costano i ricambi per conoscere il costo del tagliando.

Sicuramente un buon giro di preventivi, che possono essere fatti anche via Internet in alcuni siti specializzati, potrà chiarire maggiormente le idee in sede di valutazione dei costi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche