Test drive per la nuova Mercedes Classe C 220 d

Autonomia, prestazioni e interni: ecco tutti i dettagli in merito.

Con il suo motore diesel 2.0 micro-ibrido, questa nuova Mercedes Classe C è una piacevole macchina da viaggio. Tuttavia… non è economica. Ad ogni modo, stiamo per parlarvi di una tradizione ormai conclamata: con ogni nuovo modello, le auto diventano più grandi.

La nuova Classe C è ora lunga 4,75 m, 6 cm più lunga del suo predecessore, e si avvicina ai 4,82 m di una Classe E dell’inizio del 2000.

Di conseguenza, questa wagon sarà meno facile da parcheggiare, ma offre in cambio un bello spazio a bordo, con sedili posteriori spaziosi. Tuttavia, a causa dell’architettura a trazione posteriore, un terzo passeggero al centro sarà sempre mal accolto, tra uno schienale duro e un grande tunnel di trasmissione.

Ciononostante, vanta un volume sufficiente per i bagagli di tutta la famiglia (370 dm3 per la precisione). Questa accogliente Mercedes è soprattutto spettacolare a bordo, con i suoi dettagli ornati in cromo, acciaio inossidabile per le griglie degli altoparlanti e, soprattutto, con i suoi schermi gigant. Si tratta infatti di ben 12,3 pollici e 11,9 per quello centrale, con una definizione ordinata.

Tuttavia, ci dispiace che lo schermo centrale che controlla quasi tutto a bordo sia posizionato un po’ in basso, costringendo a distogliere lo sguardo dalla strada.

Non è molto pratico, soprattutto quando si tratta di regolare l’aria condizionata. Infine, i più pignoli noteranno una battuta d’arresto in termini di qualità del materiale per il cruscotto, di cui solo il tappo superiore è schiumato. Tutto il resto è plastica dura, a meno che non si passi attraverso le opzioni per arricchirlo con tocchi di legno (450 o 500 €). Data la politica dei prezzi – da 55.900 euro per la AMG Line – è un peccato!

Mercedes Classe C dettagli

Mercedes Classe C: sorpasso facile

Sotto il cofano di questa C 220 d, Mercedes ha infilato il suo motore diesel a 4 cilindri con 200 CV e soprattutto 440 Nm di coppia da 1.800 giri. Il tutto supportato da un alternatore-avviamento a 48 V in grado di fornire una spinta ai bassi regimi. Anche se romba un po’ in accelerazione, questo gasolio è poi molto discreto a velocità costante (solo 67 dBA a 130 km/h). Inoltre, conferisce a questa tedesca una grande brillantezza nonostante il suo peso considerevole: ben 1.835 kg misurati. Con solo 5 secondi per passare da 80 a 120 km/h, questa wagon diesel permette di sorpassare in tutta sicurezza.

È un peccato che il cambio automatico a 9 velocità sia un po’ pigro e si precipiti nelle marce più alte per risparmiare carburante. Si paga alla pompa, tuttavia, dato che questo 220d è un vero cammello sulla strada e autostrada (5,5 l e 5,4 l/100 km). In città, il sistema stop & start è veloce e discreto, ma il pedale del freno è sgradevole, con un attacco spugnoso e reazioni brutali.

Manipolazione efficiente

Infine, il telaio di questa C è molto grande, con diverse definizioni a seconda della versione scelta. Qui, nella linea AMG, il telaio Sport combinato con lo sterzo diretto dona un comportamento efficiente e abbastanza agile, soprattutto con le grandi ruote da 19 pollici, al prezzo di una sensazione di strada ferma. Le altre finiture sono più flessibili (molle e smorzamento vanno in questa direzione) e, in questo caso, la Mercedes rimbalza su strade deformate.

Questo dettaglio può essere più coerente con l’opzione di smorzamento controllato accoppiato con lo sterzo della ruota posteriore, che non siamo ancora stati in grado di testare. Questa è solo una delle tante raffinatezze che si aggiungono alla valutazione. Nel frattempo, ci sono alcune novità anche per la nuova Mercedes Classe C All-Terrain.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Hyundai Vision FK Coupé: l’idrogeno diventa sportivo

Le auto di Floyd Mayweather: quali veicoli possiede l’ex pugile?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media