Toyota riduce di nuovo la produzione per carenza di chip e parti

Semiconduttori e cablaggi sono mancanti a causa dei blocchi nel sud-est asiatico.

Toyota Motor Corp. taglierà di nuovo la produzione globale di 330.000 unità, a causa della pandemia e della carenza di microchip. Il colpo totale rappresenta un taglio del 40 per cento dal piano di produzione originale di ottobre di Toyota.

Nell’annunciare l’inversione, Toyota ha detto che subirà un colpo ancor più grande del previsto a settembre. Si aspetta infatti di perdere altre 70.000 unità questo mese.

Già ad agosto Toyota ha avvertito che avrebbe perso 360.000 veicoli di produzione a livello globale nel mese di settembre. A differenza dell’annuncio del mese scorso, l’azienda stavolta ha detto che avrebbe abbassato il suo obiettivo a 9 milioni di unità per l’anno fiscale che termina il 31 marzo 2022.

In precedenza aveva pianificato di produrre 9,3 milioni di veicoli in tutto il mondo.

Questo totale copre solo la produzione di Toyota e Lexus, non Daihatsu o Hino. Nel frattempo, potreste valutare alcune auto già presenti sul mercato, come la Toyota Corolla 2021.

Toyota: un duro colpo

Circa 180.000 unità saranno perse nelle fabbriche d’oltremare, mentre gli impianti domestici di Toyota in Giappone produrranno 150.000 unità in meno per il mese.

Il responsabile degli acquisti globali di Toyota, Kazunari Kumakura, ha rifiutato di dare una ripartizione regionale per l’impatto all’estero. Kumakura ha dato la colpa del rallentamento ai blocchi della catena di approvvigionamento innescati nel sud-est asiatico, dove le fabbriche stanno sospendendo le operazioni a causa dei continui focolai di COVID-19. Ha detto che l’impatto in Malesia è stato il peggiore, ma ha anche citato il Vietnam come un punto critico.

Una serie di materiali, tra cui semiconduttori e cablaggi, sono davvero pochi. “Le operazioni si stanno lentamente riprendendo, ma ci vorrà ancora tempo per produrre pezzi finiti”, ha detto Kumakura. “Non possiamo dire definitivamente quando saremo in grado di vedere un rimbalzo”. In una dichiarazione, Toyota sembra suggerire che il business potrebbe normalizzarsi un po’ a partire da novembre.

“Anche se le prospettive per novembre e oltre non sono chiare, la domanda attuale rimane molto forte. Di conseguenza, il piano di produzione per novembre e oltre presuppone che il piano precedente sarà mantenuto”, ha detto, avvertendo che le cose sono ancora in movimento. “Stiamo continuando a valutare la produzione prevista per ottobre, e annunceremo ulteriori dettagli a metà settembre”.

Nonostante il piano di produzione ammaccato, il CFO Kenta Kon ha detto che Toyota manterrà invariata la sua previsione di profitto operativo per l’anno fiscale in corso. Toyota dovrebbe essere in grado di stabilizzare i profitti, nonostante la produzione di meno auto. Tutto ciò a causa dei controlli dei costi e di un tasso di cambio favorevole. Nel primo trimestre fiscale dell’azienda, conclusosi il 30 giugno, la casa automobilistica ha riportato un utile operativo trimestrale di tutti i tempi.

Ciononostante, ci ha sorpreso avvertendoci delle grandi riduzioni di produzione per settembre. Nel frattempo, però, l’azienda ha dei piani ben specifici per il futuro delle sue auto.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cupra Urban Rebel Concept: caratteristiche e tipologia

Il CEO di Audi immagina un 2030 dominato dagli EV

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media